Pagina principale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benvenuti su Wikipedia
L'enciclopedia libera e collaborativa
1 329 135 voci in italiano

Versione per dispositivi mobili

Clicca qui per sfogliare l'indice delle voci! Sfoglia l'indice   1rightarrow.pngConsulta il sommario   Clicca qui per navigare tra i portali tematici! Naviga tra i portali tematici

Vetrina
Vetrina
Kyu furukawa teien yokan.jpg

Umineko When They Cry (うみねこのなく頃に Umineko no naku koro ni?, lett. «Quando stridono i gabbiani») — anche nota semplicemente come Umineko — è una serie di otto videogiochi di tipo sound novel dōjin soft giapponesi di genere giallo scritta da Ryukishi07 e pubblicata tra il 17 agosto 2007 e il 31 dicembre 2010 dalla 07th Expansion. È il secondo capitolo del franchise When They Cry (iniziato con Higurashi no naku koro ni) e come il predecessore si compone a sua volta di due parti: Umineko no naku koro ni e Umineko no naku koro ni chiru. La storia ruota attorno alle vicende di diciotto persone bloccate tra il 4 e 5 ottobre 1986 su un'isola di proprietà privata e ai misteriosi omicidi che le riguardano. Lo scopo del gioco è determinare se l'assassino è di natura umana o soprannaturale. In Italia un progetto amatoriale di traduzione ha reso gli otto episodi della serie interamente disponibili in italiano.

La sound novel può essere riprodotta su Microsoft Windows e telefono cellulare. La versione per PlayStation 3, prodotta dalla Alchemist, è invece un remake in alta definizione, fornito del doppiaggio giapponese, di tutte le colonne sonore originali della sound novel e di un nuovo character design. I primi quattro giochi sono stati pubblicati il 16 dicembre 2010 con il titolo Umineko no naku koro ni: majo to suiri no rondo, mentre il seguito, caratterizzato dal sottotitolo Shinjitsu to gensō no nocturne, è uscito un anno più tardi, il 15 dicembre 2011. La serie è stata resa disponibile, sempre dalla Alchemist, anche per PlayStation Portable con il titolo Umineko no naku koro ni Portable ed è stata divisa in quattro parti, delle quali solo le prime due sono state pubblicate rispettivamente il 20 ottobre e il 17 novembre 2011.

Inizialmente circoscritto ai Comiket giapponesi dove ogni gioco per PC ha fatto il suo debutto, Umineko When They Cry ha poi ottenuto vari adattamenti, tra cui i manga pubblicati da Square Enix, Ichijinsha, Kadokawa e Ohzora Publishing, una serie televisiva anime di ventisei episodi prodotta dallo Studio Deen, e i romanzi pubblicati da Kōdansha Box. Mentre l'anime e l'adattamento principale dei manga sono stati distribuiti anche in America del Nord, nel luglio 2016 i primi quattro videogiochi sono stati aggiunti al catalogo di Steam in lingua inglese per un'edizione internazionale. Quanto alla critica, la serie di sound novel è stata lodata per la storia, i personaggi e la colonna sonora.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina

Voci di qualità
Voci di qualità
Jules dumont d urville.jpg
Jules Sébastien César Dumont d'Urville (Condé-sur-Noireau, 23 maggio 1790Meudon, 8 maggio 1842) è stato un ammiraglio ed esploratore francese.

La sua fama è dovuta essenzialmente ai viaggi da lui compiuti, dapprima con la corvetta Chevrette da ufficiale in sottordine, poi al comando della corvetta Coquille nelle acque australiane e neozelandesi, al quale fece seguito un'intensa attività cartografica e di relazione delle sue scoperte e valutazioni, anche di interesse politico-militare. Il secondo viaggio fu l'incarico di circumnavigare il globo in tre anni con la Chevrette, rinominata per l'occasione Astrolabe, in onore dell'omonima nave di La Pérouse; successivamente, venne incaricato di aprirsi la strada verso il Polo Sud con due corvette, ancora la Astrolabe e in più la Zeleé. Il tentativo però fu inizialmente frustrato dai ghiacci che imprigionarono le navi, costringendole a ritornare verso il Sudamerica, e poi dallo scorbuto che decimò gli equipaggi costringendo d'Urville a fare di nuovo rotta verso sud con una sola nave. Raggiunto il circolo polare antartico, d'Urville ritornò in patria, dove venne nominato contrammiraglio a coronamento della sua carriera. Morì tragicamente in un disastro ferroviario mentre si recava a Versailles in un'occasione ufficiale.

Leggi la voce · Tutte le voci di qualità

Lo sapevi che...
Lo sapevi che...
The Qianlong Emperor in Ceremonial Armour on Horseback.jpg

Giuseppe Castiglione (cinese semplificato; 郎世宁, cinese tradizionale: 郎世寧, pinyin: Láng Shìníng; Milano, 19 luglio 1688Pechino, 17 luglio 1766) è stato un gesuita, missionario e pittore italiano, vissuto in Cina. Ha servito come pittore sotto il regno di tre imperatori (Kangxi, Yongzheng e Qianlong) creando uno stile originale di pittura che unisce tecnica occidentale e orientale. I suoi capolavori sono conservati nei musei imperiali di Pechino e di Taipei.

Leggi la voce · Proponi un'altra voce

Ricorrenze
Ricorrenze
Jake Blues (John Belushi).JPG
John Belushi

Nati il 24 gennaio...
Adriano (76)
Federico II di Prussia (1712)
John Belushi (1949)

... e morti
Caligola (41)
Winston Churchill (1965)
Gianni Agnelli (2003)

In questo giorno accadde...
41 - Claudio, dopo l'assassinio di Caligola, diventa imperatore romano.
1742 - Carlo VII di Baviera diventa sacro romano imperatore.
1924 - La città di San Pietroburgo viene ribattezzata Leningrado.
1972 - Shoichi Yokoi, un soldato giapponese della seconda guerra mondiale, viene ritrovato ancora in armi sull'isola di Guam.

Oggi ricorre: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Babila di Antiochia, Feliciano di Foligno e Francesco di Sales. La religione romana celebrava il primo giorno delle Sementivae.

Nelle altre lingue
Nelle altre lingue

Di seguito sono elencate le 10 versioni maggiori di Wikipedia e una selezione casuale di altre edizioni con un numero minore di voci:

Le 10 maggiori (al 24 gennaio 2017): English (inglese) (5.326.569+) · Binisaya (cebuano) (3.835.075+) · Svenska (svedese) (3.782.271+) · Deutsch (tedesco) (2.023.729+) · Nederlands (olandese) (1.891.347+) · Français (francese) (1.835.195+) · Русский (russo) (1.368.085+) · Italiano (1 329 135) · Español (spagnolo) (1.310.139+) · Winaray (waray) (1.262.078+)

Dal mondo di Wikipedia: Dansk (danese) · Hrvatski (croato) · Sinugboanong Binisaya (cebuano) · Shqip (albanese) · Беларуская (bielorusso) · 粵語 (cantonese) · Ўзбек (usbeco) · Corsu (corso) · संस्कृतम् (sanscrito) · Basa Banyumasan (banyumasan) · Novial (novial) · සිංහල (singalese) · Interlingue (interlingue) · Luenga estremeña (estremadurano) · Asusu Igbo (igbo) · Diné bizaad (navajo) · অসমীয়া ভাষা আৰু লিপি (assamese) · Sawcuengh (zhuang)

Oltre Wikipedia
Oltre Wikipedia

Wikipedia è gestita da Wikimedia Foundation, fondazione senza fini di lucro, che supporta diversi altri progetti wiki dal contenuto libero e multilingue:

Commons-logo.svg
Commons
Risorse multimediali condivise
Wikiquote-logo.svg
Wikiquote
Raccolta di citazioni
Wiktionary-logo.svg
Wikizionario
Dizionario e lessico
Wikinews-logo.svg
Wikinotizie
Notizie a contenuto aperto
Wikispecies-logo.svg
Wikispecies
Catalogo delle specie
Wikimedia Community Logo.svg
Meta-Wiki
Progetto di coordinamento Wikimedia
Wikibooks-logo.svg
Wikibooks
Manuali e libri di testo liberi scritti ex novo
Wikisource-logo.svg
Wikisource
Opere già pubblicate e libere da copyright
Wikiversity-logo.svg
Wikiversità
Risorse e attività didattiche
Wikidata-logo.svg
Wikidata
Database di conoscenza libera
Wikivoyage-Logo-v3-icon.svg
Wikivoyage
Guida turistica mondiale

Wikipedia
Wikipedia

Wikipedia è un'enciclopedia online, collaborativa e culturalmente libera.

Grazie al contributo di volontari di tutto il mondo, Wikipedia è disponibile in oltre 280 lingue. Chiunque può contribuire alle voci esistenti o crearne di nuove, affrontando sia gli argomenti tipici delle enciclopedie tradizionali sia quelli presenti in almanacchi, dizionari geografici e pubblicazioni specialistiche.

I contenuti di Wikipedia sono protetti da una licenza libera, la Creative Commons CC BY-SA, che ne permette il riutilizzo per qualsiasi scopo adottando la medesima licenza.

Cosa posso fare?
Cosa posso fare?

Chi fa Wikipedia?
Chi fa Wikipedia?

La comunità di Wikipedia in lingua italiana è composta da 1 457 220 utenti registrati, dei quali 8 029 hanno contribuito con almeno una modifica nell'ultimo mese e 109 hanno funzioni di servizio. Gli utenti costituiscono una comunità collaborativa, in cui tutti i membri, grazie anche ai progetti tematici e ai rispettivi luoghi di discussione, coordinano i propri sforzi nella redazione delle voci.

Novità da Wikipedia
Novità da Wikipedia

Voci nuove in evidenza:

Jessikka Aro · Thymus alpestris · Kompromat

Voci sostanzialmente modificate in evidenza:

Focke-Wulf Ta 152 · Le Imperdibili · Pierina Borsani

Sono nati i portali:

Femminismo · Ellenismo · Antico Egitto · L'Aquila · Maldive

il Wikipediano, notizie dalla comunità

Dagli altri progetti
Dagli altri progetti
Wikimedia-logo-meta.svg Traduzione della settimana da Meta-Wiki

Questa settimana la voce da tradurre è:

(versione in italiano: Monastero di San Pantaleone (Ocrida))

Wikiquote-logo.svg Citazione del giorno da Wikiquote

La guerra in un primo momento è la speranza che a uno possa andar meglio, poi l'attesa che all'altro vada peggio, quindi la soddisfazione perché l'altro non sta per niente meglio e infine la sorpresa perché a tutti e due va peggio.
Karl Kraus

Commons-logo.svg Immagine del giorno da Commons
Järise järv Saaremaal.jpg

Il lago Järise sull'isola di Saaremaa, in Estonia.

Wikinews-logo.svg Ultime notizie da Wikinotizie
Wikisource-logo.svg Rilettura del mese su Wikisource

Eros
Giovanni Verga, Napoli, Fratelli Treves Editori, 1884

Verga - Eros, 1884.djvu
Wikivoyage-Logo-v3-icon.svg Destinazione del mese su Wikivoyage

Cartagena de Indias

Cartagena de Indias homebanner.jpg

Cartagena è la principale destinazione turistica della Colombia ed una delle più frequentate della regione caraibica, grazie alla sua favorevole posizione geografica in una baia contornata di isole e lagune e alla sua ricca storia derivante dall'essere stato il principale porto del continente durante il periodo coloniale spagnolo.

Wikipedia non dà garanzie sulla validità dei contenuti
Il progetto è ospitato dalla Wikimedia Foundation, che non può essere ritenuta responsabile di eventuali errori contenuti in questo sito.
Ogni contributore è responsabile dei propri inserimenti.