$h*! My Dad Says

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.png
Il titolo di questa pagina non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è $#*! My Dad Says.
$#*! My Dad Says
Shit My Dad Says.png
Titolo originale $#*! My Dad Says
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2010-2011
Formato serie TV
Genere sitcom
Stagioni 1
Episodi 18
Durata 20 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 16:9
Crediti
Ideatore David Kohan, Max Mutchnick, Justin Halpern, Patrick Schumacker
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore KoMut Entertainment, Warner Bros. Television
Prima visione
Prima TV originale
Dal 23 settembre 2010
Al 17 febbraio 2011
Rete televisiva CBS
Prima TV in italiano
Dal 29 maggio 2011
Al 25 settembre 2011
Rete televisiva Steel

$#*! My Dad Says è una sitcom statunitense, basata su dei feed inviati su Twitter creati da Justin Halpern. È stata cancellata dopo 18 episodi trasmessi.[1]

In Italia è stata trasmessa dal 29 maggio 2011 sul canale pay Steel ed in chiaro su Italia 1 dal 21 luglio 2012.

Tramamodifica | modifica wikitesto

La serie ruota attorno alle vicende quotidiani di Ed (al secolo Edison Milford "Ed" Goodson III), padre scontroso e prepotente di 72 anni, che ha divorziato tre volte, e sul suo rapporto con i due figli: Henry e Vince, che sono abituati alle offese del padre. Henry è uno scrittore e blogger che non riesce più a mantenersi l'affitto dopo aver perso il vecchio lavoro e si vede costretto a tornare a vivere con suo padre, che crea nuovi problemi nel loro già difficile rapporto. Le settimane passano ed Henry non riesce a trovare un lavoro come scrittore, finché durante un colloquio di lavoro Ed irrompe con una telefonata che scaturisce l'interesse del direttore. Il giovane è infine assunto, ma è costretto a continuare a vivere con Ed, al fine di poter continuare a scrivere citazioni di suo padre.

Episodimodifica | modifica wikitesto

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 18 2010-2011 2011

Criticamodifica | modifica wikitesto

La critica per l'episodio pilota della serie fu molto scarsa: Metacritic gli assegnò un punteggio di 28/100.[2]

Premimodifica | modifica wikitesto

Lo show ha vinto il premio "Favorite New TV Comedy" al 37th People's Choice Awards il 5 gennaio 2011.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ (EN) Robert Seidman, 'The Defenders,' 'S#*! My Dad Says,' and 'Mad Love' Canceled By CBS, tvbythenumbers.zap2it.com, 15 maggio 2011. URL consultato il 15 maggio 2011.
  2. ^ Metacritic Bleep My Dad Says Season 1 Reviews, metacritic.com.

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia:
0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione