"Mors" wz. 39

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pistolet maszynowy wz. 39
"Mors"
Mors smg.jpg
A sinistra una Mors
Tipo pistola mitragliatrice
Origine Polonia Polonia
Impiego
Conflitti Seconda guerra mondiale
Produzione
Progettista Piotr Wilniewczyc, Jan Skrzypiński
Data progettazione 1936-1938
Costruttore Państwowa Fabryka Karabinów
Entrata in servizio 1939
Numero prodotto 39
Descrizione
Peso 4,25 kg (senza caricatore)
Lunghezza 970 mm
Lunghezza canna 300 mm
Calibro 9 mm
Munizioni 9 × 19 mm Parabellum
Numero canne 1
Azionamento massa battente
Cadenza di tiro 500-550 rpm
Velocità alla volata 400 m/s
Tiro utile 440 m
Gittata massima 600 m
Alimentazione caricatore amovibile da 24 colpi
Organi di mira mire metalliche
Sviluppata da Erma EMP
WorldGuns.ru[1]
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La pistolet maszynowy wz. 39 Mors (ovvero pistola automatica modello 1939, dove Mors sta per 'morte' in latino e 'tricheco' in polacco) era un pistola mitragliatrice polacca progettata da Piotr Wilniewczyc e Jan Skrzypiński tra il 1936 ed il 1938. Sarebbe dovuta diventare l'arma d'ordinanza dell'esercito polacco negli anni '40, ma la sua produzione fu interrotta nel 1939 dall'invasione tedesca della Polonia.

L'impostazione generale dell'arma era ispirata a quella della tedesca Erma EMP. Comuni alle due armi erano il calcio in legno e l'impugnatura a pistola anteriore; la differenza principale era nella posizione del bocchettone del caricatore nel Mors, sotto al castello, invece che sul lato sinistro come nell'Erma. L'arma era destinata ad unità di fanteria, agli equipaggi di carri armati e treni corazzati e ai gruppi d'abbordaggio della marina. In seguito l'idea di assegnarlo agli equipaggi dei carri venne abbandonata a causa delle dimensioni troppo ingombranti dell'arma. Dopo un'estesa campagna di prove, l'arma si dimostro affidabile e resistente. Il primo lotto di pre-serie venne ordinato nel marzo 1939, mentre veniva pianificato l'acquisto di un ulteriore lotto. A causa del precipitare degli eventi bellici, la Państwowa Fabryka Karabinów interruppe la produzione a 39 pezzi, tra i quali 3 prototipi. Dopo l'inizio della campagna di Polonia, tutte le armi vennero assegnate al 3º Battaglione fucilieri, che le impiegò durante l'assedio di Varsavia, ed alla compagnia comando della 39ª Divisione di fanteria.

Solo 4 di queste armi sono sopravvissute alla guerra: una è conservata nel Museo dell'esercito polacco a Varsavia (il Nº 38, acquistato dall'Unione Sovietica nel 1983), due in Russia (il Nº 19 a San Pietroburgo ed il Nº 39 a Mosca), uno a Budapest[2].

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ http://modernfirearms.net/smg/pl/mors-wz39-e.html
  2. ^ Wilk, Remigiusz: Drugi Mors w Polsce!, "Broń i Amunicja" Nr. 03/2013, p.41 (PL)

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Konstankiewicz A., Broń strzelecka Wojska Polskiego 1918-39, Varsavia 1986
  • Głębowicz W., Indywidualna bron strzelecka II wojny światowej, Varsavia 2010

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi