'A risa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La risata
La risata.jpg
78 giri de "La risata"
Artista Berardo Cantalamessa
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1895
Durata 2:48
Genere Canzone napoletana
Etichetta International Zonophone Company X-459
Berardo Cantalamessa - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
'E tre d' 'a chiazza
(1904)

La risata ('A risa) è una canzone scritta e interpretata da Bernardo Cantalamessa[1]. La canzone costituisce la prima edizione fonografica assoluta in Italia (sia a 78 giri che in generale), ed è stata pubblicata dalla casa discografica milanese International Zonophone Company[2][3]. L'idea di incidere una canzone su un disco gli venne ascoltando per caso un'incisione su rullo di un cilindro fonografico di un cantante afroamericano proveniente dagli Stati Uniti. E così decise di incidere la canzone su un disco[4]. La canzone è stata reinterpretata da Aurelio Fierro, da suo figlio Flavio a MilleVoci 2008 in onda su Tele A, venne cantata in italiano da Luigi Prestini e da Nicola Maldacea. Nel 78 giri originale una voce fa da introduzione alla canzone[5]:

« "La risata", canzonetta napoletana di Bernardo Cantalamessa eseguita dall'autore stesso. »

Testomodifica | modifica wikitesto

Io tengo, 'a che só' nato,
nu vizio gruosso assaje...
nun ll'aggio perzo maje...
va' trova lu ppecché!
Mm'è sempe piaciuto
di stare in allegria
io, la malinconia,
nun saccio che rrobb'è!

De tutto rido…e che nce pòzzo fá!?
Ah – ah – ah – ah…..
Nun mme ne ‘mporta si stóngo a sbaglià...
Ah – ah – ah – ah....

Io rido si uno chiagne,
si stóngo disperato,
si nun aggio magnato,
rido senza penzá...
Mme pare che redenno,
ogne turmiento passa...
nce se recréa e spassa...
cchiù allero se pò stá...

Sarrá difetto gruosso chistu ccá...
Ah – ah – ah – ah...
Ma ‘o tengo e nun mm”o pòzzo cchiù levá...
Ah – ah – ah – ah...

Lu nonno mio diceva
ca tutte li ffacenne
faceva isso redenno...
E accussí i' voglio fá...
Chist'è ‘o difetto mio,
vuje giá mo lu ssapite...
‘nzieme cu me redite
ca bene ve farrá!

Redite e ghiammo ja':
Ah – ah – ah – ah
Ca bene ve farrá:
Ah – ah – ah – ah
Ah – ah – ah – ah

Traduzione[6]modifica | modifica wikitesto

Ho, da quando sono nato,
un vizio molto grande.
non l'ho perso mai,
vai a trovare il perché.
Mi è sempre piaciuto
di stare in allegria.
Io, la malinconia,
non so che cos'è.

Di tutto rido, e che ci posso fare?
Ah - ah - ah - ah.
Non m'importa se sto sbagliando.
Ah - ah - ah - ah.

Io rido se uno piange,
se sono disperato,
se non ho mangiato,
rido senza pensare.
Mi sembra che ridendo,
ogni tormento passi.
Ci si rallegra e diverte,
più allegro si può stare.

Sarà un difetto grosso questo qua.
Ah - ah - ah - ah.
Ma ce l'ho e non me lo posso più togliere.
Ah - ah - ah - ah.

Il nonno diceva
che tutte le cose
lui le faceva ridendo.
E così io voglio fare.
Questo è il mio difetto,
voi già lo sapete,
con me ridete

Ridete e andiamo, forza.
Ah - ah - ah - ah.
Che bene vi farà.
Ah - ah - ah - ah.
che bene vi farà.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Sull'etichetta del disco la canzone è accreditata a Berardo Cantalamessa e Olimpia d'Avigny.
  2. ^ Bernardo Cantalamessa: La Risata, ildiscobolo.net. URL consultato il 25 agosto 2011..
  3. ^ Gianni Valentino, Macchiette: Ecco l'antologia sulla canzone che fa ridere, 5 gennaio 2011. URL consultato il 25 agosto 2011..
  4. ^ 'A risa.
  5. ^ 'A Risa.
  6. ^ 'A Risa.

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica