'Abd al-Ilah bin 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
ʿAbd al-Ilāh bin ʿAbd al-ʿAzīz Al Saʿūd
Principe dell'Arabia Saudita
Stemma
Nome completo ʿAbd al-Ilāh bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd
Nascita Riyad, 1939
Dinastia Dinastia Saudita
Padre Re ʿAbd al-ʿAzīz
Madre Ḥāya bint Saʿd al-Sudayrī
Consorte Salwa al-Aḥmed
Figli Principe ʿAbd al-ʿAzīz
Principe Mishāʾil
Principe ʿAbd al-Majīd
Principessa Fahda
Principessa Nūra
Religione Musulmano sunnita
ʿAbd al-Ilāh bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd

Governatore della provincia di al-Jawf
Durata mandato 1998 –
2001
Monarca Re Fahd
Predecessore Sultan bin 'Abd al-Rahman al-Sudayri[1]
Successore Fahd bin Badr bin 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud

Governatore della provincia di al-Qasim
Durata mandato marzo 1982 –
marzo 1992
Monarca Re Khālid
Re Fahd
Predecessore Fahd bin Mohammad bin 'Abd al-Rahman bin Faysal Al Sa'ud
Successore Faysal bin Bandar Al Sa'ud

ʿAbd al-Ilāh b. ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd, (in arabo: عبد الإله بن عبد العزيز آل سعود‎) (Riyad, 1939), è un principe e politico saudita, membro della famiglia reale Al Saʿūd.

Primi anni di vitamodifica | modifica wikitesto

Il principe ʿAbd al-Ilāh è nato nel 1939,[2][3] da Re ʿAbd al-ʿAzīz e Ḥāya bint Saʿd al-Sudayrī, componente della potente famiglia Sudayrī, morta a Riyad il 18 aprile 2003 all'età di 90 anni.[4] Egli era fratello germano dei defunti principi Badr e ʿAbd al-Majīd.[5][6]

Carrieramodifica | modifica wikitesto

Il principe ʿAbd al-Ilāh ha servito come governatore della Provincia di al-Qāsim dal marzo 1980 al marzo 1992. Poi, fu nominato governatore della Provincia di al-Jawf nel 1998, carica che mantenne fino al 2001.[2][7] Ha accompagnato re Abd Allah nei viaggi diplomatici all'estero quando questi era principe ereditario.[8][9]

È membro del Consiglio di Fedeltà dalla sua istituzione.[10] L'8 ottobre 2008 è stato nominato consigliere del Re ʿAbd Allāh con rango di ministro.[10][11] Egli è un imprenditore e presidente dell'Arabian Jewelry Company e della National Automobile Company.[2]

Successionemodifica | modifica wikitesto

Anche se il principe ʿAbd al-Ilāh è stato considerato un candidato per il trono in virtù dell'anzianità, ha avuto alcuni inconvenienti sfortunati nella sua carriera di governatore. Quando è stato rimosso dai due governatorati, vi erano dubbi circa la sua competenza.[12]

Vita personalemodifica | modifica wikitesto

Il principe ʿAbd al-Ilāh è sposato con la principessa Salwa al-Aḥmed, medico. I suoi figli, tre maschi e due femmine sono ʿAbd al-ʿAzīz (nato nel 1965), funzionario dell'Al-Rajhi Bank, Mishāʾil, ʿAbd al-Majīd e Fahda (gemelli, nati nel 1993) e Nūra (nata nel 1995).[13]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Emirs of al Jouf, Ministry of Interior. URL consultato il 13 maggio 2012.
  2. ^ a b c Sharaf Sabri, The House of Saud in Commerce: A Study of Royal Entrepreneurship in Saudi Arabia, I.S. Publications, 2001, pp. 148–149, ISBN 81-901254-0-0.
  3. ^ Simon Henderson, After King Abdullah: Succession in Saudi Arabia (PDF), in Policy Focus #96, Washington Institute for Near East Policy, agosto 2008. URL consultato il 12 maggio 2011.
  4. ^ Princess Haya Bint Saad Al Sudairi, 90, Wife of Modern Saudi Arabia Founder, in Sun Sentinel, 7 maggio 2003. URL consultato il 2 aprile 2013.
  5. ^ Princess Haya, 90; Wife of a Founder of Modern Saudi Arabia, in Los Angeles Times, 5 maggio 2003. URL consultato il 4 maggio 2012.
  6. ^ One of the wives of King Abdul Aziz dies, in Albawaba, 3 maggio 2003. URL consultato il 22 gennaio 2013.
  7. ^ King Fahd holds talks with the Jordanian King, King Fahd bin Abdulaziz, 14 maggio 2000. URL consultato il 12 maggio 2011.
  8. ^ Crown Prince Abdullah leaves for United States of America, SAMIRAD, 23 aprile 2005. URL consultato il 12 maggio 2011.
  9. ^ Crown Prince receives Palestinian Premier, SAMIRAD, 30 dicembre 2003. URL consultato il 12 maggio 2011.
  10. ^ a b Prince Abdul-Ilah bin Abdulaziz appointed royal adviser, Saudi Embassy, Washington D.C., 10 ottobre 2008. URL consultato il 13 maggio 2012.
  11. ^ Simon Henderson, Saudi Leadership Crisis Looms: Health of Crown Prince Falters, The Washington Institute, 21 gennaio 2009. URL consultato il 6 giugno 2012.
  12. ^ Cable reference id: #09RIYADH1434 (28 October 2009), Wikileaks. URL consultato il 10 aprile 2012.
  13. ^ Family Tree of Abd Ilah bin Abdulaziz bin Abdul Rahman Al Saud, Datarabia. URL consultato il 30 marzo 2012.