Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

'Abd al-Rahman al-Awza'i

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Abū ʿAmr ʿAbd al-Raḥmān ibn ʿAmr al-Awzāʿī (in arabo: عبد الرحمن بن عمرو الأوزاعي‎; Damasco, 707Beirut, 774) è stato un giurista arabo fondatore di un madhhab sunnita ormai scomparso.

Nato a Damasco, o forse a Baalbek (attuale Libano) di lui si hanno pochissimi dati biografici ma la sua opera più importante (gli Uṣūl al-fiqh) ci sono giunti grazie al lavoro di Abu Yusuf (m. 798), l'Al-radd ʿalā siyar al-Awzāʿī, in cui si sottolinea la fedeltà di al-Awzāʿī alla "tradizione vivente", ossia l'ininterrotta pratica dei musulmani di rifarsi alle generazioni precedenti in materia di diritto.
Per al-Awzāʿī, questa era le vera Sunna di Maometto.

La scuola giuridica di al-Awzāʿī fiorì nel Bilād al-Shām, nel Maghreb e in al-Andalus, ma in seguito dovette cedere quasi ovunque il posto alla scuola malikita nel corso del IX secolo. A causa tuttavia della sua autorevolezza e della sua reputazione di pio musulmano, le sue opinioni rimangono un prezioso patrimonio giurisprudenziale.

Fu sepolto presso Beirut, dove la sua tomba è tuttora visitata.[1]

Storia del madhhab di al-Awzāʿīmodifica | modifica wikitesto

Nel Maghreb e in al-Andalusmodifica | modifica wikitesto

Alcuni studiosi ipotizzano che i motivi per cui gli abitanti del Maghreb abbracciarono il madhhab di Malik ibn Anas consistevano nel fatto che il Maghreb e al-Andalus facevano originariamente riferimento al madhhab di al-Awzāʿī. Tuttavia fin dalla conquista omayyade del califfato (661 e all'esplodere della Grande rivolta berbera (739/740–743), quelle regioni erano prevalentemente kharigite, tanto che a tale pensiero si rifacevano i Maghrawa e gli ibaditi Rustemidi, mentre la Tunisia e al-Andalus seguirono la scuola malikita solo dopo l'ascesa degli Almoravidi (fine dell'XI-inizi del XII secolo).

In seguito, durante l'Emirato di al-Ḥakam I, le fatwa ufficiali cambiarono e si accordarono alle opinioni di Mālik b. Anas e alla tradizione di al-Madīna.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ John Esposito, The Oxford Dictionary of Islam, Oxford University Press, 2003

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN46608490 · LCCN: (ENnr89017381 · ISNI: (EN0000 0000 6697 6373 · GND: (DE119129345 · BNF: (FRcb13744533x (data)