'Amr ibn Dinar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

ʿAmr ibn Dīnār (in arabo: ﻋﻤﺮﻭ ﺑﻦ ﺩﻳﻨﺎﺭ‎; La Mecca, ... – La Mecca, 743 o 744) è stato un giurista arabo, soprannominato "al-Athram", ossia "lo sdentato".

Abū Muḥammad ʿAmr ibn Dīnār al-Jumaḥī tramandò, tra gli altri, ʾaḥādīth di ʿAbd Allāh b. ʿAbbās, di ʿUrwa b. al-Zubayr, di Abu Hurayra, e di ʿAmr b. al-ʿĀṣ.

Ebbe tra i suoi allievi Ibn Jurayj e Sufyān b. ʿUyayna. Tramandò tra gli altri vari ʾaḥādīth di Abū Hāshim.

ʿAlī ibn al-Madīnī lo ricorda come uno dei sei più autorevoli conoscitori di tradizioni (ḥuffāẓ) di Mecca della sua epoca.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • (AR) Ibn Hajar al-'Asqalani, Tahdhīb al-tahdhib, Hyderabad, Dāʾirat al-maʿārif al-niẓāmiyya, 1907-09, 12 voll., VIII, pp. 38-40, n. 45.
  • Harald Motzki (ed.), The Origins of Islamic Jurisprudence: Meccan Fiqh Before the Classical Schools, Leida-Boston-Colonia, Brill, 2002.
  • Gregor Schoeler, Uwe Vagelpohl, James E. Montgomery, The Oral and the Written in Early Islam, Abingdon, Oxon, Routledge, 2006, p. 128.