Kobanê

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da 'Ayn al-'Arab)
Kobanê/ʿAyn al-ʿArab
città
Kobanî/عين العرب
Kobanê/ʿAyn al-ʿArab – Veduta
Localizzazione
Stato Siria Siria
Governatorato Aleppo
Distretto 'Ayn al-'Arab
Sottodistretto 'Ayn al-'Arab
Territorio
Coordinate 36°53′23″N 38°21′20″E / 36.889722°N 38.355556°E36.889722; 38.355556 (Kobanê/ʿAyn al-ʿArab)Coordinate: 36°53′23″N 38°21′20″E / 36.889722°N 38.355556°E36.889722; 38.355556 (Kobanê/ʿAyn al-ʿArab)
Altitudine 511 m s.l.m.
Abitanti 44 821 (2004)
Altre informazioni
Lingue curdo, arabo, armeno
Cod. postale C1946
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Siria
Kobanê/ʿAyn al-ʿArab
Kobanê/ʿAyn al-ʿArab

Ayn al-Arab (in arabo: عين العرب‎, ʿAyn al-ʿArab, "fonte degli Arabi"; in curdo: کۆبانی‎‎, Kobânî/Kobânê) è una città nel nord della Siria, nell'attuale Kurdistan siriano (in lingua curda Rojavayê Kurdistanê e in arabo کوردستان السورية, Kūrdistān al-Sūriya, o più genericamente, Rojava, "ovest" in curdo), situata nei pressi della frontiera con la Turchia. Oggi fa parte della confederazione democratica del rojava regione autonoma de facto nel cantone che prende il nome da questa città.

Secondo il censimento del 2007, ha una popolazione di 54 681 abitanti ed è abitata da curdi, arabi, turcomanni e armeni, in base a una stima del 2013.[1]

Storiamodifica | modifica wikitesto

Il nome della città deriva da quello di una società tedesca che, nel secondo decennio del XX secolo, costruì sul sito una delle stazioni dell'ambiziosa ferrovia Berlino-Baghdad.[2] Rifugiati armeni cristiani, scampati ai massacri dei Giovani Turchi ottomani in Anatolia, fondarono un villaggio nelle vicinanze della stazione già nel 1915 e qui furono subito raggiunti da curdi musulmani che vivevano nelle aree circostanti.

Dalla metà del XX secolo, vi erano tre chiese armene in città, ma la maggior parte della popolazione armena emigrò poi in Unione Sovietica negli anni sessanta.[2] La struttura urbanistica di Kobanê è stata in gran parte pianificata e realizzata dalle autorità francesi nel corso del mandato francese della Siria e del Libano e un buon numero di edifici di costruzione francese è ancor oggi in uso.

Storia recentemodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Assedio di Kobanê.

Come conseguenza della guerra civile siriana, la cittadina è passata sotto il controllo delle unità di difesa del movimento confederalista curdo (PYD) le Yekîneyên Parastina Gel[3] il 19 luglio 2012,[4] visto che per questa organizzazione la regione ha un forte valore simbolico, oltre a un'accentuata rilevanza strategica e culturale (tanto che il leader curdo Abdullah Öcalan vi si era recato il 2 luglio 1979, poco dopo la fondazione del PKK).

Il 2 luglio del 2014, lo Stato Islamico ha tentato di assumerne il controllo con le armi[5] e, dopo un secondo tentativo nel settembre 2014, la città è stata soprannominata la "Stalingrado del Vicino Oriente", per sottolineare la strenua resistenza da parte dei militanti di YPG e YPJ.[6]

Kobanê, ai primi di ottobre del 2014 era stretta d'assedio dalle forze dell'ISIS che si muovevano da sud e da ovest finché, penetrate nei sobborghi della città, sono state costrette a combattere casa per casa dai resistenti curdi, giungendo il 12 ottobre a conquistare l'80% circa dell'intera area urbana prima di essere costrette a un parziale arretramento a causa dell'efficace contrattacco dei curdi delle unità miste e femminili che giorno e notte difendevano la città.

Il 26 gennaio 2015, dopo oltre quattro mesi di combattimenti e circa 2.000 morti, le forze curde riconquistano la città, grazie anche al concentrarsi dei raid aerei della "coalizione internazionale" sull'area in questione.[7]

L'alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati stima a 400.000 i rifugiati dell'intera regione che cercheranno di rifugiarsi in Turchia per sfuggire alle milizie terroriste dello Stato Islamico.[8]

Amministrazionemodifica | modifica wikitesto

Gemellaggimodifica | modifica wikitesto

Riferimenti culturalimodifica | modifica wikitesto

La città è stata uno dei fronti della guerra contro lo Stato Islamico ma soprattutto un baluardo simbolico per la resistenza curda, questo è raccontato oltre che nei giornali e libri di storia anche in altri media come il fumetto Kobane Calling di Zerocalcare e numerosi documentari e racconti.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Kobanê, etanasyria.org. URL consultato il 10 febbraio 2010.
  2. ^ a b Vikin Cheterian, Sami-Joe Abboud (trad.), Kurdish Leader Denies Syrian Kurds Seek Secession, in Al Monitor, 2 ottobre 2013. URL consultato il 16 novembre 2015. Originariamente pubblicato in arabo dal giornale al-Ḥayāt (أكراد سورية لا يريدون الانفصال نحارب النظام و«النصرة» ونخشى مجازر del 28 settembre 2013.
  3. ^ in arabo: وحدات حماية الشعب‎, Wiḥdāt Ḥimāyat al-Shaʿb: cfr. صالح مسلم: وحدات حماية الشعب قوة لحماية شعب غرب كردستان، وغير تابعة لنا, in Hawarnews.com. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  4. ^ More Kurdish Cities Liberated As Syrian Army Withdraws from Area, in Rudaw, 20 luglio 2012.
  5. ^ What's happening in Kobane?, in Kurdish Question, 6 luglio 2014.
  6. ^ Siria: "Kobane come Stalingrado" (video), in L'Espresso, 21 gennaio 2015. URL consultato il 24 febbraio 2015.
  7. ^ il Giornale, 26/01/2015.
  8. ^ (EN) Stephanie Nebehay, UNHCR preparing for 400,000 exodus from Syrian town into Turkey, Reuters, 23 settembre 2014. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  9. ^ NapoliToday.it Gemellaggio con Napoli
  10. ^ NapoliToday.it Gemellaggio con Mugnano di Napoli
  11. ^ NapoliToday.it Gemellaggio con Bacoli
  12. ^ AnconaToday.it Gemellaggio con Ancona

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • H.A. Foster, The Making of Modern Kobanê, Oklahoma, 1935.
  • R.W. Bullard, Britain and the Middle East, Londra, 1950.
  • Zerocalcare, Nel cuore di Kobane, Roma, 2014.
  • Zerocalcare, Kobane Calling, Roma, 2016.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN140978421 · GND: (DE1077004257