282P/(323137) 2003 BM80

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cometa
282P/(323137) 2003 BM80
Stella madre Sole
Scoperta 31 gennaio 2003
Scopritore LONEOS
Designazioni
alternative
2003 BM80, 2003 FV112
Parametri orbitali
(all'epoca K172G)
Semiasse maggiore 635 802 064 km
4,2500138 UA
Perielio 515 485 113 km
3,4457561 UA
Afelio 756 119 016 km
5,0542715 UA
Periodo orbitale 3200,25 giorni
(8,76 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
5,81056°
Eccentricità 0,1892365
Longitudine del
nodo ascendente
9,35838°
Argom. del perielio 217,06402°
Anomalia media 167,83729°
Par. Tisserand (TJ) 2,990 (calcolato)
Ultimo perielio 15 gennaio 2013
Prossimo perielio 24 ottobre 2021 [1]
MOID da Giove 0,168263
Dati osservativi
Magnitudine app.
19,5 (magnitudine) [2] (max)
Magnitudine ass. 15,3

282P/(323137) 2003 BM80 è una cometa periodica appartenente alla famiglia delle comete della fascia principale classificata anche come asteroide. Ha la caratteristica è di avere una MOID di sole 0,168263 UA [3] col pianeta Giove, fatto che provocherà in futuro un drastico cambiamento dell'orbita della cometa.

Storia della scoperta e delle successive osservazionimodifica | modifica wikitesto

È stata scoperta il 31 gennaio 2003 dall'astronomo statunitense Brian A. Skiff nel corso delle osservazioni del programma LONEOS [4] e fu ritenuta un asteroide, in seguito furono scoperte immagini di prescoperta riprese nel dicembre 2001 dal programma NEAT [5]. Il 12 giugno 2013 Pan-STARRS scoprì la sua natura cometaria e riosservando con attenzione sue precedenti immagini ci si accorse che Pan-STARRS aveva già ripreso questa natura cometaria fin dal 27 marzo 2012 ma sul momento nessuno se ne era accorto [6].

Notemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto


V · D · M
Asteroidi del sistema solare
L'asteroide 951 Gaspra
Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare