Ahmose-Ankh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ahmose-Ankh
Principe d'Egitto
Principe ereditario
In carica seconda metà del XVI secolo a.C.
Nascita prima del 1527 a.C.
Morte prima del 1525 a.C.
Dinastia XVIII dinastia egizia
Padre Ahmose I
Madre Ahmose Nefertari
Religione Religione egizia

Ahmose-Ankh (prima del 1527 a.C. – prima del 1525 a.C.) è stato un principe egizio all'inizio della XVIII dinastia. Fu figlio del faraone Ahmose I (regno: 1549 - 1525 a.C.), fondatore della XVIII dinastia e del Nuovo Regno, e della "Grande sposa reale" Ahmose Nefertari. Nacque prima del 22° anno di regno del padre (dal momento che compare su una stele con tale data, chiamata "Stele della donazione"[1]). Fu Principe ereditario ma, in giovane età, premorì al padre[2]: così, il faraone successivo fu suo fratello Amenofi. Sua sorella fu Ahmose Meritamon[3]. Sulla "Stele della donazione", conservata al Museo di Luxor, il principe Ahmose-Ankh compare insieme ai regali genitori[4]. Secondo alcuni studiosi, altri che non sarebbe che il principe Ahmose-Sipair[5]. In realtà, sulla "Stele della Donazione" il suo nome compare solamente come "Ahmose", scritto all'interno di un cartiglio. Il nome di "Ahmose-Ankh" è dovuto alla presenza, davanti al cartiglio, del simbolo ankh della vita, traducibile come "Ahmose il vivente", a indicare che il principe era ancora quando il suo nome fu inscritto sulla stele.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Ibrahim Harari, « Nature de la stèle de donation de fonction du roi Ahmosis à la reine Ahmès-Néfertari », ASAE, no 56,‎ 1959, p. 139-201, tavv. I-II.
  2. ^ Claire Lalouette, Thèbes ou la naissance d'un Empire, Flayard (1989), p. 139.
  3. ^ Aidan Dodson & Dyan Hilton: The Complete Royal Families of Ancient Egypt. Thames & Hudson, 2004, ISBN 0-500-05128-3, p. 129.
  4. ^ Dodson & Hilton, p. 129.
  5. ^ Nicolas Grimal, Histoire de l'Égypte ancienne, Flayard (1988), p. 264.