Alessandro Piccolomini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro Piccolomini
arcivescovo della Chiesa cattolica
Alessandro Piccolomini.jpg
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Patrasso
Nato 13 giugno 1508 a Siena
Nominato arcivescovo 1574
Deceduto 12 marzo 1578 a Siena
Frontespizio della filosofia naturale

Alessandro Piccolomini (Siena, 13 giugno 1508Siena, 12 marzo 1578) è stato un letterato, astronomo e arcivescovo cattolico italiano.

Stemma della famiglia Piccolomini
Coat of arms of the House of Piccolomini.svg
Blasonatura
D'argento, alla croce d'azzurro, caricata di cinque crescenti d'oro.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Nel 1531 divenne membro dell'Accademia degli Intronati, prendendo il nome di Stordito. Nel 1536 venne rappresentata la sua commedia Amor Costante e nel 1544 Alessandro, entrambe dall'intreccio macchinoso, ma con vena psicologica e moralistica. Legato all'ambiente degli Intronati è il Dialogo de la bella creanza de le donne (1539) più noto come Raffaella.

Nel 1539 divenne professore presso l'Università di Padova per quattro anni. Insegnò filosofia e partecipò alle attività dell'Accademia degli Infiammati. Nel 1541 scrisse a Pietro Aretino, esponendogli il suo pensiero sul volgarizzamento della prosa scientifica. Rientrato a Siena nel 1543, lasciò la città per trasferirsi a Roma nel 1546. Qui visse nell'ambiente del card. Francisco de Mendoza.

Nel 1574 fu nominato arcivescovo di Patrasso, ma rimase a Siena come coadiutore dell'arcivescovo Francesco Bandini Piccolomini.

L'Astronomomodifica | modifica wikitesto

Fu il primo, molti anni prima di Johann Bayer, ad aver contrassegnato le stelle in base alla loro luminosità con delle lettere (alfabeto latino). Il libro del Piccolomini dal titolo De le stelle fisse, è da molti considerato il primo atlante celeste moderno. Le 47 mappe contenute nell'opera presentano tutte le costellazioni tolemaiche (ad eccezione di quella del Puledro) e mostrano le stelle senza le corrispondenti figure mitologiche; per la prima volta in un libro a stampa venivano quindi riportate le mappe astronomiche complete con le costellazioni tolemaiche. Il De le stelle fisse (1543) e un altro libro, sempre del Piccolomini, dal titolo Della sfera del mondo (1540) vennero pubblicati in un unico e rarissimo volume, per la prima volta nel 1548.

In ricordo del famoso letterato senese, sulla Luna c'è anche un cratere che porta il suo nome; il cratere Piccolomini è molto profondo, ha un diametro di circa 88 km ed è ubicato (29,7°S / 32,2°E) a sud del cratere Fracastoro.

Opere di prosa e di teatromodifica | modifica wikitesto

  • Amor costante (1536)
  • Dialogo de la bella creanza de le donne (Venezia 1539)
  • Alessandro (1544)
  • De la nobiltà et eccellenza de le donne, (Venezia 1545)

Trattatimodifica | modifica wikitesto

  • Della sfera del mondo (1540)
  • De la instituzione di tutta la vita de l'omo nato nobile, e in città libera (Venezia, 1542)
  • De le stelle fisse (1543) Edizione del 1570
  • Annotazione nel libro della Poetica di Aristotele (1560)
  • Della grandezza della Terra et dell'Acqua (Venetia, Giodano Ziletti, 1561)
  • Speculazioni de' pianeti

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

  • Mario Pelaez, «PICCOLOMINI, Alessandro», in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1935.
  • Alessandro Piccolomini, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autorità VIAF: (EN68983534 · LCCN: (ENn83150548 · SBN: IT\ICCU\CFIV\111974 · ISNI: (EN0000 0001 2138 0952 · GND: (DE118792075 · BNF: (FRcb12240709n (data) · NLA: (EN35988348 · BAV: ADV11015139 · CERL: cnp01302988