Anne Hidalgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anne Hidalgo
Anne Hidalgo, février 2014.jpg

Sindaco di Parigi
In carica
Inizio mandato 5 aprile 2014
Predecessore Bertrand Delanoë

Vicesindaco di Parigi
Durata mandato 18 marzo 2001
5 aprile 2014
Predecessore Jacques Dominati
Successore Bruno Julliard

Dati generali
Partito politico Partito Socialista

Ana María Hidalgo de Germain, nota come Anne Hidalgo (San Fernando, 19 giugno 1959), è una politica spagnola naturalizzata francese, membro del Partito Socialista e sindaco di Parigi dal 5 aprile 2014.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Primi annimodifica | modifica wikitesto

Nata a San Fernando in Andalusia, Ana Hidalgo crebbe in Francia, dove la sua famiglia emigrò per sfuggire dal franchismo; a quattordici anni cambiò il suo nome all'anagrafe nell'equivalente francese "Anne"[1]. Dopo aver trascorso l'adolescenza a Lione, si trasferì a Parigi e si sposò con un compagno di università con il quale ebbe due figli, Mathieu ed Elsa. Una volta conseguita la laurea in scienze sociali del lavoro e una specializzazione in diritto sindacale[2], la Hidalgo intraprese la professione di ispettore del lavoro[3].

Inizi della carriera politicamodifica | modifica wikitesto

Iscrittasi al Partito Socialista, negli anni novanta cominciò a collaborare con il Ministero del Lavoro. Fu impiegata in tre diversi ruoli all'interno del governo Jospin: fra il 1997 e il 1998 fu consigliera del Ministro dell'Impiego e della Solidarietà Martine Aubry[2], poi per due anni fu assistente del Segretario di Stato ai Diritti delle Donne e alla Formazione professionale Nicole Péry e infine per altri due anni fu consigliere tecnico dell'allora Guardasigilli Marylise Lebranchu.

Candidature alle elezionimodifica | modifica wikitesto

Nel 2001, in occasione delle elezioni municipali, la Hidalgo fu capolista del Partito Socialista per il quindicesimo arrondissement ed entrò nel Consiglio di Parigi. Nel giugno dell'anno seguente si candidò alle parlamentari per il dodicesimo arrondissement ma non riuscì ad essere eletta; stessa sorte ebbe nel 2007, quando si candidò per il tredicesimo arrondissement e venne sconfitta al secondo turno da Jean-François Lamour.

Vicesindaco di Parigi ed elezione a sindacomodifica | modifica wikitesto

Quando venne eletto sindaco della capitale, Bertrand Delanoë volle la Hidalgo come sua vice, sebbene la donna fosse un volto poco noto all'interno della scena politica. Nell'ottobre del 2002 Delanoë venne accoltellato da un mitomane e fu costretto ad una lunga degenza; in questo periodo la Hidalgo prese il controllo dell'Hôtel de Ville e diresse l'amministrazione cittadina fino al ritorno del primo cittadino[1]. Fidata collaboratrice di Delanoë, venne riconfermata anche durante il secondo mandato del sindaco.

Subito dopo essere divenuta vicesindaco, la Hidalgo aveva ottenuto l'assessorato alla Parità e alla Banca del Tempo; successivamente le venne affidata la delega all'urbanistica[2]. In queste vesti si occupò, fra l'altro, della riqualificazione di Les Halles e dei quartieri popolari[1].

Nel 2014, in seguito al ritiro di Delanoë, la Hidalgo si candidò alla carica di sindaco. In questa circostanza si trovò ad affrontare l'avversaria Nathalie Kosciusko-Morizet, esponente dell'UMP e ministro durante i governi Fillon II e III[4][5]; dopo il primo turno le due donne si sono scontrate al ballottaggio, dove la Hidalgo è riuscita a prevalere con il 54,5% delle preferenze, divenendo così la prima donna sindaco della capitale francese[6], ed è entrata in carica il 5 aprile 2014.

Vita privatamodifica | modifica wikitesto

Dopo la fine del primo matrimonio, la Hidalgo intraprese una relazione con l'economista e politico socialista Jean-Marc Germain, con il quale si sposò ed ebbe un figlio di nome Arthur[1]. Nel 2012 alcuni utenti di Twitter diffusero una voce secondo la quale la figlia della Hidalgo sarebbe nata da una relazione clandestina della donna con François Hollande; destò molto clamore la reazione della Hidalgo che decise di citare in tribunale il social network[2].

Si dichiara atea e dal 2003 possiede la doppia cittadinanza, spagnola e francese[1].

Operemodifica | modifica wikitesto

Onorificenzemodifica | modifica wikitesto

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Commendatore dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
Commendatore dell'Ordine della Stella Polare (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Stella Polare (Svezia)
Dama gran croce dell'Ordine al merito civile (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Dama gran croce dell'Ordine al merito civile (Spagna)

Notemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN22434326 · LCCN: (ENn2007018042 · ISNI: (EN0000 0001 2124 0044 · GND: (DE1036302342 · BNF: (FRcb150984640 (data)