Arma delle trasmissioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Arma delle trasmissioni è una delle più giovani dell'Esercito Italiano, ed è anche uno dei fondamenti dell'esercito moderno.

Le trasmissioni traggono origine dalla Specialità telegrafisti del genio creata nel 1883, in seguito, il 16 maggio 1953, la Specialità collegamenti viene ridenominata in specialità autonoma Trasmissioni con propri fregi e mostrine. Il 30 dicembre 1997 viene sancita la nascita dell'Arma come la conosciamo oggi. Oggi è divisa in due specialità: telematica e guerra elettronica; la telematica si occupa dei collegamenti sia tattici sia strategici e delle contromisure elettroniche, sia in patria sia nei teatri operativi, guerra elettronica si occupa delle intercettazioni delle comunicazioni nemiche e del disturbo delle stesse. L'efficienza delle trasmissioni si è resa sempre più necessaria per il collegamento dei reparti e per la riuscita dei disegni operativi.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Genio telegrafisti al lavoro
Ricostruzione storica di un posto radiogoniometrico e di una stazione radio in ambiente coloniale

Il regio decreto del 12 settembre 1860, approvando le Norme provvisorie del servizio dei telegrafi presso l'Armata, sanzionò la nascita delle Trasmissioni nell'Esercito Italiano. I trasmettitori vennero inquadrati come specialità nell'Arma del genio. Si ebbero così quattro specialità:

  • telegrafisti
  • telefonisti
  • fototelegrafisti
  • radiotelegrafisti.

L'avvento della radio ha reso più efficace l'azione di comando a distanza che consente tempestività di intervento delle unità, adeguamento della manovra alla situazione operativa; ciò ha determinato una sempre maggiore intensificazione dei collegamenti tanto che i reparti trasmissioni, fino al 1997 inquadrati nell'Arma del genio, sono assurti a vita e ordinamento autonomi.

Viene curato particolarmente l'addestramento di truppa a elevata efficienza tecnica e si rinnovano continuamente materiali e attrezzature.

Ricostruzione posto radiotelegrafonico campale - 1950-1960

Dopo la ristrutturazione del 1975modifica | modifica wikitesto

In seguito alla grande ristrutturazione dell'Esercito italiano del 1975, le trasmissioni assumono il seguente organico:

Unitàmodifica | modifica wikitesto

L'attuale consistenza dell'Arma delle trasmissioni comprende:

  • 1 Scuola delle trasmissioni e informatica
  • 1 Comando trasmissioni e informazioni dell'Esercito
  • 1 Brigata trasmissioni
    • 4 Reggimenti trasmissioni di supporto alle forze di campagna
    • 3 Reggimenti trasmissioni per la gestione della rete nazionale
  • 1 Brigata rista-ew
    • 1 Reggimento guerra elettronica
    • 1 Reggimento SORAO
    • 1 Battaglione HUMINT
  • 1 Reggimento trasmissioni per le esigenze del Comando NATO NRDC-IT
  • 2 Reggimenti di sostegno logistico, riparazioni e rifornimenti
  • 3 Compagnie trasmissioni di supporto ai comandi intermedi (FOD e Comalp)
  • 3 Compagnie trasmissioni di supporto alle unità di artiglieria contraerei
  • 12 Compagnie trasmissioni di supporto alle brigate operative

Ordine di Battaglia:

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto