Aviazione dell'Esercito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aviazione dell'Esercito
CoA mil ITA centro aves.png
Stemma del Centro addestrativo aviazione dell'Esercito
Descrizione generale
Attiva 10 maggio 1953 - oggi
Nazione Italia Italia
Servizio Coat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Tipo Aviazione
Ruolo Scorta aerea, attacco e ricognizione, Supporto aereo ravvicinato, SAR e CSAR, Trasporto aereo tattico, Utility
Dimensione Suddiviso in Brigate
Comando Aviazione dell'Esercito Piazza San Francesco, 5 - Viterbo
flotta Aerei: P180, Do 228
Elicotteri: A-129, A-109, AB-205, AB-206, AB-212, AB-412, CH-47, NH90
Soprannome AVES
Patrono Madonna di Loreto
Battaglie/guerre
Anniversari 10 maggio
Decorazioni
Parte di
Comandanti
Gen. Bettelli
Simboli
distintivo da spalla CoA mil ITA AVES.jpg

senza fonte

Voci su unità militari presenti su Wikipedia
Tre elicotteri A129 "Mangusta" in Iraq.
Un Agusta-Bell AB 212 dell'Aviazione dell'Esercito durante la missione International Security Assistance Force.
CH-47C Chinook dell'Esercito Italiano in volo
Coda e chiglia del Boeing CH-47 Chinook

L'Aviazione dell'Esercito (AVES, chiamata in passato anche Aviazione leggera dell'Esercito ALE e, per un breve periodo, Cavalleria dell'aria) è la più giovane Specialità dell'Esercito Italiano.

Essa è costituita dal complesso dei reparti che impiegano gli aeromobili di cui l'Esercito dispone in proprio per il soddisfacimento delle sue esigenze più immediate e più minute: elicotteri da trasporto e da attacco oltre che velivoli ad ala fissa con i quali possono essere assolti compiti di osservazione del tiro, ricognizione, esplorazione, collegamento e combattimento. L'Aviazione dell'Esercito svolge quindi attività di supporto aderenti alle forze di terra; non svolge quindi operazioni di supremazia aerea poiché attività peculiare dell'Aeronautica Militare.

L'Aviazione dell'Esercito è affidata completamente a personale dell'Esercito. Tale caratteristica permette un più intimo collegamento fra le truppe operanti a terra e quelle del cielo, che sono perfettamente a conoscenza dei sistemi e degli scopi che le prime si ripromettono.

Il ritmo operativo e le accentuate esigenze di comando, di collegamento e di manovra in ampi spazi trovano pertanto nell'AVES uno strumento di altissime prestazioni.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Con la stesura del Trattato NATO, firmato il 4 aprile 1949 a Washington, l'Italia, che era tra i 12 Stati membri fondatori, cominciò ad usufruire di un programma di aiuti istituito dagli statunitensi per far fronte alle esigenze operative delle forze militari facenti parte dell'organizzazione. Benché l'Aeronautica Militare, che in virtù di una legge del 1937 deteneva il monopolio di tutti i velivoli militari, avesse esposto il suo parere negativo, nel 1950 vennero scelti quindici ufficiali dei vari reparti dell'Esercito per essere inviati negli Stati Uniti e ricevere una formazione per l'abilitazione al volo. Dopo gli esami che videro otto ufficiali superare il corso, venne assegnato all'Italia un quantitativo totale di 302 velivoli leggeri tra Piper L-18 ed L-21, dotazione surplus ex USAAF impiegati durante la Seconda guerra mondiale. Gli otto ufficiali costituirono il primo gruppo di istruttori che avrebbero poi formato nei reparti volo dell'Esercito Italiano le nuove generazioni di piloti.[1] Venne costituito il Nucleo aviazione leggera presso la Scuola di artiglieria di Bracciano con un campo di volo a Monte dell'Oro e il 10 maggio 1951 venne ufficialmente costituita l'Aviazione leggera dell'Esercito (ALE) con il suo primo Nucleo che divenne Reparto aerei leggeri.

Nel 1953 venne costituito il Centro addestramento osservazione aerea per l'artiglieria (CAOAA), per l'istruzione di piloti e specialisti e contemporaneamente anche il Reparto riparazioni aerei leggeri (RRALE) per le riparazioni e la manutenzione dei velivoli presenti al campo di Monte dell'Oro.

Nel 1956 venne varata una legge che limitava il monopolio dell'Aeronautica Militare ai soli velivoli ad ala fissa con peso superiore ai 1.500 chilogrammi, consentendo all'Esercito di costituire una propria componente aerea elicotteristica autonoma e la costituzione con velivoli L-21 di Sezioni aerei leggeri (SAL) assegnate ai comandi di corpo d'armata, di divisione e di brigata, ed ai reggimenti di fanteria meccanizzata, di cavalleria e di artiglieria pesante e artiglieria pesante campale.

Nello stesso anno venne costituito a Casarsa della Delizia il Reparto sperimentale elicotteri con quattro elicotteri Agusta Bell AB 47 G2 Sioux, che nel 1958, con l'arrivo degli AB-47J Ranger, divenne la prima unità operativa su ala rotante dell'ALE prendendo il nome di 1º Reparto elicotteri ALE e contemporaneamente vennero istituiti il 2º Reparto elicotteri di Bolzano e il 2º Reparto riparazioni ALE a Bologna.

Nel gennaio 1959 venne ufficialmente istituito l'Ispettorato dell'ALE e nei mesi successivi il Centro addestramento osservazione aerea per l'artiglieria divenne Centro addestramento aviazione leggera dell'Esercito (CAALE) e trasferito da Monte dell'Oro a Viterbo, ricevendo la bandiera di combattimento il 4 maggio dello stesso anno.

Agli inizi degli anni sessanta i velivoli presenti vennero affiancati dai Cessna L 19 E Bird Dog; nel 1963 arrivano 48 elicotteri Agusta Bell AB 204B Huey e nel 1965 105 AB 205 Huey. Con l'acquisizione nel 1963 degli AB-204B, il 1º Reparto elicotteri cambiò la sua denominazione in V REUG (Reparto elicotteri uso generale) mentre il 2º Reparto elicotteri di Bolzano cambiò la sua denominazione in IV Reparto elicotteri di uso generale. Contestualmente vennero costituili Reparti aviazione leggera (RAL) per corpi d'armata, divisioni e brigate con Sezioni aerei leggeri (SAL) equipaggiate con L 21B o L 19E, Sezioni aerei leggeri per Enti particolari equipaggiate con aerei leggeri L 21N e Sezioni elicotteri da ricognizione (SER) equipaggiate con elicotteri AB 47G/J.

Nel 1963 l'Aviazione dell'Esercito aveva la seguente struttura:

Nel 1967 la componente elicotteristica venne potenziata con l'arrivo di 150 elicotteri Agusta Bell AB 206 Jet Ranger e tale incremento comportò la necessità di avere nuovi da addestrare e di specialisti, con i piloti che prima di entrare nel CAALE venivano inviati a frequentare la Scuola di volo elicotteri dell'Aviazione militare italiana di Frosinone, mentre per le aumentate esigenze di manutenzione presso l'aeroporto di Orio al Serio venne costituito il 3° RRALE.

Nel 1971 tutti i componenti dell'ALE vengono dotati di basco e mostreggiature azzurre; nel 1973 la componente elicotteristica vide l'arrivo del primo di 24 elicotteri da trasporto Boeing CH-47 Chinook, mentre nel 1975 con l'entrata in servizio del primo di 80 aerei leggeri SIAI-Marchetti SM-1019, aereo da collegamento che ha progressivamente sostituito gli L-19 e gli L-21, venne avviato il rinnovamento della componente ad ala fissa.

Nel 1975 l'Esercito Italiano venne sottoposto ad un radicale processo di ristrutturazione passando dal livello ordinativo reggimentale a quello di brigata e tale ristrutturazione riguardò anche l'ALE con la soppressione di RAL e REUG e la costituzione di Raggruppamenti e Gruppi Squadroni i quali, oltre al numero ordinativo, portavano il nome di una stella o di una costellazione.

Nel 1976 viene formato a Viterbo il 4° RRALE e, nello stesso anno, si ha l'arrivo del primo di 22 elicotteri Agusta A 109 Hirundo, utilizzato per la sperimentazione dell lancio di missili controcarri BGM-71 TOW.

Nel 1983 vengono acquisiti 14 elicotteri Agusta Bell AB 212 Twin Huey, mentre nel 1984 vengono dismessi gli AB 47

In questo periodo viene anche costituita l'Associazione nazionale Aviazione dell'Esercito che cura la pubblicazione della rivista Il Basco Azzurro.

Nel 1987 entrò in servizio il primo di 24 elicotteri AB 412[2] mentre nel 1988 venne ritirato dal servizio l'elicottero AB 204 e nel 1989 entrò in servizio il primo di 60 Agusta A 129 Mangusta, elicottero da attacco di concezione e fabbricazione completamente italiana e vengono poi acquistati tre aerei da collegamento Dornier DO 228 e tre Piaggio P180 Avanti.

Nel 1993 in virtù della Legge che fa decadere i limiti di peso di 1.500 chilogrammi, fino ad allora imposti dall'Aeronautica Militare, l'Aviazione dell'Esercito perde l'aggettivo "leggera".

Nel 1999 la situazione dell'Aviazione dell'Esercito (AVES) era la seguente:

  • Base di Viterbo
    • Comando AVES
    • Centro AVES
    • 1º Reggimento "Antares"
    • 4º Reggimento di sostegno "Scorpione"
  • Base di Sant'Eufemia di Lamezia (CZ)
    • 2º Reggimento "Sirio"
    • Base di supporto di Pontecagnano (SA)
    • Base di supporto di Fontanarossa (CT)
  • Base di Bolzano
    • 4º Reggimento "Altair"
    • Base di supporto di Pollein (AO)
    • Base di supporto di Venaria Reale (TO)
  • Base di supporto di Dobbiaco (BZ)
  • Base di Casarsa della Delizia (PN)
    • 5º Reggimento "Rigel"
  • Base di Rimini
    • 7º Reggimento "Vega" (Brigata aeromobile "Friuli")
  • Base di Elmas (CA)
    • 21º Gruppo Squadroni "Orsa Maggiore"
    • Base di San Giusto (PI)
    • 26º Gruppo Squadroni "Giove"
  • Base di Urbe (RM)
    • 28º Gruppo Squadroni "Tucano"
  • Base di Alghero
    • 39º Gruppo Squadroni "Drago"
  • Base di Padova
    • 551º Squadrone (Gruppo SOATCC)
  • Base di Manziana (RM)
    • 1º Reggimento di sostegno "Idra"
  • Base di Bologna
    • 2º Reggimento di sostegno "Orione"
  • Base di Orio al Serio (BG)
    • 3º Reggimento di sostegno "Aquila"

Il comandantemodifica | modifica wikitesto

L'Aviazione dell'Esercito, dal 1º marzo 2013, era comandata dal generale di divisione Giangiacomo Calligaris, deceduto il 23 gennaio 2014 in un incidente durante un volo di addestramento, in cui perse la vita anche il giovane Tenente Paolo Lozzi, a bordo di un elicottero AB 206 in località Pian della Selva, Tuscania. Il 29 gennaio 2014 il generale Luigi Francavilla assunse l'incarico di comandante dell'Aviazione dell'Esercito in sede vacante. A far data dal 10 settembre del 2014 ha assunto il comando della specialità il generale di divisione Antonio Bettelli.

La flottamodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Aeromobili dell'Esercito Italiano.

Aereimodifica | modifica wikitesto

Elicotterimodifica | modifica wikitesto

Il Comando AVESmodifica | modifica wikitesto

L'AVES è coordinata da un Comando Aviazione dell'Esercito. Ha sede a Viterbo ed è posto alle dirette dipendenze del Capo di stato maggiore dell'Esercito e costituisce uno dei sei alti comandi dell'Esercito. Di rango divisionale facente parte del COMFOTER e comandata da un generale di divisione[5] appartenente alla specialità[6].

Dipendono da tale alto comando i seguenti enti, di livello brigata, ciascuno composto da 4 reggimenti[7]:

Infine fanno parte dell'Aviazione dell'Esercito due reggimenti elicotteri della Brigata aeromobile Friuli che invece dipendono dal Comando forze di difesa di Vittorio Veneto.

Reparti direttamente dipendenti dal Comando Aviazione dell'Esercitomodifica | modifica wikitesto

Comando sostegno AVESmodifica | modifica wikitesto

Sede a Viterbo.

CoA mil ITA centro aves.png Centro addestrativo AVESmodifica | modifica wikitesto

Sede a Viterbo.

Brigata Aviazione dell'Esercitomodifica | modifica wikitesto

Sede a Viterbo.

Reparti non direttamente dipendenti dal Comando AVESmodifica | modifica wikitesto

I reparti speciali dell'AVESmodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: 26º Reparto elicotteri operazioni speciali § Storia.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ La nostra storia, su A.N.A.E. Associazione Nazionale Aviazione Esercito, http://www.anae.it/index.html, 18 agosto 2009. URL consultato l'8 febbraio 2010.
  2. ^ Agusta AB412 Aviazione dell'Esercito.
  3. ^ "VIA LIBERA AL SUCCESSORE DEL MANGUSTA", su analisidifesa.it, 2 dicembre 2016, URL consultato il 2 dicembre 2016.
  4. ^ "Al via lo sviluppo del successore del Mangusta" - "Aeronautica & Difesa" N. 362 - 12/2016 pp. 30-31
  5. ^ o fino alla riforma dei vertici militari un maggior generale.
  6. ^ l'Aviazione nell'Esercito è una specialità autonoma non facente parte di alcun Corpo o Arma, anche se in passato con la denominazione Cavalleria dell'aria era considerata specialità della Cavalleria.
  7. ^ Reparti Aves.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto