Battaglia di Grado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°36′N 13°30′E / 45.6°N 13.5°E45.6; 13.5

Battaglia di Grado
parte della campagna adriatica (1807–1814)
Giovanni Luzzo & Krsto Viskovi - Battle of Pirano (1874).jpg
Battaglia di Pirano in un'incisione del 1874 di Giovanni Luzzo (1851-1877), colorata da Cristoforo Viscovich
(Museo civico di Perasto, Montenegro)
Data 21-22 febbraio 1812
Luogo Mare Adriatico, nei pressi di Grado
Esito Vittoria britannica
Schieramenti
Comandanti
Civil and Naval Ensign of France.svg Jean-Baptiste Barré
Flag of the Napoleonic Kingdom of Italy.svg Giovanni Palicuccia
Flag of the Napoleonic Kingdom of Italy.svg Coccompergher
Civil and Naval Ensign of France.svg Albert
British-Merchant-Navy-Ensign.png John Talbot
British-Merchant-Navy-Ensign.png John William Andrew
Effettivi
vascello Rivoli (74)
brigantino Mercurio
cannoniera Mamelouk
cannoniera Eridano (ex Iéna)
HMS Victorious (74)
brig-sloop HMS Weazel
Perdite
Rivoli catturato, Mercurio distrutto
400 morti
27 morti, 99 feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Grado, chiamata anche battaglia di Pirano[1], fu uno scontro navale che si svolse tra il 21 e il 22 febbraio 1812 al largo delle coste di Caorle e Lignano nel mar Adriatico tra una piccola squadra franco-italica e due navi della marina britannica[2].

L'azione navale rientra nell'ambito della campagna adriatica (1807–1814) delle guerre napoleoniche combattuta tra la marina francese e britannica.

L'azione navale è conosciuta con il nome di battaglia di Grado o battaglia di Pirano (più raramente battaglia di Lignano, dopo il ritrovamento del relitto del brigantino Mercurio), poiché avvenne nelle acque antistanti alle due città marinare di Grado e Pirano, distanti in linea d'aria circa 20 chilometri[3]. Gli storici sloveni registrano l'evento come "unica battaglia navale avvenuta nelle odierne acque territoriali della Slovenia"[4][5].

Premessemodifica | modifica wikitesto

Nel 1796 Napoleone Bonaparte divenne comandante dell'Armata d'Italia con la quale iniziò la prima campagna d'Italia. Dopo la proclamazione della Repubblica Cisalpina, avvenuta il 27 dicembre 1797 a seguito dell'unificazione della Repubblica Transpadana e della Repubblica Cispadana, l'Impero asburgico rivendicò la Dalmazia, alcune isole e Venezia a seguito della firma del trattato di Campoformio, che sancì la fine delle ostilità tra l'esercito napoleonico e la prima coalizione anti-francese. Nel 1798 iniziò la campagna napoleonica contro l'Inghilterra: venne conquistata Malta, ma avvenne anche la celebre sconfitta in Egitto contro Nelson nella battaglia del Nilo. Ritornato in Europa, Napoleone sconfisse gli austriaci nella battaglia di Marengo nel 1800. Il 18 marzo 1805 nasce il primo Regno d'Italia, che riconquistò Venezia e la Dalmazia a seguito del trattato di Presburgo. A questo punto Napoleone mirò ad accrescere il dominio italo-francese sull'Adriatico commissionando nel 1806 all'arsenale di Venezia la costruzione di una grande flotta e varando lo stesso anno il cosiddetto "blocco continentale" che comportava il divieto di attracco delle navi inglesi nei porti controllati dalla Francia. A seguito della Pace di Tilsit avvenne il ritiro della flotta russa dal mare Adriatico e l'acquisizione francese della strategica fortezza dell'isola di Corfù. Il trattato di Schönbrunn con l'impero austriaco nel 1809, che formalizzò il controllo francese sulle Province illiriche sulla sponda orientale del mar Adriatico, aveva ulteriormente solidificato l'influenza francese nell'Adriatico[6]. Per evitare un possibile attacco da parte della flotta inglese, fin dal 1809 Napoleone fece radunare tutte le navi francesi nel porto di Ancona; inoltre i governi francese e italiano iniziarono un programma di costruzione navale a Venezia ed in altri porti italiani, nel tentativo di ricostruire la loro flotta mediterranea e sfidare l'egemonia britannica. Questi sforzi furono ostacolati dalla povertà del governo italiano e dalla difficoltà che la Marina francese aveva nel gestire ed armare le proprie navi[7]. Di conseguenza, il primo vascello francese costruito nell'Adriatico nell'ambito di questo programma (il Rivoli, della classe Téméraire, nave di linea da 74 cannoni di terzo rango secondo la classificazione della Royal Navy) venne commissionato non prima del 1810 e venne completato solo agli inizi del 1812[7].

Prima del varo del Rivoli, la marina britannica aveva predominato sui francesi[6]: non solo il comandante regionale francese Bernard Dubourdieu venne ucciso e la sua flotta distrutta nella battaglia di Lissa del marzo 1811, ma gli sforzi francesi per rifornire le proprie guarnigioni sparse si rivelarono sempre più rischiosi[6] (il 29 novembre 1811 venne distrutta una spedizione francese da Corfù a Trieste[6]). Il varo del Rivoli era quindi visto dalla marina francese come un'opportunità per la rivincita da queste sconfitte, dal momento che la nuovo vascello francese era meglio armato rispetto alle fregate britanniche che operavano all'interno del Adriatico e sarebbe stata in grado di operare in Adriatico, senza la minaccia di un attacco da parte dello squadrone di vascelli di Lissa[6].

La Royal Navy era a conoscenza della minaccia che il Rivoli rappresentava per la loro egemonia e fu avvertita in anticipo dalle spie presenti a Venezia dello stato di avanzamento della costruzione della nave[6]. Quando il Rivoli fu quasi completato, la HMS Victorious da 74 cannoni fu spedita dalla flotta del Mediterraneo per intercettarlo nel momento in cui avesse lasciato il porto di Venezia. La Victorious era comandata da John Talbot, un ufficiale di successo e famoso che si era distinto con la cattura della fregata francese Ville de Milan nel 1805 e per il suo servizio nell'operazione Dardanelli del 1807[8]. Talbot era scortato dal brigantino da 18 cannoni HMS Weazel agli ordini del comandante John William Andrew[7].

La battagliamodifica | modifica wikitesto

Il modello del Rivoli presso il Museo nazionale della Marina di Tolone (Francia)

Già dal 16 febbraio 1812 la flotta inglese, composta dal vascello Victorious (comandato dal capitano John Talbot) e il brig Weasel (del capitano di fregata John William Andrew), stava pattugliando il litorale veneziano nord-orientale.

Per continuare l'ordine di aumentare la potenza della flotta italo-francese di stanza al porto di Ancona, il 20 febbraio 1812 alle ore 20:00[9] il vascello francese Rivoli (appena costruito dall'arsenale di Venezia) uscì da Malamocco con un equipaggio di 800 uomini comandati dal capitano di vascello Jean-Baptiste Barré. La nave era scortata da tre navi: i brigantini da 16 cannoni da 18 libbre Mercurio (battente bandiera italiana e comandato dal tenente di vascello[10] Giovanni Palicuccia (Palikuća) originario di Castelnuovo di Cattaro[11]) e l'Eridano (agli ordini del comandante Coccompergher da Corfù[12] e anch'esso battente bandiera italica e un tempo denominata Iéna)[9], il brigantino da 8 cannoni Mameluck (comandata da Albert[12]). Alcune fonti inglesi parlano di altre due cannoniere più piccole non meglio identificate (Cannoniera "A" e Cannoniera "B"), peraltro non presenti nelle fonti francesi e italiane. Barré pensava di avvantaggiarsi della fitta nebbia per uscire da Venezia e sfuggire all'inseguimento degli inglesi. La Victorious si era tenuta distante dalla terra durante il giorno: quando la nebbia si diradò alle 14:30 del giorno seguente, l'inglese Talbot fu in grado di osservare il porto di Venezia scoprendo che il suo avversario francese era già fuggito. Alla ricerca di Barré, che stava navigando verso Pola, Talbot avvistò uno dei brigantini francesi alle 15:00 e iniziò l'inseguimento.

L'esplosione del Mercurio (Thomas Luny (1759–1837), HMS Victorious alla presa della Rivoli
(olio su tela, Museo marittimo nazionale, Greenwich, Londra

La partenza anticipata dei francesi aveva fatto guadagnare al Rivoli una distanza sostanziale sugli avversari britannici, tanto che Talbot riuscì a raggiungere i francesi solo alle 2:30 di notte del 22 febbraio[7]. Poiché Talbot desiderava combattere direttamente con Barré, ordinò ai compagni del Weasel di attaccare le navi di scorta del Rivoli. Alle 4:15 il Weasel raggiunse il più arretrato Mercurio contro cui aprì il fuoco ravvicinato (alla distanza di mezza spingarda), ricevendo la risposta della nave battente bandiera italica[7]. Dopo 20 minuti di cannoneggiamento, arrivò in supporto l'Eridano (ex Iéna[9]), ma la maggiore distanza tra queste navi permise al comandante Andrew di concentrare il suo attacco sul Mercurio, il quale continuò a combattere una difficile battaglia per un'altra ventina di minuti prima di essere distrutto in un'esplosione catastrofica, probabilmente causata da un incendio della santabarbara in cui erano conservate le munizioni[6]. Il Mercurio si inabissò rapidamente, trascinando con sé tutto il suo equipaggio di 92 uomini. Weasel immediatamente lanciò le sue scialuppe per salvare eventuali sopravvissuti, ma solo tre dei 92 uomini furono recuperati[6], anche se morirono poco dopo. In base ad uno studio del 2010 sui documenti storici della marina francese e di quella britannica, è stato ipotizzato che l'esplosione della santabarbara del Mercurio potresse essere stata innescata dallo stesso comandante Giovanni Palicucchia in risposta al tentativo di ammutinamento dell'equipaggio che voleva arrendersi agli inglesi[13]. Tale ricostruzione è basata sulle fonti francesi (che riportano l'affondamento come "incidente"), al contrario dei diari di bordo della Victorius e del Weasel (conservati a Londra presso gli Archivi nazionali di Kew) che registrano l'esplosione del Mercurio a seguito di una cannonata britannica[13].

Dopo l'inabissamento del Mercurio, gli altri brigantini francesi cercarono di allontanarsi rapidamente e furono inseguiti dal Weasel, il quale dopo poco catturò l'Eridano e il Mamelouk.

La perdita delle navi di scorta francesi permise alla Victorious di avvicinarsi senza ostacoli al Rivoli e alle 04:30 le due grandi navi iniziarono un duello a breve distanza con i rispettivi cannoni, che sul ponte inferiore erano da 24 libbre per la nave inglese e dei più pesanti 36 libbre sulla nave francese. Questo combattimento continuò senza sosta per tre ore e mezzo, con il grave danneggiamento di entrambe le navi e la sofferenza di pesanti perdite[6]. Il comandante Talbot fu colpito alla testa da una scheggia e dovette abbandonare il ponte, temporaneamente accecato, passando il comando al tenente di vascello Thomas Peake. Per favorire la cattura del Rivoli, Peake ordinò al Weasel di bloccare i tentativi di fuga della nave francese: il comandante Andrew pose il suo vascello di fronte al Rivoli e iniziò a cannoneggiarla ripetutamente[7].

La resamodifica | modifica wikitesto

Giovanni Luzzo, La battaglia di Pirano (incisione)

Alle 8:45 il Rivoli, che stava lottando per cercare di raggiungere il vicino porto di Trieste (dove era ancorato il vascello francese Danae, il cui comandante aveva sì allertato l'equipaggio osservando le cannonate in lontananza, ma non era poi riuscito a contattare il Comando superiore per ottenere l'ordine di salpare[9]), perse il suo albero di mezzana sotto il fuoco del Victorious e del Weasel. Quasi nello stesso momento, esplosero due dei suoi cannoni lunghi da 36 libbre, uccidendo o ferendo 60 uomini e disorganizzando e demoralizzando notevolmente gli altri; inoltre Barré fu costretto a trasferire gli artiglieri dal ponte superiore alla batteria inferiore[8]. Quindici minuti più tardi alle 9:00, con la sua nave ormai ingestibile, malconcia ed arenata, il capitano di vascello Barré dovette arrendersi[7]. Il Rivoli aveva sofferto più di 400 morti e feriti dal suo equipaggio di oltre 800 uomini[14], che erano stati radunati per la prima volta solo pochi giorni prima della partenza e non avevano ancora mai navigato con la loro nuova nave in mare aperto[7]. Anche le perdite a bordo della Victorious furono pesanti, con un ufficiale e 25 marinai uccisi e sei ufficiali (tra cui il capitano Talbot) e 93 feriti[7].

Le perdite francesi sul Mercurio, anche se non esattamente quantificate, furono gravi, con solo tre marinai sopravvissuti. Il Weasel, pur avendo combattuto a lungo con le tre navi francesi, non riportò alcun morto o ferito durante l'intero ingaggio. Le altre navi di scorta del Rivoli non furono inseguite, poiché gli sforzi britannici erano tutti indirizzati invece a portare in porto come preda il Rivoli ormai in frantumi[7]. Di conseguenza, le rimanenti navi francesi furono in grado di dirigersi verso i porti amici senza opposizione. Il comandante Barré venne catturato[15] e condotto fino all'isola di Lissa.

A causa della mancanza di informazioni sull'isola di Lissa (i militari britannici non erano stati avvertiti della vittoria), all'arrivo delle navi prevalse il panico e nel giro di poche ore l'intera isola si preparò alla battaglia, con l'abbandono della città da parte della popolazione che fuggì verso l'entroterra dell'isola. Ben presto, però, venne chiarito l'equivoco e le navi britanniche poterono facilmente attraccare nel porto.

Conseguenzemodifica | modifica wikitesto

Lettera inviata il 3 marzo 1812 da Napoleone Bonaparte al figliastro Eugenio a seguito della catastrofe della Rivoli

I francesi furono molto delusi per l'esito della battaglia, in particolare il maresciallo Auguste Marmont era furioso: nei giorni seguenti emanò un decreto che vietava il contrabbando e commercio, punendo con la morte chi avesse osato rompere il blocco continentale. Il 3 marzo Napoleone Bonaparte apprese la notizia della "catastrofe del Rivoli" e scrisse una dura lettera per rimproverare il figliastro Eugenio (viceré del Regno italico), alla cui scarsa cura dei preparativi imputò la sconfitta, avendo fatto uscire la nave senza farla accompagnare da una fregata[16].

Tuttavia, l'egemonia inglese aumentò nei mesi successivi e nel 1813 gli inglesi occuparono alcuni villaggi a Brazza, Curzola, Lagosta, Ugliano, Meleda e l'intera isola di Lesina. Dopo il crollo della Francia napoleonica e il Congresso di Vienna, gli inglesi consegnarono Lissa e le altre isole all'Austria.

Il Rivoli era un vascello nuovo e ben costruito e, dopo le riparazioni immediate a Porto San Giorgio (Lissa), ritornò insieme al Victorious in Gran Bretagna, dove furono entrambe riparate completamente. La Victorious ritornò sotto il comando di Talbot per il servizio contro la Marina degli Stati Uniti durante la guerra anglo-americana del 1812, mentre il Rivoli (ridenominato HMS Rivoli) fu assegnato ad azioni di pattugliamento delle acque territoriali britanniche[17].

Gli equipaggi di Victorious e Weasel furono ben ricompensati con promozioni e premi in denaro, mentre i giovani ufficiali furono promossi o avanzati e il comandante Andrew del Weasel divenne post-captain (capitano)[7]. Il capitano Talbot fu premiato al termine della guerra, diventando Cavaliere Commendatore dell'Ordine del Bagno in riconoscimento del suo successo[17]. Quasi quattro decenni più tardi, la battaglia (insieme ad altre azioni militari) venne premiata con la concessione della medaglia di servizio generale navale del 1847, assegnata su richiesta a tutti i partecipanti britannici ancora viventi nel 1847[18]. Questa battaglia fu l'ultima azione navale più significativa nel mare Adriatico, consentendo gli assalti britannici contro i convogli costieri e le strutture di terra senza opposizione, la cattura delle isole isolate e dei presidi con l'ausilio di una popolazione illirica sempre più nazionalista[6].

Il ritrovamento del relitto del Mercuriomodifica | modifica wikitesto

Modello del brigantino Cygne (gemello del Mercurio) presso il Museo nazionale della marina a Parigi
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Mercurio (brigantino).

Nel 2001 vennero ritrovati alla profondità di 18 metri al largo di punta Tagliamento, nel comune di Lignano Sabbiadoro in provincia di Udine, i resti del brigantino Mercurio affondato durante la battaglia[19]. A seguito di tale ritrovamento, che consente di individuare con certezza il luogo esatto in cui avvenne - almeno in parte - lo scontro navale, alcuni storici hanno iniziato ad utilizzare anche la dizione di "battaglia di Lignano".

Lo scafo rivestito in rame (40 x 10 metri), il fasciame e gli oltre 900 reperti in ottimo stato conservativo costituiscono un eccezionale esempio di archeologia dei relitti marini[13][20] e consente di comprendere la vita di bordo dei marinai del Regno italico di inizio '800[19].

Il relitto è inoltre l'unico noto relativo ad una nave del Regno italico nonché il più antico di un'imbarcazione battente la bandiera tricolore verde, bianca e rossa[21]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Luciano Balzarini e Severino Fossati, Il cantiere navale della foce, anticafoce.blogspot.it, 25 aprile 2015.
  2. ^ Ester Franzin, Per la valorizzazione della ricerca archeologica a Ca' Foscari: il caso del relitto del Mercurio.
  3. ^ (ENSL) Paolo Foramitti, The island of Grado –naval war 1805–1814 (PDF), in Napoleon na Jadranu / Napoléon dans l'Adriatique, Capodistria-Zara, Založba Annales, 2006, p. 325.
  4. ^ (EN) Piran, su European Walled Towns. URL consultato il 09 giugno 2016.
  5. ^ (EN) Thammy Evans e Rudolf Abraham, Istria: Croatian Peninsula, Rijeka, Slovenian Adriatic, Bucks, Bradt Travel Guides, 2013, p. 158.
  6. ^ a b c d e f g h i j (EN) Robert Gardiner, The Victory of Seapower, Caxton Editions, 2001, ISBN 1-84067-359-1.
  7. ^ a b c d e f g h i j k (EN) William James, The Naval History of Great Britain (1811–1827), vol. 6, Conway Maritime Press, 2002, ISBN 0-85177-910-7.
  8. ^ a b (FR) Onésime-Joachim Troude, Batailles navales de la France, vol. 4, Challamel ainé, 1867, pp. 152–153.
  9. ^ a b c d Giacomo Scotti, Due secoli fa la battaglia navale di Pirano (PDF), in Panorama (Rijeka), nº 17, Fiume, EDIT, 15 settembre 2012, pp. 14-16.
  10. ^ Virgilio Ilari e Piero Crociani, La Marina Italiana di Napoleone 1796-1814, su academia.edu. URL consultato l'08 giugno 2016.
  11. ^ Giacomo Scotti, I cavalieri della Serenissima (PDF), in La voce del popolo, VII, nº 69, 09 giugno 2012, p. 7.
  12. ^ a b C. Randaccio, Le marinerie militari italiane nei tempi moderni (1750-1860), Genova-Torino, Luigi Beuf, 1870, p. 145.
  13. ^ a b c Pietro Spirito, A picco dopo un ammutinamento: dai fondali le nuove verità sul 'Mercurio', in Il Piccolo, 03 agosto 2010.
  14. ^ I registri britannici riportano 862 marinai sulla Rivoli, mentre quelli francesi 810.
  15. ^ (FR) Louis François L'Héritier, Officiers blessés au poste d'honneur ou qui si sìgnalerént par des actions d'éclat, in Barré, capitain de frégate, Les fastes de la gloire: ou, Les braves recommandés a la Postérité; monument élevé aux défenseurs de la patrie, par une société d'hommes de lettres, et de militaires, vol. 5, Raymond, 1822, p. 53.
  16. ^ (EN) A Confident Napoleon Challenges British Naval Superiority: “I will send a division of vessels, which will make me master of the Adriatic..., su raabcollection.com. URL consultato l'08 giugno 2016.
  17. ^ a b (EN) John Knox Laughton, Talbot, Sir John, in Oxford Dictionary of National Biography.
  18. ^ (EN) Names of ships for which Claim have been proved, in The London Gazette, nº 20939, 26 gennaio 1849, p. 244.
  19. ^ a b Carlo Beltrame, Elementi per un'archeologia dei relitti navali di età moderna. L'indagine di scavo sottomarino sul brick Mercurio (PDF), in Missioni archeologiche e progetti di ricerca e scavo del'Università Cà Foscari - Venezia, Venezia, VI giornata di studio, pp. 219-227.
  20. ^ "Il relitto del Mercurio e la battaglia di Grado": Ca'Foscari inaugura una nuova mostra, Venezia Today, 13 maggio 2016.
  21. ^ Grado - Settimana napoleonica - Rievocazione storica della "Battaglia di Grado" - Dal 19 al 24 giugno 2012, MIBAC, 19 giugno 2012.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Carlo Beltrame, Il Mercure. Il relitto del brick del Regno Italico affondato nel 1812 nella battaglia di Grado, in L. Fozzati (a cura di), Caorle archeologica. Tra mare, fiume e terra, Venezia, 2007, pp. 137-146.
  • (FR) Alain Demerlaiac, La Marine du Consulat et du Premier Empire - Nomenclature des navires français de 1800 à 1815, Nice, Èditions A.N.C.R.E., 2003, ISBN 9782903179304.
  • (EN) Robert Gardiner, The Victory of Seapower, Caxton Editions, 2001, ISBN 1-84067-359-1.
  • (EN) William James, The Naval History of Great Britain, Volume 6, 1811–1827, Conway Maritime Press, 2002, ISBN 0-85177-910-7.
  • Viviana Monastero, La riscoperta del Mercurio un relitto di 200 anni fa, in National Geographic, 12 gennaio 2015.
  • (SL) Boris Prikril, Tri tisoč let pomorskega vojskovanja, Lubiana, DZS, 1980.
  • (FRENHRITSL) Janez Šumrada (a cura di), Janez, Napoleon na Jadranu / Napoleon dans l'Adriatique (PDF), in Založba Annales Koper, Capodistria-Zara, 2006, ISBN 978-961-6033-85-5.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto