Butchered From Inside

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Butchered From Inside (abbreviato BFi) è una webzine, una pubblicazione elettronica nata nel febbraio del 1998, a opera del gruppo s0ftpj, di libera espressione e distribuzione scritta da esponenti della comunità hacker italiana, tra cui molti appartenenti all'Orda delle Badlands.

Caratteristichemodifica | modifica wikitesto

Chiunque può collaborare inviando il proprio materiale alla redazione, che si riserva in ogni caso il diritto di pubblicazione in base a criteri di contenuto, interesse e originalità simili a quelli utilizzati da Phrack. Tutti i numeri sono pubblicati in italiano, solo di alcuni articoli sono disponibili le traduzioni francesi e inglesi.

Storiamodifica | modifica wikitesto

BFi è nata dalle ceneri di System Down, che fu, insieme a The Black Page, una delle ezine italiane degli anni '90 dedicate all'hacking, dalla passione di gruppi di "smanettoni" (al tempo ragazzi, molti dei quali oggi professionalmente occupati nel settore della sicurezza). Da semplice contenitore di conoscenze sull'hacking, la rivista negli anni si è evoluta e si è rivolta alla ricerca innovativa anziché alla recensione, dando spazio alla sperimentazione italiana nel settore dell'hacking. La rivista ha guadagnato varie menzioni, tra cui quella di Phrack ("nice mag"[1]), ed è citata nella bibliografia di libri ed articoli scientifici e tecnici.

Dal numero 11 non ha più una cadenza definita: gli articoli vengono semplicemente pubblicati sul sito dopo una discussione nella mailing list interna dei redattori. Nel marzo del 2004 ogni articolo veniva letto da più di 4000 persone l'anno. In occasione dell'evento MOCA 2004, è stata stampata e distribuita gratuitamente per la prima volta nella storia, un'edizione cartacea di BFi, intitolata [email protected].

Notemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto