Caldaro sulla Strada del Vino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caldaro sulla Strada del Vino
comune
Caldaro sulla Strada del Vino / Kaltern an der Weinstraße
Caldaro sulla Strada del Vino – Stemma
Caldaro sulla Strada del Vino – Veduta
Panorama di Caldaro
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Gertrud Benin Bernard (SVP) dal 10-5-2015 (2º mandato)
Territorio
Coordinate 46°24′47.74″N 11°14′46.18″E / 46.41326°N 11.24616°E46.41326; 11.24616 (Caldaro sulla Strada del Vino)Coordinate: 46°24′47.74″N 11°14′46.18″E / 46.41326°N 11.24616°E46.41326; 11.24616 (Caldaro sulla Strada del Vino)
Altitudine 425 m s.l.m.
Superficie 48,04 km²
Abitanti 7 908[2] (31-12-2015)
Densità 164,61 ab./km²
Frazioni Castelvecchio/Altenburg, Pianizza di Sopra/Oberplanitzing, Pianizza di Sotto/Unterplanitzing', San Giuseppe al Lago/St. Josef am See, Villa di Mezzo/Mitterdorf, Prey-Klavenz
Comuni confinanti Amblar (TN), Appiano sulla Strada del Vino, Cavareno (TN), Egna, Ruffré-Mendola (TN), Sarnonico (TN), Termeno sulla Strada del Vino, Vadena
Altre informazioni
Cod. postale 39052
Prefisso 0471
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021015
Cod. catastale B397
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 074 GG[3]
Nome abitanti caldaresi/Kalterer[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Caldaro sulla Strada del Vino
Caldaro sulla Strada del Vino
Caldaro sulla Strada del Vino – Mappa
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Caldaro sulla Strada del Vino (Kaltern an der Weinstraße in tedesco) è un comune italiano di 7 908 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige, situato a circa 15 km di distanza dal capoluogo provinciale.

È inoltre un comune mercato dal 1657[4].

Geografia fisicamodifica | modifica wikitesto

Situato nell'Oltradige a sud di Appiano e a nord di Termeno sulla Strada del Vino, sorge ai piedi della catena montuosa della Mendola, accanto al bosco di Monticolo (Montiggler Wald).

Lago di Caldaromodifica | modifica wikitesto

Nel comune si trova il lago di Caldaro, noto per la vela e il surf in quanto molto ventoso. È lo specchio d'acqua più ampio dell'Alto Adige e raggiunge una profondità di circa 6 metri.

D'inverno è spesso completamente ghiacciato e in questi casi si può praticare il pattinaggio. Sin da maggio e per tutta la stagione estiva è balneabile. La sponda meridionale è un biotopo protetto.

Il lago di Caldaro.

Origini del nomemodifica | modifica wikitesto

Il toponimo è attestato per la prima volta - nella cosiddetta Vigiliusbrief (lettera di S. Vigilio) - nel IX secolo come Caldare, Caldar e Caldarium, nel 1184 come Caltarn, nel 1519 come Kaltern e Kalthern e deriva probabilmente dal latino caldaria ("caldaia").[5][6]

Dalla sua costituzione nel 1964, è stato aggiunto al nome "Caldaro", la specifica "sulla strada del Vino", assieme ad altri paesi dell'Alto Adige.[7]

Storiamodifica | modifica wikitesto

A Caldaro si trova uno stile architettonico tipico dell'Oltradige (il cosiddetto Überetscher Baustil), un miscuglio di gotico del nord Europa e rinascimentale del sud che si riscontra soprattutto nelle residenze nobiliari erette fra il 1550 e il 1600.[8]

Nel paese si trovano gli uffici del libro fondiario e del catasto.

Piazza principale

Stemmamodifica | modifica wikitesto

Lo stemma, usato dalla fine del XVI secolo, rappresenta un paiolo di rame con manico su sfondo argento.[9]

Monumenti e luoghi d'interessemodifica | modifica wikitesto

Architetture religiosemodifica | modifica wikitesto

  • la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta con il suo campanile gotico alto ben 72,5 m (preesistente alla chiesa stessa). Interessante è anche la lastra marmorea commemorativa dedicata a "Valentinus Unterrichter de Rechtenthal" che recita: "Hic jacet praenobis dominus V. U. de R. J. U. Licentiatus ad vocatus guberni vices partis atesinae gerentis et judicis caldarii. Natus erat MDCXCVI obiit pridie nonas maias MDCCLXII et uxor ejus praenobiis domina Francisca Leissin de Laimburg nata MDCCXV defuncta MDCCLXXIX. Beati qui in dominio moriuntur". antenato di tanti altri importanti beneffattori, politici, amministratori e militari che esercitano tutt'oggi i loro ruoli e professioni nell'interesse e per il bene comune e del popolo. Interessante è il motto di famiglia "Thu recht und schau nicht um" che in italiano diventa "agisci rettamente e non guardarti attorno".
  • le rovine della Basilica di san Pietro, una delle chiese più antiche dell'Alto Adige, raggiungibile attraverso il sentiero della pace che attraversa la gola Rastenbachklamm

Architetture militarimodifica | modifica wikitesto

Nuovo poligonomodifica | modifica wikitesto

In un accordo con la provincia di Bolzano, presso il confine comunale di Caldaro e Vadena verrà costruito un nuovo poligono nell'area di 16 ettari della caserma "Tettoni", al posto di quello che esisteva precedentemente presso l'ospedale San Maurizio di Bolzano. Questo poligono verrà costruito ai piedi del monte di Mezzo, e avrà una lunghezza di 100 metri, largo da 11 fino a 15 e alto 5, interamente da un manto vegetale, che prevede 7 linee di tiro fino alla terza categoria. Sarà interrato in quanto più conveniente e non più scavato in una galleria, in modo tale da non disturbare la popolazione locale. In cambio, un'area limitrofe al lago verrà utilizzata per fini turistici data la vicinanza al lago.[10][11][12]

Aree naturalimodifica | modifica wikitesto

La stretta gola Rastenbachklamm è percorribile attraverso scalinate e passerelle, che passando per una cascata, arrivano alla località Altenburg.

Societàmodifica | modifica wikitesto

Evoluzione demograficamodifica | modifica wikitesto

Abitanti censiti[13]


Lingue e dialettimodifica | modifica wikitesto

Ripartizione linguisticamodifica | modifica wikitesto

La popolazione di Caldaro è in maggioranza di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
92,61% madrelingua tedesca
7,03% madrelingua italiana
0,36% madrelingua ladina

Culturamodifica | modifica wikitesto

Istruzionemodifica | modifica wikitesto

Museimodifica | modifica wikitesto

Il "Museo provinciale del Vino" (Südtiroler Weinmuseum) venne fondato nel 1955 da Matthias Ladurner-Parthanes, Arnold Walch, Walther Amonn, Siegfried Sölva, Heiner Gschwendt e Luis Oberrauch. Aperto da aprile a fine ottobre, offre un percorso museale che attraversa due millenni di storia della produzione vinicola altoatesina e non solo.[14]

Persone legate a Caldaromodifica | modifica wikitesto

Sportivi

Economiamodifica | modifica wikitesto

L'attività più importante dal punto di vista economico è la viticoltura: Caldaro è tra i principali comuni produttori di vino dell'Alto Adige. Un contributo importante è altresì dal turismo.

Infrastrutture e trasportimodifica | modifica wikitesto

Dalla località Sant'Antonio (St. Anton) parte la funicolare della Mendola, inaugurata nel 1903, che in 12 minuti raggiunge l'omonimo passo.

Il paese si trova lungo la Strada del Vino dell'Alto Adige, un percorso pubblicizzato con appositi cartelli, lungo il quale insistono valori naturali, culturali e ambientali, vigneti e cantine di aziende agricole singole o associate aperte al pubblico.

Fra il 1903 e il 1971 la località era inoltre servita dalle stazioni di Caldaro e Sant'Antonio e dalle fermate di Seligo e Monticolo-Pianizza, poste lungo la ferrovia Bolzano-Caldaro.

Amministrazionemodifica | modifica wikitesto

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
nel 1978 Hermann Sölva Sindaco
nel 1990 Wilfried Matscher Battisti Sindaco
2005 2010 Wilfried Battisti Matscher SVP Sindaco
2010 in carica Gertrud Benin Bernard SVP Sindaco

Gemellaggimodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 119.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Hye, op. cit., pp. 4ss.
  5. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano: Athesia, 1995, p. 177s. ISBN 88-7014-634-0
  6. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004.
  7. ^ Sito sulla Weinstraße (strada del vino)
  8. ^ Sighard Rainer et al., Gli edifici storici di Caldaro: gli edifici d'epoca di Caldaro al Lago e la loro storia, Caldaro, 2008.
  9. ^ (EN) Heraldry of the World: Kaltern
  10. ^ Poligono di Monte Su news Provincia
  11. ^ Il progetto del poligono
  12. ^ Caldaro: per il nuovo poligono si scavera sotto terra su altoadige.it
  13. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  14. ^ Hans Grießmair, Museo Provinciale del Vino, Bolzano, Athesia, 1989. ISBN 88-7014-555-7
  15. ^ Hanns Engl, Zum 300. Todestag des Geigenbauers Mathias Alban (1634-1712): eine Untersuchung über seine Familie, in «Der Schlern», 86, 2012, pp. 43-76.
  16. ^ Nicole Priesching, Maria von Mörl (1812-1868): Leben und Bedeutung einer "stigmatisierten Jungfrau" aus Tirol im Kontext ultramontaner Frömmigkeit, Bressanone, Weger, 2004. ISBN 88-85831-97-4
  17. ^ Claudia Feller, Das Rechnungsbuch Heinrichs von Rottenburg - ein Zeugnis adeliger Herrschaft und Wirtschaftsführung im spätmittelalterlichen Tirol. Edition und Kommentar, Vienna: Böhlau, 2010. ISBN 978-3-205-78397-8

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • (DE) Leo Andergassen (a cura di), Kirche in Kaltern - Geschichte, Kult und Kunst. In Erinnerung an den Bau der Pfarrkirche vor 200 Jahren, Caldaro, Parrocchia di Caldaro, 1992.
  • Luisa Bellina et al., Vendemmia letteraria a Caldaro: vino e paesaggio, terra e gente, storia e storielle, Innsbruck, Skarabäus-Verlag, 2006. ISBN 3-7082-3212-7
  • (DE) Hubert Felderer, Häuser in Kaltern - ein Beitrag zur Häusergeschichte der Marktgemeinde Kaltern mit Schwerpunkt in der zweiten Hälfte des 18. Jahrhunderts, in «Der Schlern», 81, 2007, pp. 74–97.
  • (DE) Franz-Heinz Hye, Die Marktgemeinde Kaltern: Aspekte ihrer älteren Geschichte, in «Der Schlern», 81, 2007, pp. 4–15.
  • Sighard Rainer et al., Gli edifici moderni di Caldaro - esempi di architettura contemporanea, Caldaro, 2008.

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN138453707 · LCCN: (ENn85380119 · GND: (DE4029374-9
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige