Damaste di Sigeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Damaste di Sigeo (greco: Δαμάστης; Sigeo, 460 a.C. circa – 400 a.C. circa) è stato uno storico e geografo greco antico.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Nativo di Sigeo (dal latino Sigeum: in greco Sigeion), colonia ateniese fondata alla fine del VII secolo a.C. in Asia Minore, nella Troade, Damaste fu considerato un discepolo di Ellanico di Mitilene[1].

Operemodifica | modifica wikitesto

Delle sue opere restano frammenti raccolti e commentati nei Fragmente der griechischen Historiker di Felix Jacoby[2]. Pur nella scarsità di frammenti pervenuti, si intravede un autore che, sulla scorta del maestro Ellanico, si diede a comporre elenchi geografici e genealogie mitologiche nella scia della logografia ionica.
Da Suda ed altri autori, risulta che Damaste avesse pubblicato Sui fatti in Grecia (περὶ τῶν ἐν Ἑλλάδι γενομένων), Sugli antenati di quelli che combatterono ad Ilio, un Catalogo di popoli e di città, citato da Stefano di Bisanzio[3] con il titolo abbreviato περὶ ἐθνῶν: probabilmente da quest'opera, o da quella sui combattenti a Troia, proviene la notizia che Damaste citasse la fondazione di Roma[4], che poté conoscere grazie all'amico ateniese Diotimo, impegnato nel golfo di Neapolis e a Cuma nella seconda metà del V secolo[5].
A parte queste opere, è noto un Periplo (περίπλους), citato da Agatemero[6], che, tra l'altro, afferma che Damaste avesse copiato da Ecateo di Mileto.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Ma altri lo considerano suo maestro: cfr. Porfirio, in Eusebio, Preparazione Evangelica, IX, p. 468.
  2. ^ FGrHist 5.
  3. ^ s. v. ὑπερβόρεοι.
  4. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romana, I 72, 2.
  5. ^ R. Zucca, I popoli italici e le origini di Roma, Milano, Jaca Book, 2004, pp. 8-9.
  6. ^ Vol. I, p. 2 Hudson.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN32386294 · ISNI: (EN0000 0000 0512 701X · GND: (DE102389799