Dinastia 0 dell'Egitto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dinastia 0 è il nome con cui, convenzionalmente, si identifica un elenco di sovrani egizi attribuibili al periodo predinastico, che inizia nel 3200 fino al 3060 e di cui si conosce il nome e spesso null'altro.

Antica necropoli di Umm el-Qa'ab
La necropoli di Peqer (Abido) con le sepolture dei primi sovrani
Horo Scorpione II

Tutti i reperti, tranne quelli inerenti al Horo Scorpione II, provengono dalla necropoli di Umm el-Qa'ab, chiamata Peqer, nei pressi di Abydos, fatto che porta a ritenere che si tratti di sovrani collegati da una qualche forma di correlazione familiare. Tutte le cronologie e datazioni sono puramente indicative in quanto il periodo Naqada, e di conseguenza il protodinastico, è ancora in fase di studio e possono essere quindi discordanti le ripartizioni di diversi studiosi quali William M. F.Petrie, Werner Kaiser, Stan Hendrickx ed altri.[1]

Per maggior precisione, relativamente alle dinastie 0 e 00 il periodo di Naqada III si divide in:

  • Naqada III a1 e a2 = corrispondente alla dinastia 00 dal 3300 al 3200 circa
  • Naqada III b1 e b2 = corrispondente alla dinastia 0 dal 3200 al 3060 circa[2]

La scarsità di fonti archeologiche (in genere i nomi sono conosciuti da frammenti di stoviglie, o da piccole placchette di legno o osso), non permette di formulare una sequenza temporale dei nomi sicura, e quindi quella riportata è da considerarsi solo come convenzionale.

Gli ultimi due re, Coccodrillo e Scorpione, furono, presumibilmente, contemporanei di Ka; forse usurpatori, o, più probabilmente, signori locali indipendenti. Secondo Günther Dreyer, Coccodrillo fu forse signore di Tarkhan, e Scorpione II signore di Ieracompoli.

Alcuni sovrani della dinastia 0, sono chiamati nel Papiro di Torino ed in altre fonti egizie, Shemsu-Hor e presentano nel loro serekht l'immagine di un falco.[3]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Natale Barca Prima delle piramidi, pag. 90
  2. ^ Natale Barca, Sovrani predinastici egizi, pag. 102
  3. ^ Natale Barca, Prima delle piramidi, pag.240

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto