Dubnio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dubnio
   

105
Db
 
               
               
                                   
                                   
                                                               
                                                               
   
rutherfordio ← dubnio → seaborgio
Generalità
Nome, simbolo, numero atomico dubnio, Db, 105
Serie metalli di transizione
Gruppo, periodo, blocco 5, 7, d
Configurazione elettronica
Configurazione elettronica
Proprietà atomiche
Peso atomico [262]
Configurazione elettronica probabile Rn5f146d37s2
e per livello energetico 2, 8, 18, 32, 32, 11, 2
Stati di ossidazione 5
Proprietà fisiche
Stato della materia presumibilmente solido
Altre proprietà
Numero CAS 53850-35-4

Il dubnio è l'elemento chimico della tavola periodica che ha come simbolo Db e come numero atomico 105.

È un elemento sintetico, altamente radioattivo, il cui isotopo più stabile (Db-270) ha una emivita di 1,0+1,9−0,4 ore[1]. Questo elemento non ha al momento applicazioni pratiche e le sue proprietà sono poco conosciute.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Il dubnio (il nome deriva da Dubna, in Russia) venne scoperto nel 1968 da un'gruppo di ricerca russo dell'Istituto unito per la ricerca nucleare a Dubna. Nel 1970 un'équipe di ricercatori diretta da Albert Ghiorso dell'università di Berkeley identificò con certezza l'elemento 105.[2]

L'elemento venne sintetizzato bombardando un atomo di californio-249 con un raggio di nuclei d'azoto a 84 MeV in un acceleratore di particelle. Gli atomi dell'elemento 105 furono individuati definitivamente il 5 marzo 1970 ma ci sono prove che questo elemento era già stato ottenuto un anno prima, usando lo stesso metodo.

Gli scienziati di Berkeley successivamente cercarono di confermare la scoperta sovietica usando metodi più sofisticati, ma senza successo. Proposero anche di battezzare il nuovo elemento hahnio (Ha), in onore dello scienziato tedesco Otto Hahn (1879-1968). Di conseguenza questo fu il nome utilizzato dalla maggioranza degli scienziati americani e dell'Europa occidentale.

Una controversia sul nome dell'elemento sorse in seguito alla protesta degli scienziati russi. L'Unione internazionale di chimica pura e applicata (IUPAC) quindi adottò unnilpentio (Unp) come nome temporaneo dell'elemento. Comunque nel 1997 la disputa si risolse con l'adozione del nome attuale, dubnio (Db), derivato dalla città russa che ospita l'istituto di ricerca nucleare dove l'elemento fu scoperto.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Ca48+Bk249 Fusion Reaction Leading to Element Z=117: Long-Lived α-Decaying Db270 and Discovery of Lr266, journals.aps.org.
  2. ^ Dubnium, elements.vanderkrogt.net.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità GND: (DE4293095-9
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia