Edoardo Zavattari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edoardo Zavattari (Tortona, 21 ottobre 1883Genova, 17 febbraio 1972) è stato un biologo, esploratore ed entomologo italiano. Lungamente direttore dell'Istituto di zoologia dell'Università di Roma, è stato anche tra i principali teorici, in Italia, del razzismo biologico.

Professore presso l'ateneo di Pavia prima e in quello di Roma poi, autore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche, dal 1926 al 1959 compì numerosi viaggi di esplorazione e ricerca in tutti i continenti[1], e in particolare nell'Africa nord-orientale. Il materiale qui raccolto, che per la quantità dovette essere trasferito in 122 colli[2], fa oggi parte della collezione del Museo civico di zoologia di Roma.

Sotto la sua direzione, che interessò il periodo dal 1935 al 1958, l'attività sistematica faunistica dell'Istituto di zoologia del primo ateneo capitolino registrò un'importante ripresa [3].

Ma non va sottaciuto che lo zoologo di Tortona si segnalò anche, in particolare tra gli anni venti e Trenta del Novecento, per le sue teorie sul razzismo biologico. Nel 1928, infatti, durante l'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università di Pavia, si espresse per una rigida separazione tra «razza dominante e razza dominata»[4]. Un decennio più tardi fu tra i dieci sottoscrittori del Manifesto degli scienziati razzisti, il cui testo, esteso da Guido Landra, ma ideato ed emendato da Mussolini, si configurò come atto prodromico alle Leggi razziali fasciste[5]. Scrisse al riguardo numerosi articoli sul periodico «La difesa della razza» diretto da Telesio Interlandi[6].

Consigliere per oltre trenta anni, dal 1937 al 1969, della Società Entomologica Italiana[7], dal 1951 Zavattari è stato anche socio dell'Accademia nazionale delle scienze.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ S. Zavatti, Gli esploratori e la letteratura italiana, 1900-1973, Cappelli, Bologna 1976, pp. 19-20 e 98-99.
  2. ^ L. Businco, La missione Zavattari in A.O.I., in «Sapere» (Ulrico Hoepli 1940), riprodotta sul sito «Viaggi nella Storia»
  3. ^ Cfr. Il Museo di Zoologia nel periodo di Edoardo Zavattari sul sito dell'Università di Roma
  4. ^ E. Signori, La “conquista fascista” dell'Università. Libertà d'insegnamento e autonomia nell'Ateneo pavese dalla riforma Gentile alle leggi razziali, in «Il politico», LXII (1997), n. 3, p. 468.
  5. ^ M. Sarfatti, La preparazione delle leggi antiebraiche del 1938, in I. Pavan - G. Schwarz (a cura di), Gli ebrei in Italia tra persecuzione fascista e reintegrazione postbellica, Giuntina, Firenze 2001, pp. 28-34
  6. ^ M. Sarfatti, Gli ebrei nell'Italia fascista. Vicende, identità, persecuzione, Einaudi, Torino 2000 p. 54.
  7. ^ Cfr. il saggio di A. Vigna Taglianti, Il contributo della Società Entomologica Italiana alla biogeografia, in «Biogeografia», vol. XXVI, 2005, pp. 103-228

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • C. Conci - R. Poggi, Iconography of Italian Entomologists, with essential biographical dated, in «Memorie della Società entomologica Italiana», vol. LXXV, 1996, pp. 159–382.
  • A. Vigna Taglianti, Storia dell'entomologia romana, in «Atti del XII Congresso nazionale italiano di entomologia» (Roma, 5-9.11.1980), vol. I, Roma 1983.

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN198134266