Egitto tolemaico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Egitto tolemaico
Egitto tolemaico - Stemma
Dati amministrativi
Nome completo Πτολεμαϊκὴ βασιλεία
Ptolemaïkè Basileía
Regno tolemaico d'Egitto
Nome ufficiale Πτολεμαϊκὴ βασιλεία
Lingue ufficiali Koinè
Lingue parlate Koinè, egizio, latino e berbero
Capitale Alessandria
Altre capitali Naucrati, Tolemaide di Tebaide
Dipendenze Regno di Cipro, Regno di Cirene, Nubia
Politica
Forma di Stato Regno
Forma di governo Monarchia teocratica
Nascita 305 a.C. con Tolomeo I
Causa Proclamazione del regno da parte del satrapo Tolomeo Sotere
Fine 30 a.C. con Cleopatra e Tolomeo XV
Causa Sconfitta di Marco Antonio e Cleopatra nell'Assedio di Alessandria
Territorio e popolazione
Bacino geografico Valle del Nilo, Cirenaica e Medio Oriente
Economia
Valuta Dracma greca
Commerci con Regni ellenistici, Cartagine, Repubblica romana
Religione e società
Religioni preminenti Culto di Serapide e religione egizia
Religioni minoritarie Religione greca, Ebraismo
Egitto tolemaico - Mappa
Regni ellenistici nel 300 a.C.
Evoluzione storica
Preceduto da Vergina Sun.svg Regno di Macedonia
Succeduto da Roman SPQR banner.svg Repubblica romana
Ora parte di Cipro Cipro, Egitto Egitto, Giordania Giordania, Israele Israele, Libano Libano, Libia Libia, Palestina Palestina, Siria Siria, Turchia Turchia
Storia dell'Egitto
Storia dell'Egitto
Egitto preistorico – 3900 a.C.
ANTICO EGITTO
Periodo predinastico c. 3900 – 3150 a.C.
Periodo arcaico c. 3150 – 2686 a.C.
Antico Regno 2700 – 2192 a.C.
Primo periodo intermedio 2192 – 2055 a.C.
Medio Regno 2055 – 1650 a.C.
Secondo periodo intermedio 1650 – 1550 a.C.
Nuovo Regno 1550 – 1069 a.C.
Terzo periodo intermedio 1069 – 664 a.C.
Periodo tardo 664 – 332 a.C.
PERIODO GRECO ROMANO
Egitto tolemaico 332 – 30 a.C.
Egitto romano e bizantino 30 a.C. – 641 d.C.
EGITTO ARABO
Conquista islamica dell'Egitto 641 – 654
Periodo tulunide 868 – 904
Periodo ikhshidide 904 – 969
Periodo fatimide 969 – 1171
Periodo ayyubide 1171 – 1250
Periodo mamelucco 1250 – 1517
EGITTO OTTOMANO
Eyalet d'Egitto 1517 – 1867
Chedivato d'Egitto 1867 – 1914
EGITTO MODERNO
Sultanato d'Egitto (Protettorato britannico) 1914 – 1922
Regno d'Egitto 1922 – 1953
Repubblica Araba d'Egitto 1953–presente

L'Egitto tolemaico o Regno tolemaico d'Egitto (in greco antico: Πτολεμαϊκὴ βασιλεία, Ptolemaïkḕ Basileía[1]) è stato un regno del periodo ellenistico fondato sulla terra dell'antico Egitto, governato dalla dinastia tolemaica iniziata con Tolomeo I - dopo la morte di Alessandro Magno nel 323 a.C. - e conclusasi con Cleopatra VII con la conquista romana nel 30 a.C. e la successiva creazione della Provincia d'Egitto. Uno dei suoi maggiori simboli è stata l'aquila di Zeus (άετός Διός, aetós Diós),[2] impressa anche nelle monete, invece la forma religiosa ufficiale fu il culto di Serapide.[3]

Il regno tolemaico fu fondato nel 305 a.C. da Tolomeo, generale macedone e compagno d'armi di Alessandro che, dichiaratosi faraone, diede il via ad una potente dinastia ellenistica governando un territorio che va dal sud della Siria a Cirene in Libia alla Nubia. Alessandria d'Egitto divenne la capitale, oltre che un importante centro di cultura e del commercio internazionale.

Per ottenerne il riconoscimento da parte della nativa popolazione egizia, come detto, la famiglia macedone si dichiarò succedere direttamente dagli antichi faraoni; in epoca più tarda i Tolomei assunsero la tradizione egiziana sposandosi tra fratelli e facendosi raffigurare sui monumenti pubblici abbigliati in stile egizio e partecipando pienamente alla vita e alle celebrazioni della religione egizia.

Nel corso dei loro secoli di dominio i Tolomei hanno dovuto affrontare e combattere ribellioni ispirate dai nativi, sono stati coinvolti in conflitti con le nazioni straniere ed infine anche in guerre civili che hanno portato al declino del regno e alla sua definitiva annessione da parte dell'appena costituitosi impero romano. La cultura ellenistica ha continuato a prosperare in terra d'Egitto durante i periodi romano e bizantino fino alla conquista islamica dell'Egitto (639-642).

Storiamodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Egitto greco e romano e Storia dell'Egitto tolemaico (51-30 a.C.).

L'era del regno tolemaico in Egitto è uno dei periodi dell'età ellenistica meglio documentati; un patrimonio di papiri del tempo scritti in greco ed egizio sono stati rinvenuti nel territorio.[4]

Busto ellenistico di Tolomeo I, primo sovrano tolemaico (Museo del Louvre, Parigi)

Nel 332 a.C. il sovrano del Regno di Macedonia Alessandro Magno invase la satrapia achemenide d'Egitto;[5] visitò Menfi (Egitto), per poi viaggiare in direzione dell'oracolo di Amon posto nell'oasi di Siwa (oasi). Egli riconciliò gli egiziani, conquistandosene la piena benevolenza, attraverso l'alta forma di rispetto sempre dimostrata nei confronti dei culti religiosi locali; pur, nonostante questo, nominò macedoni a quasi tutti i posti di responsabilità nel paese e fondò una nuova città di stile ed impronta greca (Alessandria d'Egitto) per essere la nuova capitale.

All'inizio del 331 a.C. il grande conquistatore ripartì, conducendo le sue forze e i propri eserciti alla volta della Fenicia, non dopo aver lasciato Cleomene di Naucrati come nomarca per controllare l'Egitto in sua assenza: non vi fece più ritorno.

Dopo la morte di Alessandro avvenuta a Babilonia nel 323 a.C.[6] scoppiò una crisi di successione tra i suoi generali, le cosiddette guerre dei diadochi. Perdicca governò inizialmente il vastissimo impero come reggente per conto del fratellastro di Alessandro, Arridhesus, che divenne Filippo III Arrideo, e poi anche del figlio del re Alessandro IV di Macedonia il quale doveva ancora nascere al momento della morte del padre.

Rovine del Serapeo di Alessandria, il tempio più famoso e fastoso della città.

Perdicca nominò Tolomeo, uno dei compagni più stretti di Alessandro, per essere satrapo dell'Egitto; questi governò pertanto il suolo egizio sin dal 323, ufficialmente a nome di Filippo III e Alessandro IV, tuttavia presto si venne ad affermare sempre più come sovrano nei suoi pieni diritti. Tolomeo difese con successo l'Egitto contro un'invasione da parte dello stesso Perdicca nel 321, consolidando la propria posizione nelle regioni circostanti di confine durante i due decenni (322-301) di conflitti.

Nel 305 Tolomeo assunse il titolo di faraone; come Tolomeo I "Salvatore" fondò la dinastia tolemaica la quale doveva governare l'Egitto per i successivi tre secoli. Tutti i governanti maschi della dinastia presero il nome di Tolomeo, mentre le principesse e regine preferivano i nomi di Cleopatra, Arsinoe e Berenice; poiché i re tolemaici adottarono l'usanza egizia di sposar le proprie sorelle, molti dei sovrani legittimi governarono nella piena collaborazione dei propri rispettivi coniugi i quali erano anch'essi parte della casa reale.

I primi tolomei non disturbarono in alcun modo la religione o le usanze degli egiziani, anzi fecero costruire nuovi magnifici templi per la divinità egizia e preso adottarono usi e costumi, nei loro rapporti con l'esterno, che erano propri degli antichi faraoni; venne infine ondata la colonia greca di Tolemaide di Tebaide per essere una delle nuove capitali del regno.

Durante i regni di Tolomeo II e Tolomeo III migliaia di veterani macedoni vennero premiati con terreni agricoli, venendo in tal modo impiantati in colonie e guarnigioni che si stabilirono nei villaggi di tutto il paese; nel corso di un secolo l'influenza greca si era diffusa a macchia d'olio ed i matrimoni misti avevano prodotto un'ampia classe istruita greco-egiziana: tuttavia, i greci rimasero pur sempre una minoranza privilegiata all'interno del regno tolemaico, vivendo sottoposti al diritto greco e parimenti ricevendo una formazione eminentemente greca, come cittadini ellenici a pieno diritto.

Economiamodifica | modifica wikitesto

L'Egitto tolemaico era una delle principali fonti di produzione di grano del mondo antico. I re tolemaici oltre ai proventi della vendita delle derrate di grano all'estero, si arricchirono grazie a un sistema monetario chiuso, che imponeva l'uso della valuta egiziana all'interno dei confini del regno. Grazie al volume di traffici e al cambio favorevole, poiché le monete straniere in media contenevano una percentuale di argento maggiore del 17% rispetto alla monetazione egiziana, i re tolemaici ne traevano vantaggio. La presenza delle miniere d'oro egiziane nel territori di confine con l'Arabia e la Nubia, permise inoltre una certa diffusione della monetazione aurea, a scopi celebrativi.

Culturamodifica | modifica wikitesto

L'Omero cieco, busto di scuola alessandrina (British Museum, Londra)

Tolomeo I, forse con la consulenza di Demetrio Falereo, ha fondato il Museo e la grande biblioteca di Alessandria;[7] il primo fu un attivo centro di ricerca sostenuto dal sovrano che si trovava nel settore reale della città: gli studiosi vi erano ivi alloggiati e finanziati dai governanti tolemaici,[7] avendo inoltre libero accesso alla biblioteca.

Il bibliotecario capo serviva il re anche come precettore privato del principe ereditario[8] e, per i primi centocinquant'anni della sua esistenza, questo centro del sapere antico unico al mondo attirò una moltitudine di studiosi di origine greca,[8] divenendo ben presto il fulcro ed il centro-chiave accademico, letterario e scientifico dell'ellenismo.[9]

Artemodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Arte ellenistica.

L'arte ellenistica è ricca di diversità sia nella materia utilizzata sia nello sviluppo stilistico; venne creata nel corso di un periodo caratterizzato da un forte senso della storia (per la prima volta vi erano musei e vaste biblioteche, come quelle di Alessandria e di Pergamo). Gli artisti ellenistici copiarono e adattarono gli stili precedenti, producendo però anche grandi innovazioni.

Busto di Serapide (Musei Vaticani, Città del Vaticano)

La maggior parte delle stele pubbliche erano comunemente in calcare, mentre i greci tendevano ad utilizzare maggiormente il marmo e il bronzo per la scultura privata; l'influenza della scultura greca sotto i Tolomei è dimostrata anche da una maggior enfasi data nell'impressione del volto (con sorrisi che appaiono all'improvviso), a differenza dello stile idealizzato ma rigido precedente nonché privo del tutto di alcun tentativo di somiglianza. Verso la fine del periodo tolemaico, il copricapo dona a volte un moto di capelli arruffati.

Un cambiamento significativo nell'arte tolemaica è poi data dall'improvvisa ricomparsa delle donne, che erano state quasi completamente assenti all'incirca dall'epoca della XXVI dinastia egizia.

Religionemodifica | modifica wikitesto

Quando Tolomeo I si proclamò faraone d'Egitto creò un nuovo culto, quello della divinità egizia Serapide, che era la combinazione di due dèi egizi, Api e Osiride, più le principali divinità greche (Zeus, Ade, Asclepio, Dioniso ed Helios; Serapide aveva poteri sora la fertilità, il Sole, i riti funerari e la medicina e ben presto molte persone iniziarono ad adorare questo nuovo dio.

Al tempo dei Tolomei il culto di Serapide veniva incluso in quello della nuova dinastia faraonica, oltre che al culto di Alessandro Magno, e fu così che Alessandria soppiantò Menfi come la città religiosa per eccellenza: Cleopatra, ultima della linea tolemaica, è stata spesso raffigurata con caratteristiche della dea Iside.[10] Le tavole tradizionali per le offerte scomparvero dai rilievi durante il periodo tolemaico.

Militaremodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Esercito tolemaico.

Cittàmodifica | modifica wikitesto

Rovine di Alessandria con la Colonna di Pompeo.

Durante il tempo del loro governo, la dinastia tolemaica fece costruire un gran numero di insediamenti greci in tutto il loro impero, con intenti di ellenizzazione nei confronti i nuovi popoli conquistati o rinforzare la sicurezza di certe zone; le tre principali città d'impronta greca furono Naucrati, Alessandria d'Egitto e Tolemaide di Tebaide.

Alessandriamodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Alessandrinismo.

Importante porto mediterraneo dell'Egitto ancor oggi, la città venne fondata nel 331 a.C. da Alessandro Magno, come la prima tra le tante città orientali macedoni da egli stabilite e fatte nascere.

La biblioteca di Alessandria, in quel momento la più grande al mondo, conteneva centinaia di migliaia di volumi, con un gran numero di studiosi e poeti ospitati ed impiegati. Un complesso simile adibito allo studio era il Museo (Mouseion, "sala delle Muse"). Durante il breve periodo dorato della letteratura alessandrina, all'incirca tra il 280-240 a.C., la Biblioteca sovvenzionò tre celebri poeti - Callimaco, Apollonio Rodio e Teocrito - il cui lavoro rappresenta oggi il meglio dell'intera letteratura ellenistica. Tra gli altri pensatori associati alla Biblioteca o ad altro patronato alessandrino vi furono il matematico Euclide (circa 300 a.C.), l'inventore Archimede (287 - 212 a.C. circa), e il poliedrico Eratostene (circa 225 a.C.).[11]

Demografiamodifica | modifica wikitesto

Nel corso degli anni novanta del XX secolo, sono stati scoperti più di 2.000 papiri scritti da Zenone di Caunus dai tempi di Tolomeo II; questi contengono almeno 19 riferimenti alle popolazioni arabe nomadi presenti nella zona tra il Nilo e il Mar Rosso, con alcuni di loro menzionati come pastori.[12]

Gli arabi nel corso dell'epoca tolemaica avevano fornito i convogli di cammelli agli eserciti di alcuni sovrani durante le invasioni, ma non avevano la fedeltà nei loro confronti come tutti gli altri cittadini.[13]

Governantimodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dinastia tolemaica.
Busto marmoreo raffigurante Cleopatra, 40/30 a.C. (Altes Museum, Berlino)

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Diodoro Siculo, XVIII, 21.9.
  2. ^ Buraselis, Stefanou and Thompson ed; The Ptolemies, the Sea and the Nile: Studies in Waterborne Power.
  3. ^ North Africa in the Hellenistic and Roman Periods, 323 BC to AD 305, R.C.C. Law, The Cambridge History of Africa, Vol. 2 ed. J. D. Fage, Roland Anthony Oliver, (Cambridge University Press, 1979), 154.
  4. ^ Lewis 1986, pag. 5.
  5. ^ Department of Ancient Near Eastern Art. "The Achaemenid Persian Empire (550–330 B.C.)". In Heilbrunn Timeline of Art History. New York: The Metropolitan Museum of Art, 2000–. (October 2004) Source: The Achaemenid Persian Empire (550–330 B.C.) | Thematic Essay | Heilbrunn Timeline of Art History | The Metropolitan Museum of Art
  6. ^ Hemingway, Colette, and Seán Hemingway. "The Rise of Macedonia and the Conquests of Alexander the Great". In Heilbrunn Timeline of Art History. New York: The Metropolitan Museum of Art, 2000–. (October 2004) Source: The Rise of Macedonia and the Conquests of Alexander the Great | Thematic Essay | Heilbrunn Timeline of Art History | The Metropolitan Museum of Art
  7. ^ a b Peters 1970, pag.193.
  8. ^ a b Peters 1970, pag.194.
  9. ^ Peters 1970, pag.195.
  10. ^ Antiquities Experts, Egyptian Art During the Ptolemaic Period of Egyptian History, su http://antiquitiesexperts.com/egypt_ptol.html.
  11. ^ Phillips, Heather A., "The Great Library of Alexandria?". Library Philosophy and Practice, August 2010
  12. ^ Arabs in Antiquity: Their History from the Assyrians to the Umayyads, Prof. Jan Retso, Page: 301
  13. ^ A History of the Arabs in the Sudan: The inhabitants of the northern Sudan before the time of the Islamic invasions. The progress of the Arab tribes through Egypt. The Arab tribes of the Sudan at the present day, Sir Harold Alfred MacMichael, Cambridge University Press, 1922, Page: 7; History of Egypt, Sir John Pentland Mahaffy, Pages: 20-21

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • Bingen, Jean. Hellenistic Egypt. Edinburgh: Edinburgh University Press, 2007 (hardcover, ISBN 0-7486-1578-4; paperback, ISBN 0-7486-1579-2). Hellenistic Egypt: Monarchy, Society, Economy, Culture. Berkeley: University of California Press, 2007 (hardcover, ISBN 0-520-25141-5; paperback, ISBN 0-520-25142-3).
  • Bowman, Alan Keir. 1996. Egypt After the Pharaohs: 332 BC–AD 642; From Alexander to the Arab Conquest. 2nd ed. Berkeley: University of California Press
  • Stanley Meyer Burstein, The Reign of Cleopatra, University of Oklahoma Press, 1º dicembre 2007, ISBN 0-8061-3871-8. URL consultato il 6 aprile 2015.
  • Chauveau, Michel. 2000. Egypt in the Age of Cleopatra: History and Society under the Ptolemies. Translated by David Lorton. Ithaca: Cornell University Press
  • Ellis, Simon P. 1992. Graeco-Roman Egypt. Shire Egyptology 17, ser. ed. Barbara G. Adams. Aylesbury: Shire Publications, ltd.
  • Hölbl, Günther. 2001. A History of the Ptolemaic Empire. Translated by Tina Saavedra. London: Routledge Ltd.
  • Naphtali Lewis, Greeks in Ptolemaic Egypt: Case Studies in the Social History of the Hellenistic World, Oxford, Clarendon Press, 1986, ISBN 0-19-814867-4.
  • Lloyd, Alan Brian. 2000. "The Ptolemaic Period (332–30 BC)". In The Oxford History of Ancient Egypt, edited by Ian Shaw. Oxford and New York: Oxford University Press. 395–421
  • Susan Stephens, Seeing Double. Intercultural Poetics in Ptolemaic Alexandria (Berkeley, 2002).
  • A. Lampela, Rome and the Ptolemies of Egypt. The development of their political relations 273-80 B.C. (Helsinki, 1998).
  • F. E. Peters, The Harvest of Hellenism, New York, Simon & Schuster, 1970.
  • J. G. Manning, The Last Pharaohs: Egypt Under the Ptolemies, 305-30 BC (Princeton, 2009).

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto