Equi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli Equi nell'antico Latium vetus.

Gli Equi (Lat. Aequi) erano una antica popolazione, che occupava un'area oggi compresa fra il Lazio e l'Abruzzo, in Italia, costantemente citata nella prima decade di Livio come ostile a Roma nei primi tre secoli dell'esistenza della città.

Territoriomodifica | modifica wikitesto

Occupavano le estensioni superiori delle valli del fiume Anio (Aniene), affluente del Tevere, Tolenus (Turano), Himella (Imele) e Saltus (Salto), che scorrono verso nord e confluiscono nel fiume Nera. Molti oppida degli Equi furono distrutti da Tarquinio Prisco durante l'età regia di Roma (fine del VII-inizi del VI secolo a.C.).[1] Il loro centro principale sarebbe stato conquistato una prima volta dai Romani verso il 484 a.C. [2] e di nuovo circa novanta anni più tardi [3], ma non furono sottomessi definitivamente che alla fine della Seconda guerra sannitica [4], quando sembra che abbiano ricevuto una forma limitata di libertà [5].

Insediamentimodifica | modifica wikitesto

Tutto ciò che sappiamo della loro successiva situazione politica è che dopo la guerra sociale le popolazioni sono riunite in una res publica Aequiculanorum (il cui centro principale era Nersae, presso l'attuale Nesce nel comune di Pescorocchiano) che era un municipium di tipo ordinario [6] come Cliternia (probabilmente oggi Capradosso); altra città degli Equi era Tora, sita nei pressi dell'attuale abitato di S. Anatolia, e inoltre sono state individuate cinte di mura poligonali che attestano la presenza degli equi a Ciciliano, Roviano, Bellegra, Canterano, Olevano Romano, Roiate e Trevi nel Lazio; nel comune di Riofreddo, in località Casal Civitella, è stata identificata una necropoli risalente al periodo tra VI e V secolo a.C. Le colonie latine di Alba Fucens (303 a.C. - 304 a.C.)[7] e Carsioli (304 a.C.)[8] dovevano aver diffuso l'uso del Latino (o di una variante di esso) per tutto il distretto. Il territorio era attraversato dall'itinerario verso il contemporaneo Abruzzo (via Tiburtina Valeria).

Il sito archeologico della colonia latina di Alba Fucens in territorio equo.

Linguamodifica | modifica wikitesto

Della lingua parlata dagli Equi prima della conquista romana non abbiamo notizie: poiché le popolazioni confinanti dei Marsi, che vivevano subito ad est, e degli Ernici, loro vicini a sud-ovest, erano di sicura etnia osco-umbra, si può ipotizzare che anche gli Equi facessero parte dello stesso ceppo.

Alla loro lingua originaria doveva appartenere il nome stesso della popolazione, ricordato come Aequi o Aequiculi (con la "i" lunga)[9]. In particolare la forma più lunga del loro nome sembrerebbe collegata ad un locativo derivante dal termine aequum (con il significato di "pianura"), indicando quindi gli "abitanti della pianura": in epoca storica tuttavia furono stanziati in un territorio prevalentemente collinoso.

La presenza della "q" nel nome potrebbe derivare da una "q" indoeuropea: in questo caso si confermerebbe l'appartenenza al gruppo latino, che conserva infatti la "q" indoeuropea originaria, mentre questa diviene una "p" nei dialetti volsci umbri e sanniti (il latino quis corrisponde all'umbro-volsco pis). La "q" del nome potrebbe tuttavia derivare anche da un originario termine indoeuropeo con "k" + "u" (come nel latino equus, corrispondente all'umbro-volsco ekvo). L'aggettivo derivativo Aequicus potrebbe indicare una parentela con i Volsci o i Sabini, ma il termine non sembra essere mai stato usato come un reale etnico.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Nel 303 a.C., consoli Lucio Genucio Aventinense e Servio Cornelio Lentulo, i romani fondarono nel territorio degli Equi la colonia[10] di Alba Fucens, popolandola con 6.000 coloni.[11]

Gli Equi, nel 302 a.C., non potendo tollerare la presenza di una cittadella fortificata latina nel proprio territorio, tentarono, di espugnarla; la colonia però resistette senza che fosse necessario ricorre ad aiuti da Roma [11].

« Sembrava impossibile che gli Equi, nel loro misero stato, avessero affrontato la guerra basandosi soltanto sulle proprie forze »
(Tito Livio, Ab Urbe condita libri, X, 1.)

I romani comunque nominarono Gaio Giunio Bubulco Bruto dittatore, per far fronte ad una sollevazione degli Equi, che furono sbaragliati al primo scontro.[11]

Panoramica del Cicolano

Alla fine del periodo repubblicano gli Equi risultano organizzati in due municipia, il cui territorio comprendeva la parte superiore della valle del Salto, oggi conosciuta come Cicolano. Le mura poligonali che esistono in considerevole quantità nel distretto, rappresentano una notevole testimonianza della loro cultura.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Strabone, Geografia, V, 3,4.
  2. ^ Diodoro Siculo XI 40
  3. ^ Diodoro Siculo XIV 106
  4. ^ Livio IX 45 e Diodoro Siculo XX 101
  5. ^ Cicerone Off. I, 35
  6. ^ CIL IX p. 388
  7. ^ Alba Fucens, Regione Abruzzo.
  8. ^ Carseoli, Regione Abruzzo.
  9. ^ Virgilio, Aen. VII. 744 (747)
  10. ^ Strabone, Geografia, V, 3,7.
  11. ^ a b c 'Tito Livio, Ab Urbe condita libri, X, 1

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia