Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Eruzione Hōei del monte Fuji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eruzione Hōei del monte Fuji
Volcanic-ash-downfall map of Mt.Fuji Hoei-eruption01.jpg
Mappa della caduta delle ceneri vulcaniche nell'eruzione Hoei
Vulcano Monte Fuji
Stato Giappone
Comuni interessati Gotenba; Minamiashigara; Odawara; Sagamihara; Edo
Eventi correlati Terremoto Hoei, inondazioni
Centro/i eruttivo/i 1a, 2a, 3a bocca Hōei
Quota/e ca. 1.900 m s.l.m.
Durata 16 giorni
Prima fase eruttiva 23 novembre - 16 dicembre 1707
Ultima fase eruttiva 8 dicembre - 31 dicembre 1707
Caratteristiche fisiche attività piroclastica
Note ultima eruzione del Fuji
Monte Fuji, viene mostrato il cratere Hōei

L'Eruzione Hōei del Monte Fuji (宝永大噴火 Hōei dai funka?) avvenne nel 1707 (il quarto anno dell'era Hōei).

Ci sono state 3 grandi eruzioni nella storia del Monte Fuji: due volte nel periodo Heian (le eruzioni Enryaku e Jōgan), e una volta nel periodo Edo (l'eruzione Hōei di questa voce).

Nonostante non ci sia stata una colata di lava, l'eruzione Hoei ha rilasciato un'ingente quantità di cenere vulcanica, che si è diffusa su vaste aree intorno al vulcano, raggiungendo perfino Edo quasi a 100 km dal Monte Fuji. Il volume delle ceneri fu stimato in circa 800.000.000 m³.

L'eruzione avvenne sul lato sud-occidentale del Monte Fuji e formò tre nuove bocche vulcaniche nominate 1a, 2a e 3a bocca Hōei. Il Monte Fuji non ha più eruttato da allora.

Catastrofi secondariemodifica | modifica wikitesto

Nell'anno seguente all'eruzione Hōei, il fiume Sakawa, come effetto secondario, straripò a causa della sedimentazione di ceneri vulcaniche.

Le ceneri vulcaniche caddero e ricoprirono ampiamente i campi coltivati ad est del Monte Fuji. Per recuperare i campi, i contadini gettarono i prodotti dell'eruzione in discariche e formarono mucchi di cenere. La pioggia trasportò questi mucchi dalle discariche nei fiumi a più riprese e rese alcuni fiumi meno profondi. In particolar modo nel fiume Sakawa scorse un'abbondante quantità di cenere vulcanica e creò dighe temporanee qua e là. L'acquazzone di pioggia del 7 e dell'8 agosto dell'anno seguente all'eruzione causò una valanga di cenere vulcanica e fango e ruppe le dighe, inondando la pianura Ashigara.

Notemodifica | modifica wikitesto

  • Fonte della mappa: 宝永噴火降灰分布実績図(出典:富士山防災協議会)

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto