Fatti di Parma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fatti di Parma
Barricate di Parma, l'erezione in via Bixio.jpg
Erezione delle barricate in via Bixio con i lastroni del selciato
Stato Italia Italia
Luogo Parma
Data agosto 1922
Tipo scontri
Morti Incerte. Da 7 a 20 vittime.

Con la locuzione fatti di Parma si intende l'assedio[1] operato dagli squadristi, comandati prima da un quadrumvirato locale e successivamente da Italo Balbo, alla città di Parma, in cui si trovavano asserragliati gli Arditi del Popolo e le formazioni di difesa proletaria, all'inizio dell'agosto 1922.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Premessamodifica | modifica wikitesto

In città erano presenti sostenitori dell'interventismo di sinistra, tra i quali alcuni capi riconosciuti anche a livello nazionale come Alceste De Ambris, ed associazioni e formazioni localmente attive come la Legione Proletaria Filippo Corridoni.

Nel parmense, la guerra portò ad un incremento industriale sia nel settore agricolo che della manipolazione e trasformazione dei prodotti della terra. La borghesia parmense non mutò però politica rispetto ai conflitti sociali e continuò a far riferimento alla "politica" ed ai dettami ideologici della potente Associazione Agraria Parmense, che aveva battuto lo sciopero del 1908.

A Parma ci fu quindi un'organizzazione della difesa quasi coralesenza fonte e la borghesia, in linea di massima, non pose forti ostacoli all'azione degli Arditi del Popolo e delle formazioni di difesa proletaria. Vi era inoltre il ritorno di reduci fortemente delusi, in quanto Parma era stata città fortemente interventista, molti dei quali di sinistrasenza fonte.

Sintesi degli avvenimentimodifica | modifica wikitesto

Il 31 luglio 1922, l'Alleanza del Lavoro, unione di quelli che erano i sindacati di sinistra prima dell'avvento del regime, indisse lo sciopero legalitario "contro le violenze fasciste" e "l'indifferenza dello Stato verso di esse". La notizia trapelò prima del dovuto[2] e Mussolini poté organizzare una resistenza anticipata inviando a tutte le federazioni del Partito Nazionale Fascista (PNF) una circolare segretissima:

« Se a quarantotto ore dalla proclamazione dello sciopero il Governo non sarà riuscito a stroncarlo i fascisti provvederanno essi direttamente alla bisogna. I fascisti debbono, trascorso il suaccennato periodo delle quarantotto ore, e sempre che lo sciopero perduri, puntare sui capoluoghi delle rispettive Province e occuparli »
(Benito Mussolini)

Nel frattempo, a Parma i lavoratori aderirono allo sciopero in forze. Gli Arditi del Popolo e la locale Legione Proletaria Filippo Corridoni realizzarono un fronte comprendente gli interventisti di sinistra parmigiani, vicini -in un primo momento- al programma dei fasci di combattimento. I sindacalisti rivoluzionari parmigiani si avvicinarono alla sinistra, evidenziando le difficoltà del fascismo nel trovare consensi a Parma, come risulta dai diari di Italo Balbo (Milano 1932)senza fonte. Da poco più di un anno erano inoltre presenti le formazioni di difesa proletaria di Guido Picelli, socialista internazionalista, che avevano un serbatoio di reclutamento nel proletariato parmensesenza fonte, incline al socialismo radicale ed all'anarchismo.senza fonte

Qui venne organizzata una resistenza armata "di ottima caratura militare" a quanto asserisce lo stesso Italo Balbosenza fonte che sostituirà, mandato da Michele Bianchi, su richiesta del deputato fascista Terzaghi[3], il quadrunvirato locale, vicino alle posizioni di Farinacci.

I fatti di Parmamodifica | modifica wikitesto

Squadre della provincia parmense in transito in città
Targa nel quartiere Oltretorrente sui fatti del 1922

Nei primi giorni di agosto vennero perciò mobilitati dal PNF circa 10.000 uomini per l'occupazione di Parma, giunti dai paesi del parmense e dalle province limitrofe. Dopo un breve comando affidato al quadrunvirato formato da Alcide Aimi, Giovanni Botti, Gino Caramatti e Giuseppe Stefanini[4], le consegne vengono passate ad Italo Balbo. Il numero degli squadristi venne incrementato notevolmente con sopravvenuti rinforzi, proprio a causa della resistenza opposta dalle formazioni di difesa proletaria, che aumentano la loro capacità di rintuzzare gli attacchisenza fonte.

Tutta la popolazione partecipò attivamente agli scontri, comprese le donne che dettero un apporto fondamentale sia come combattenti che per l'organizzazione delle retrovie, e per questo lodate da Balbo.senza fonte

Gli squadristi tentarono di superare le barricate, devastando, nelle zone centrali della città, meno difendibili e difese, il circolo dei ferrovieri, uffici di numerosi professionisti democratici, le sedi del giornale Il Piccolo, dell'Unione del Lavoro e del Partito Popolare.senza fonte

Il 6 agosto, su consiglio anche dell'ufficiale militare al comando della locale Scuola di Applicazione militare, Lodomez[5], ma soprattutto resisi conto dell'impossibilità di conquistare la città senza scatenare una vera e propria guerra, che avrebbe provocato una carneficina, i fascisti passarono il controllo dell'ordine pubblico all'esercito, impegnandosi a ritirarsi. A partire dalle ore 24 del 5 agosto era entrato in vigore lo stato d'assedio militare.[6].

La popolazione dell'Oltretorrente e dei rioni Naviglio e Saffi si prepara all'aggressione, innalzando barricate e scavando trincee, volendo difendere ad oltranza le sedi delle organizzazioni proletarie e di quelle centriste conoscendo le devastazioni che i fascisti avevano compiuto in altre località, come nel Ravennate, guidati proprio da Italo Balbo. Mentre a livello nazionale lo sciopero si esaurisce in un fallimento completo, a Parma l'idea di resistere si radica sempre di più. Nei quartieri popolari i poteri istituzionali passano al direttorio degli Arditi del Popolo comandati da Guido Picelli.

Il rione Naviglio venne occupato dall'esercito (Novara Cavalleria) il giorno 4 agosto a seguito di un accordo fra il prefetto Fusco e Balbo[7]. Lo stato d'assedio militare venne istituito dal Governo a partire dalle ore 24 del 5 agosto in tutte le città nelle quali perduravano ancora disordini a seguito dello sciopero generale proclamato a partire dal 1º agosto e conclusosi ufficialmente il 3 agosto. Le città dichiarate in stato d'assedio, oltre a Parma, furono: Ancona, Livorno, Genova e Roma[8]. Il 6 agosto Lodomez, comandante militare della piazza, assume pieni poteri.

La scritta in dialetto parmigiano "Balbo t'è pasè l'Atlantic ma miga la Pèrma" ("Balbo, hai attraversato l'oceano ma non il Torrente Parma") non è stata tracciata in epoca fascista ma a posteriori, fra gli anni '60 e '70[9]

I cadutimodifica | modifica wikitesto

Secondo la storiografia ufficiale fascista, gli squadristi ebbero solo due caduti nella provincia di Parma[10] (Ettore Tanzi e Odoardo Amadei entrambi uccisi a Sala Baganza il 4 agosto[11]). Presso Sala Baganza fu ucciso l'iscritto al Fascio Ettore Tanzi, mentre con il suo carretto trasportava pomodori per conto di una fabbrica conserviera[12] probabilmente perché non aveva aderito allo sciopero legalitario[13]. La notizia giunta a Parma provocò una spedizione punitiva che partì alla volta di Sala Baganza da cui si riteneva fossero giunti gli assassini[12]. Non trovando nessuno nella frazione gli squadristi incendiarono la locale cooperativa, poi mentre si dirigevano verso l'autocarro per fare rientro a Parma una fucilata uccise Odoardo Amedei che si era attardato ad una fontanella[12]. L'attacco provocò un'accesa battaglia con altri feriti.

Secondo le valutazioni di Italo Balbo i morti tra i fascisti durante gli scontri a Parma furono quindici, di cui però non furono resi noti i nomi [14].

Quattro caduti si registrarono fra le file delle formazioni di difesa proletaria: Ulisse Corazza, consigliere comunale del Partito Popolare Italiano, Giuseppe Mussini, Mario Tomba e Gino Gazzola, quest'ultimo a soli 14 anni. Il diciassettenne Carluccio Mora morì colpito da un proiettile vagante mentre giocava a calcio in un campetto della periferia[15]. Secondo il corrispondente da Parma del Resto del Carlino dell'epoca:

« mentre i fascisti secondo gli ordini ricevuti non hanno risposto al fuoco... i sovversivi presi da panico si sono uccisi fra di loro in un urto cruentissimo. Vi sarebbero tre morti e vari feriti »
(Tino Franzinelli su Il Resto del Carlino del 6 agosto 1922[16])

Personaggi correlatimodifica | modifica wikitesto

Fascistimodifica | modifica wikitesto

  • Alcide Aimi, sindacalista ed attivista fascista.
  • Italo Balbo, politico, militare ed aviatore italiano, successivamente ministro dell'aeronautica e governatore della Libia.
  • Giovanni Dall'Orto, ex combattente, fondatore del Fascio di Reggio Emilia, a capo della seconda colonna di armati, destinata a congiungersi con quella guidata da Italo Balbo. Svolse anche personalmente attività di ricognizione in Parma[17].
  • Giovanni Botti, segretario del PNF parmense nel periodo considerato.
  • Roberto Farinacci, successivamente segretario del Partito Nazionale Fascista.
  • Davide Fossa, squadrista e fondatore del sindacato fascista a Parma.
  • Remo Ranieri, squadrista, segretario del fascio di Fidenza e successivamente deputato del PNF al parlamento
  • Michele Terzaghi, (Parma, 1896 - 1922), avvocato socialista fino al 1916. Diresse La Difesa, giornale della federazione del PSI che passò poi sotto la direzione di Spartaco Lavagnini, abbandonando il Partito Socialista Italiano a seguito della sua scelta interventista. Aderì al fascismo nel primo dopoguerra con la successiva elezione a deputato del blocco nazionale del 1921.
  • Luigi Lusignani ex sindaco liberale di Parma, in seguito aderì al PNF.

Fronte unito Arditi del Popolo, Legione Proletaria Filippo Corridonimodifica | modifica wikitesto

  • Guido Picelli, comandante in capo del direttorio del Fronte Unito Arditi del Popolo
  • Antonio Cieri, guidò la sortita dal Naviglio.[18]
  • Alceste De Ambris, esponente del sindacalismo rivoluzionario, vicino al fascismo rivoluzionario e poi alla Legione Proletaria Filippo Corridoni.
  • Giovanni Faraboli, sindacalista iscritto al PSI, amico e collaboratore con Alceste De Ambris, già ai tempi dello sciopero agrario del 1908.
  • Giuseppe Balestrazzi, sottotenente nella grande guerra, poi presidente dell'Associazione mutilati e invalidi di guerra di Parma.
  • Umberto Balestrazzi, dirigente dell'Unione sindacale parmense, sarto e giornalista, attivista nelle formazioni giovanili socialiste.
  • Amilcare De Ambris, fratello di Alceste De Ambris, sindacalista rivoluzionario, interventista di sinistra, fra i fondatori dei Fascio rivoluzionario d'azione internazionalista,marito di Maria Corridoni, sorella di Filippo, a differenza del fratello aderirà poi al regime fascista.
  • Giacomo Ferrari, sindaco di Parma, parlamentare e ministro del Partito Comunista Italiano.
  • Dante Gorreri, ardito del popolo ed in seguito partigiano.
  • Enrico Griffith
  • Giuseppe Isola (Parma, 1881- 1957), antifascista e dirigente dei socialisti internazionalisti "terzini" di Parma.
  • Aroldo Lavagetto (Parma, 1896 - 1981), reduce dalla Grande Guerra. Fu fra i rappresentanti di spicco dell'antifascismo liberale e repubblicano, redattore capo presso il giornale il Piccolo Esponente di Parma, fondato da Tullio Masotti. La sede de Il Piccolo fu devastata dagli squadristi durante l'attacco a Parma, anche se i giornalisti tentarono una difesa armata e la redazione venne spostata presso la tipografia della Camera del Lavoro di borgo delle Grazie, in Oltretorrente. A fascismo affermato Lavagetto dovette fuggire a Milano, riuscendo a trovar lavoro al Corriere della Sera. In seguito si spostò ancora all'ufficio stampa delle Terme di Salsomaggiore ed infine, nel 1935, trovò sistemazione in una società petrolifera appartenente a Nando Peretti. Dopo l'8 settembre del 1943 si stabilì a Roma e nel 1965 tornò a Parma.
  • Tullio Masotti, attivista socialista e sindacalista.
  • Gaetano Perillo, comunista e capo degli Arditi del Popolo di Genova, partigiano, storico. Genova gli ha destinato un fondo per lo studio del movimento operaio genovese; alcuni storiografi che si sono occupati del riordino della vicenda degli Arditi del Popolo lo danno presente anche a Parma in quel periodo.
  • Vittorio Picelli (Parma, 1893 - Roma, 1979), fu fra i difensori di Parma assieme al fratello Guido, quale fondatore e capo della Legione Proletaria Filippo Corridoni. Fuoriuscito in Francia dopo l'avvento del fascismo, nel 1936 scrisse a Mussolini chiedendo e ottenendo di partecipare come volontario in camicia nera alla Campagna d'Etiopia. Al suo ritorno dall'Africa divenne funzionario di corporazione sindacale con sede a Roma.
  • Alberto Simonini, dirigente socialista e segretario della Camera Confederale del Lavoro di Parma.

Personaggi istituzionalimodifica | modifica wikitesto

  • Agostino Berenini, senatore del Regno d'Italia e rettore dell'università di Parma dal 1919 al 1925.
  • Umberto Beseghi (Parma, 1883 - Bologna, 1958), presidente dell'Associazione nazionale combattenti di Parma, cancelliere giudiziario presso la Pretura di Parma, dopo presso il Tribunale di Ravenna e infine presso la Procura generale di Bologna. Allo scioglimento dell'Associazione nazionale combattenti, Beseghi fu allontanato da Parma con destinazione Orbetello, di lì in poi si occupò esclusivamente alla letteratura. Durante la prima guerra mondiale si occupò subito di giornalismo e fu corrispondente di giornali politici e direttore del quotidiano locale "Il Presente".
  • Guido Maria Conforti, arcivescovo cattolico, difese le scelte del clero parmense per la cura dei combattenti feriti[19].
  • Felice Corini segretario PPI parmense, collabora coi fascisti fino al 1924, poi rompe e partecipa alla protesta aventiniana.
  • Federico Fusco, prefetto di Parma durante i fatti.
  • Enrico Lodomez, generale e comandante della Scuola di applicazione di fanteria di Parma e comandante di tutti gli organismi di repressione di stato in Parma.
  • Tullio Maestri (Albareto, Parma, 1875 - Borgotaro, Parma, 1940), presidente amministrazione provinciale di Parma (1920-1922).
  • Amedeo Passerini (Parma, 1870 - 1932), sindaco di Parma. Si laureò in giovane età affermandosi subito nella vita pubblica con incarichi di alto livello nell'amministrazione. consigliere del Monte di Pietà, ispettore alla Cassa di Risparmio e membro della giunta provinciale amministrativa. Ricoprì anche la carica di prosindaco ed assessore alle Opere Pie nel 1895, nominato presidente della Congregazione municipale di carità, assessore al dazio e alle finanze, presidente degli ospizi civili e dell'Ordine degli avvocati. Gli fu consegnata nel 1924, per la sua capacità di gestione della cosa pubblica la tessera ad honorem del PNF.
  • Roberto Simondetti, comandante del presidio militare di Parma.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ R. J. B. Bosworth, The Oxford handbook of fascism, Oxford University Press, 18 marzo 2009, pp. 105–, ISBN 978-0-19-929131-1. URL consultato il 24 luglio 2011.
  2. ^ Il lavoro, quotidiano socialista di Genova
  3. ^ I. Balbo, Diario 1922, pag. 113
  4. ^ G.A.Chiurco, Storia della rivoluzione fascista, vol. IV - Firenze 1929, pag. 210
  5. ^ Eros Francescangeli, Arditi del Popolo, Roma, Odradek 2000, pp. 106-107.
  6. ^ Mimmo Franzinelli, Squadristi, Oscar Mondadori, Cles (Tn), 2009, pagg. 153-154
  7. ^ Franco Morini "Rivisitazione di un mito" in Historica Nuova n.16 del luglio-dic. 2010, pp. 14-15
  8. ^ fonte F. Morini id. pag. 17
  9. ^ "Racconti d'agosto - Le barricate di Parma del 1922" edito a cura dell'Istoreco di Parma, pag.38
  10. ^ Elenco grandi scomparsi e caduti della rivoluzione fascista, Casa editrice Panorami e realizzazioni del fascismo, Roma 1942
  11. ^ "Grandi scomparsi e caduti della rivoluzione fascista" cit. pag.pag. 154 (Amadei)pag.329 (Tanzi)
  12. ^ a b c Morini, p. 53
  13. ^ C. Bocchi e M. Borra " I tristi eventi del '22 a Sala Baganza" in Numero Unico "Per la Val Baganza 1981", Parma 1981, pag 92-93
  14. ^ Mimmo Franzinelli, Squadristi, Oscar Mondadori, Cles (Tn), 2009, pagg. 387
  15. ^ P. Tomasi "Fra caduti sul campo e campi da calcio" in Gazzetta di Parma del 5 agosto 1992. pag. 5
  16. ^ I rivoltosi di Parma sono tuttora padroni nell'Oltretorrente in "Il Resto del Carlino" del 6 agosto 1922, pag. 1
  17. ^ Sul suo ruolo nei Fatti di Parma si veda Rolando Cavandoli, Le origini del fascismo a Reggio Emilia, 1919-1923, Editori Riuniti, Roma 1972, pp. 136-37 e soprattutto pp. 233-236 (capitolo: "Dall'Orto in Parma vecchia") e passim.
  18. ^ Pino Cacucci "Oltretorrente"
  19. ^ Pino Cacucci Oltretorrente

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • AA.VV., Dietro le barricate, Parma 1922, testi immagini e documenti della mostra (30 aprile - 30 maggio 1983), edizione a cura del Comune e della Provincia di Parma e dell'Istituto storico della Resistenza per la Provincia di Parma
  • AA.VV., Pro Memoria. La città, le barricate, il monumento, scritti in occasione della posa del monumento in ricordo alle barricate del 1922, edizione a cura del Comune di Parma, Parma, 1997
  • Alberghi, Pietro, Il fascismo in Emilia-Romagna: dalle origini alla marcia su Roma, Modena, Mucchi, 1989.
  • Le Barricate a Parma 1/5 agosto 1922, numero monografico di “PR. Parma Realtà”, n. 15, dicembre 1972.
  • Balestrini, Nanni, Parma 1922. Una resistenza antifascista, a cura di Margherita Becchetti, Giovanni Ronchini e Andrea Zini, Roma, DeriveApprodi, 2002.
  • Biacchessi, Daniele.Orazione civile per la Resistenza, Bologna, Promomusic, 2012.
  • Bocchi Giancarlo, Il Ribelle Guido Picelli una vita da rivoluzionario, Roma, IMPLIBRI , 2013
  • Bonardi, Pietro, La violenza del 1922 nel Parmense, Parma, Centro studi della Val Baganza, 1992.
  • Bottioni, Graziano, La nascita del PCI a Parma 1921-1926, Parma, Biblioteca “Umberto Balestrazzi”, 1981.
  • Brunazzi, Luciana, Parma nel primo dopoguerra 1919-1920, Parma, Istituto storico della resistenza per la provincia di Parma, 1981.
  • Campanini, Giorgio, Chiesa e movimento cattolico a Parma fra Ottocento e Novecento: studi e ricerche, Parma, Il Borgo, 1995.
  • Cavalli, don Giuseppe, Le “Cinque giornate” di Parma e Ulisse Corazza, in Il contributo dei Cattolici alla lotta di Liberazione in Emilia-Romagna. Atti del 2º Convegno di studi tenuto nei giorni 1, 2, 3 maggio 1964 a Parma-Salsomaggiore, Parma, Associazione Partigiani Cristiani, 1995, pp. 243–270.
  • Circolo F. Corridoni di Parma (a cura del) "Per l'Italia - I caduti per la causa nazionale 1919-1932" Ed. Campo di Marte - Parma, 2002.
  • De Micheli, Mario, Barricate a Parma, Roma, Editori Riuniti, 1960.
  • Degli Innocenti, Maurizio - Pombeni, Paolo - Roveri Alessandro (a cura di), Il Pnf in Emilia-Romagna durante il ventennio fascista, Milano, Angeli, 1988.
  • Franzinelli Mimmo, Squadristi, Oscar Mondadori, Cles (Tn), 2009.
  • Furlotti, Gianni, Parma libertaria, Pisa, BFS, 2001.
  • Gambetta, William, E le pietre presero un'anima. Le Barricate del 1922, in Roberto Montali (a cura di), Le due città. Parma dal dopoguerra al fascismo (1919-1926), Istituzione Biblioteche del Comune di Parma - Silva, Parma 2009, pp. 73–89.
  • Gambetta William, L'esercito proletario di Guido Picelli (1921-1922), "Storia e documenti", n. 7, 2002, pp. 23–46.
  • Gambetta, William, Giuffredi Massimo (a cura di), Memorie d'agosto. Letture e immagini delle Barricate antifasciste di Parma del 1922, Punto rosso, Milano 2007.
  • Morini Franco "Parma in camicia nera" Edizioni Zara, Parma 1987.
  • Morini Franco "Squadrismo fra squadra e compasso - Dalle barricate di Parma alla marcia su Roma " Ed. La Sfinge, Parma 1991.
  • Palazzino, Mario, “Da prefetto Parma a gabinetto ministro interno”. Le barricate antifasciste del 1922 viste attraverso i dispacci dell'ordine pubblico, Parma, Archivio di Stato di Parma - Silva Editore, 2002.
  • Comunisti a Parma. Atti del convegno tenutosi a Parma il 7 novembre 1981, a cura di Fiorenzo Sicuri, Parma, Istituto Gramsci Emilia-Romagna e Parma - Biblioteca “Umberto Balestrazzi”, 1986.
  • Sicuri, Fiorenzo (a cura di), Guido Picelli, a cura di Fiorenzo Sicuri, con un saggio di Dianella Gagliani, Parma, Centro di documentazione “Remo Polizzi”, 1987.
  • Morini Franco "Rivisitazione di un mito- parte prima "in "Historica Nuova" rivista del Centro Stud Storia Contemporanea di Asti n.14 gennaio-marzo 2010. pp. 7–11.
  • Morini Franco "Rivisitazione di un mito- parte seconda "in "Historica Nuova" rivista del Centro Studi Storia Contemporanea di Asti n.15 aprile-giugno 2010, pp. 5–8.
  • Morini Franco "Rivisitazione di un mito- parte terza" in "Historica Nuova" rivista del Centro Studi Storia Contemporanea di Asti, n.16 luglio-sett. 2010, pp. 14–17
  • Nanni Balestrini Parma 1922. Una resistenza antifascista.

Filmografiamodifica | modifica wikitesto

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto