Giorgio Rochat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Rochat (Pavia, 1936) è un accademico, storico e saggista italiano.

Studioso di storia militare, dal 1980 ha la cattedra di storia contemporanea presso l'Università di Torino. È stato docente anche presso gli atenei di Milano e Ferrara.

Dal 1978 al 1996 Rochat era membro del direttivo dell'Istituto nazionale per la storia del movimento di Liberazione in Italia, di cui divenne presidente per quattro anni nel 1996. Dal 1981 al 1989 ricopriva la carica di vicepresidente del Centro interuniversitario di studi e ricerche storico-militari. Dal 1990 al 1999 era presidente della Società di studi valdesi a Torre Pellice.[1]

Operemodifica | modifica wikitesto

Allievo di Piero Pieri, pubblicò con lui una biografia di Pietro Badoglio e si dedicò in seguito a ricerche sulla politica militare italiana nel ventesimo secolo, pubblicando diversi saggi sulla preparazione dell'esercito italiano alla vigilia della prima guerra mondiale, sull'antimilitarismo socialista nel primo dopoguerra, sul ruolo di Mussolini come capo delle forze armate, sul ruolo dell'esercito italiano nella campagna di Russia.

Ha poi curato la stesura di alcuni capitoli della Storia d'Italia edita da Einaudi. È autore di una dettagliata biografia sul gerarca fascista Italo Balbo, pubblicata nel 2003 da UTET con il titolo Italo Balbo - lo squadrista, l'aviatore, il gerarca. In essa, l'autore ripercorre gli anni giovanili di Balbo a Ferrara, la sua attività di organizzazione dello squadrismo fascista, senza trascurare le supposte responsabilità dirette di quello che diverrà poi ministro dell'Economia, e in seguito dell'Aeronautica, riguardo all'uccisione di don Giovanni Minzoni.

Assieme a Mario Isnenghi ha poi dato alle stampe l'approfondita disamina La Grande Guerra - 1914-1918, pubblicata dall'editore Sansoni nel 2004.

Nella sua attività di saggista ha pubblicato numerosi libri sulla storia italiana, in prevalenza del XX secolo.

  • L'esercito italiano da Vittorio Veneto a Mussolini 1919-1925, Bari, 1967;
  • Militari e politici nella preparazione della campagna d'Etiopia 1932-36, Milano, 1971;
  • Il colonialismo italiano. Documenti, Torino, 1973;
  • L'antimilitarismo oggi in Italia, Torino, 1973;
  • con Piero Pieri, Pietro Badoglio, Torino, 1974;
  • L'Italia nella prima guerra mondiale. Problemi di interpretazione e prospettive di ricerca, Milano, Feltrinelli, 1976;
  • con Giulio Massobrio, Breve storia dell'esercito italiano 1861-1943, Torino, 1978;
  • Gli arditi della Grande Guerra. Origini, battaglie e miti, Milano, Feltrinelli, 1981;
  • Le guerre italiane 1935-43, Torino, 2005.

Notemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN34485716 · LCCN: (ENn79022151 · SBN: IT\ICCU\CFIV\011359 · ISNI: (EN0000 0001 1024 5878 · GND: (DE137745567 · BNF: (FRcb12097119p (data) · BAV: ADV11494974