Gli orchestrali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli orchestrali
Edgar Degas - Orchestra Musicians - Google Art Project.jpg
Autore Edgar Degas
Data 1874-1876
Tecnica olio su tela
Dimensioni 69×49 cm
Ubicazione Städelsches Kunstinstitut, Francoforte

Gli orchestrali (Musiciens à l'orchestre) è una dipinto del pittore francese Edgar Degas, realizzato nel 1874-1876 e conservato al Städelsches Kunstinstitut di Francoforte.

Descrizionemodifica | modifica wikitesto

Quest'opera corrobora la convinzione del poeta Charles Baudelaire, secondo cui «la vita parigina è ricca di soggetti poetici e meravigliosi: ne siamo avvolti, vi siamo immersi, come in una meravigliosa atmosfera, ma non ce ne accorgiamo».[1] Secondo il critico Philippe Burty, in particolare, Degas ha rispettato fedelmente le prescrizioni di Baudelaire e, in virtù di questo impegno artistico, è diventato uno degli interpreti più sensibili della contemporaneità:

« […] sebbene le sensazioni colte siano a volte fugaci quanto la sensazione stessa di una frescura di sottobosco, di un’ondata calda di una capanna, di un languore di sera autunnale, d’un profumo di spiaggia, di un rossore di guancia o di un riflesso di vestito, si deve tuttavia essere grati a questi artisti di ricercarle e fissarle. Per questa via l’opera loro si ricollega a quella dei vecchi maestri. […] Degas non sarebbe forse un classico del tempo suo? Non si potrebbe interpretare con una matita più sicura il sentimento delle eleganze moderne »
(Philippe Burty[2])

Questo dipinto, in particolare, si segnala per il suo ardito impianto compositivo, diviso in due zone orizzontali autonome, di cui la prima contiene la fossa degli orchestrali, con i vari musicisti intenti a suonare, e la seconda coglie le ballerine nel momento dell'inchino dell'étoile del balletto. Con l'immediatezza di un'istantanea fotografica Degas rapporta in maniera magistrale le teste degli orchestrali che, per via della distanza, sembrano colossali rispetto ai minuti e fragili corpi delle danzatrici sullo sfondo. Altrettanto temerario è l'apparato cromatico del dipinto, dove i neri profondi e decisi delle vesti dei musicisti, bordati da eleganti colletti bianchi, subiscono un acceso e vivace contrasto di colori con l'iridescenza del palcoscenico, ricco di abiti candidi e leggeri e di variopinte scenografie, il quale a loro volta proietta la propria luce contro l'auditorium buio.[2]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Impressionismo, in Atlanti universali, Giunti Editore, 2001, p. 58, ISBN 88-09-02301-3.
  2. ^ a b Giovanna Rocchi, Giovanna Vitali, Degas, in I Classici dell'Arte, vol. 15, Firenze, Rizzoli, 2003, p. 112.

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura