Iris pseudopumila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Giaggiolo siciliano
Iris pseudopumila.jpg
Iris pseudopumila
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Iridaceae
Genere Iris
Specie I. pseudopumila
Nomenclatura binomiale
Iris pseudopumila
Tineo
Sinonimi

Il Giaggiolo siciliano (Iris pseudopumila Tineo) è una pianta della famiglia delle Iridaceae, endemica della Sicilia e della Puglia.

Descrizionemodifica | modifica wikitesto

È una pianta erbacea perenne, rizomatosa, alta 12-20 cm.

Le foglie sono numerose, lanceolate, piatte, lunghe 10-20 cm e larghe 2-4 cm, glauche, glabre.

I fiori, inodori e singoli, sono di colore variabile: talvolta possono essere interamente gialli oppure interamente violetti, più raramente gialli con lacinie bordate di violetto o viceversa violetti con lacinie bordate di giallo. Esemplari dei differenti fenotipi si trovano assieme in popolazioni naturali.

Fiorisce da marzo a maggio.

Distribuzione e habitatmodifica | modifica wikitesto

È una specie endemica della Sicilia e della Puglia, come pure delle isole di Malta; in entrambe le regioni è pianta molto comune.
In Sicilia si trova nel messinese, sui Nebrodi, sui monti attorno a Palermo, in alcuni tratti della costa trapanese; più rara sull'Etna e nella Sicilia sud-orientale. In Puglia si trova sulle Murge e sul Gargano.

È diffusa in pascoli e garighe da 100 a 1400 metri di altitudine.

Tassonomiamodifica | modifica wikitesto

La famiglia delle Iridaceae, attribuita dal Sistema Cronquist all'ordine Liliales, viene ascritta invece dalla più moderna Classificazione APG all'ordine Asparagales.

Secondo l'inquadramento sistematico proposto da Pignatti, che opera una forte semplificazione, tutte le Iris rizomatose, barbate e 1(2-3)flore sono inquadrabili in due sole specie: Iris chamaeiris e Iris pseudopumila (che differiscono tra loro per la lunghezza del tubo corollino: 1,5-2 volte e 3-5 l'ovario, rispettivamente).

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Edagricole, Bologna 1982. ISBN 8850624492

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica