Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kusunoki Masashige

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La statua di Kusunoki Masashige all'esterno del Palazzo Imperiale di Tokyo

Kusunoki Masashige[1] (楠木 正成?; 12944 luglio 1336) è stato un samurai del XIV secolo che ha combattuto per Go-Daigo nella guerra Genkō, nel tentativo di strappare allo shogunato Kamakura il dominio del Giappone, e viene ricordato come simbolo ideale della fedeltà samurai. Le sue origini non sono state confermate da un punto di vista storico, ad eccezione dei sei anni tra l'inizio della sua campagna militare nel 1331 e la sua morte avvenuta nel 1336. Ha ricevuto la più alta onorificenza da parte del governo Meiji del Giappone nel 1880.

"La leggenda narra che l'imperatore Go-Daigo ebbe un sogno in cui si stava riparando sotto un albero di canfora ('kusunoki'), e che questo sogno lo guidò al nome del guerriero che lo avrebbe sostenuto."[2][3]

Kusunoki "era un membro benestante della piccola nobiltà rurale" della provincia di Kawachi. Affermava di discendere da Tachibana Moroye, "un gran signore dell'VIII secolo." Kusunoki era uno "studioso e devoto buddista."[4]:53

La stessa statua da una diversa prospettiva, primo piano.

Lealistamodifica | modifica wikitesto

Kusunoki, stratega e tattico brillante, con l'astuta difesa delle due fortezze chiave dei Lealisti ad Akasaka, (assedio di Akasaka), e a Chihaya, (assedio di Chihaya), permise a Go-Daigo di ritornare brevemente al potere.[3]:160,164,173,175,180

Nel 1333 Go-Daigo ricompensò Masashige con la carica di governatore delle province di Settsu e Kawachi. Inoltre, fu promosso al Quinto Grado. Più tardi fu nominato all'ufficio dei registri e nel Consiglio per gli insediamenti.[5]

Tuttavia, uno dei generali lealisti, Ashikaga Takauji, tradì Go-Daigo e guidò un esercito contro Kusunoki e gli altri fedelissimi.[4] Takauji riuscì a prendere Kyoto, ma solo temporaneamente prima che Nitta Yoshisada e Masashige furono in grado di scacciarlo, costringendolo a fuggire verso ovest. Nel 1336 tuttavia, Takauji era ancora minaccia per Kyoto[5]:130

Kusunoki suggerì all'imperatore che si rifugiassero sul sacro Monte Hiei e permettessero a Takauji di prendere Kyoto, al solo scopo di piombare giù dalla montagna e, con l'aiuto dei monaci del Monte Hiei, prendere in trappola Takauji nella città e distruggerlo.[3]:181-182

Go-Daigo tuttavia non era disposto a lasciare la capitale, e richiese con insistenza che Kusunoki affrontasse le superiori forze di Takauji in campo aperto. Kusunoki, in quello che in seguito sarebbe stato visto come l'ultimo atto di fedeltà del samurai, si sottomise al comando insensato del suo Imperatore e marciò consapevolmente con il suo esercito verso una morte quasi certa.[2]:102-102[4]:126 La battaglia, che ebbe luogo presso Minatogawa nella moderna Chuo-ku, Kobe, fu un disastro dal punto di vista tattico. Ci sono due resoconti della proposta fatta da Kusunoki Masashige a Go-Daigo, il Taiheiki e il Baisho Ron. Uno era che si raggruppassero e attaccassero da due lati, l'altro era che riportassero il generale Takauji al loro fianco, controbilanciando così le forze. Entrambi gli argomenti furono ignorati.[4]:50-52[3]:181-183

Kusunoki, con il suo esercito completamente circondato, rimase con solo 50 degli originari 700 cavalieri. Secondo la leggenda, le ultime parole di suo fratello Masasue furono «Shichisei hokoku!» (七生報國? lett. «Vorrei avere sette vite da donare al mio imperatore!») e Kusunoki Masashige fu d'accordo[5]:133[3]:185-187

Ereditàmodifica | modifica wikitesto

Suo figlio, Kusunoki Masatsura, servì il successore dell'imperatore, il dodicenne Murakami, in un rapporto di fiducia reciproca e devozione, rispecchiando la figura di suo padre e mantenendo viva la fiamma della resistenza lealista. Masatsura morì accanto a suo fratello Masatoki e al cugino Wada Takahide in una battaglia che vide la fine del clan Kusunoki e a cui seguì una disastrosa lotta per il potere e la ricchezza tra le Corti.[2]:103

Kusunoki "sta nella storia del suo paese come figura ideale di guerriero, una combinazione di virtù civili e militari di alto livello"[4]:53

Il commiato di Masashige dal figlio "è stato usato per essere incluso in tutti i libri di lettura della scuole elementari ed è stato il soggetto di una canzone patriottica popolare nelle scuole giapponesi prima della guerra."[5]:131

Leggendamodifica | modifica wikitesto

Dopo l'introduzione su vasta scala di neo-confucianesimo come filosofia di Stato da parte dello shogunato Tokugawa, Kusunoki Masashige, una volta chiamato un traditore da parte della Corte del Nord, è stato riabilitato insieme a Go-Daigo come precursore dell'assolutismo sinocentrico, sulla base delle teorie neo-confuciane. Durante il periodo Edo, studiosi e samurai che erano stati influenzati dalle teorie neo-confuciane, crearono la leggenda di Kusunoki e lo venerarono come un eroe della patria, chiamandolo Nankō (楠公?) o Dai-Nankō (大楠公?), che incarnava la lealtà, il coraggio, e la devozione all'Imperatore. Kusunoki in seguito divenne una specie di santo patrono per i kamikaze della seconda guerra mondiale, che si consideravano suoi eredi spirituali sacrificando la propria vita per l'imperatore.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Per i biografati giapponesi nati prima del Periodo Meiji si usano le convenzioni classiche dell'onomastica giapponese, secondo cui il cognome precede il nome. "Kusunoki" è il cognome.
  2. ^ a b c Turnbull, Stephen (1977).
  3. ^ a b c d e Sato, Hiroaki (1995).
  4. ^ a b c d e Sansom, George (1961).
  5. ^ a b c d Morris, Ivan (1975).
Controllo di autorità VIAF: (EN77642699 · LCCN: (ENn81112423
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie