Lista di motu proprio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Motu proprio.

Il seguente elenco, ordinato cronologicamente per la data di stesura, riporta alcuni motu proprio dei papi della Chiesa cattolica. Il numero romano accanto al motu proprio indica l'ordine cronologico dei motu proprio all'interno del pontificato.

Da Giovanni XXIII a oggimodifica | modifica wikitesto

San Giovanni XXIII (1958-1963)modifica | modifica wikitesto

  • I Boni Pastoris 22 febbraio 1959
  • II Rubricarum instructum 25 luglio 1960
  • III Consilium 2 febbraio 1962

Beato Paolo VI (1963-1978)modifica | modifica wikitesto

  • I Pastorale munus (30 novembre 1963).
  • II Sacram liturgiam (25 gennaio 1964).
  • III Studia latinitatis (22 febbraio 1964).
  • IV In fructibus multis (2 aprile 1964).
  • V Ad futuram rei memoriam (19 maggio 1964).
  • VI Ad purpuratorum Patrum Collegium (11 febbraio 1965).
  • VII Sacro Cardinalium Consilio (26 febbraio 1965).
  • VIII Apostolica sollicitudo (15 settembre 1965).
  • IX Integrae servandae (7 dicembre 1965).
  • X Finis Concilio Oecumenico Vaticano II (3 gennaio 1966).
  • XI Summi Dei beneficio (3 maggio 1966).
  • XII Munus apostolicum (10 giugno 1966).
  • XIII De Episcoporum Muneribus (15 giugno 1966).
  • XIV Ecclesiae Sanctae (6 agosto 1966).
  • XV Catholicam Christi Ecclesiam (6 gennaio 1967).
  • XVI Episcopalis Potestatis (2 maggio 1967).
  • XVII Sacrum diaconatus (18 giugno 1967).
  • XVIII Pro comperto sane (6 agosto 1967).
  • XIX Africae terrarum (29 ottobre 1967).
  • XX Pontificalis Domus (28 marzo 1968).
  • XXI Pontificalia Insignia (21 giugno 1968).
  • XXII Romanae Dioecesis (30 giugno 1968).
  • XXIII Credo del Popolo di Dio (30 giugno 1968).
  • XXIV Pastoralis migratorum cura (15 agosto 1969).
  • XXV Ad hoc usque tempus (15 aprile 1969).
  • XXVI Sollicitudo omnium Ecclesiarum (24 giugno 1969).
  • XXVII Sanctitas clarior (19 marzo 1969).
  • XXVIII Mysterii Paschalis (14 febbraio 1969).
  • XXIX Apostolicae caritatis (19 marzo 1970).
  • XXX Matrimonia mixta (31 marzo 1970).
  • XXXI Ingravescentem Aetatem (20 novembre 1970).
  • XXXII Causas matrimoniales (28 marzo 1971).
  • XXXIII Sedula cura (27 giugno 1971).
  • XXXIV Ministeria quaedam (15 agosto 1972).
  • XXXV Ad Pascendum (15 agosto 1972).
  • XXXVI Quo aptius (27 febbraio 1973).
  • XXXVII Cum matrimonialium causarum (8 settembre 1973).
  • XXXVIII Firma in traditione (13 giugno 1974).
  • XXXIX Catholica ecclesia (23 ottobre 1976).
  • XL Apostolatus peragendi (10 dicembre 1976).
  • XLI Iustitiam et pacem (10 dicembre 1976).
  • XLII Inter eximia (11 maggio 1978).

San Giovanni Paolo II (1978-2005)modifica | modifica wikitesto

  • I Familia a Deo Instituta (9 maggio 1981).
  • II Tredecim Anni (6 agosto 1982).
  • III Recognito Iuris Canonici Codice (2 gennaio 1984).
  • IV Dolentium Hominum (11 febbraio 1985).
  • V Quo Civium Iura (21 novembre 1987).
  • VI Sollicita Cura (26 dicembre 1987)
  • VII Decessores Nostri (18 giugno 1988).
  • VIII Iusti Iudicis (28 giugno 1988).
  • IX Ecclesia Dei (2 luglio 1988).
  • X Istituzione dell'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica (ULSA) (1º gennaio 1989).
  • XI Europae Orientalis (15 gennaio 1993).
  • XII Inde a Pontificatus (25 marzo 1993).
  • XIII Socialium Scientiarum (1º gennaio 1994).
  • XIV Vitae Mysterium (11 febbraio 1994).
  • XV Statuto definitivo dell'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica (30 settembre 1994).
  • XVI Stella Maris (31 gennaio 1997).
  • XVII Ad Tuendam Fidem (18 maggio 1998).
  • XVIII Apostolos Suos (21 maggio 1998).
  • XIX Inter Munera Academiarum (28 gennaio 1999).
  • XX Spes Aedificandi (1º ottobre 1999).
  • XXI Proclamazione di San Tommaso Moro a Patrono dei Governanti e dei Politici (31 ottobre 2000).
  • XXII La nuova Legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano (26 novembre 2000).
  • XXIII Sacramentorum sanctitatis (10 gennaio 2002).
  • XXIV Misericordia Dei (2 maggio 2002).
  • XXV Affida alla Congregazione dei Legionari di Cristo la cura e gestione del Pontificio Istituto Notre Dame of Jerusalem Center (26 novembre 2004).

Papa Benedetto XVI (2005-2013)modifica | modifica wikitesto

  • I L'antica e venerabile Basilica (31 maggio 2005).
  • II L'approvazione e la pubblicazione del Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica (28 giugno 2005).
  • III Totius orbis (9 novembre 2005).
  • IV De aliquibus mutationibus in normis de electione romani pontificis (11 giugno 2007)
  • V Summorum Pontificum (7 luglio 2007).
  • VI Antiqua ordinatione (21 giugno 2008).
  • VII Ecclesiae unitatem (2 luglio 2009).
  • VIII Approvazione del nuovo statuto dell'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica (ULSA) (7 luglio 2009)
  • IX Omnium in mentem (26 ottobre 2009).
  • X Ubicumque et semper (21 settembre 2010).
  • XI Prevenzione e contrasto delle attività illegali in campo finanziario e monetario (30 dicembre 2010).
  • XII Quaerit semper (30 agosto 2011).
  • XIII Porta fidei (11 ottobre 2011).
  • XIV Intima Ecclesia natura (1º dicembre 2012).
  • XV Fides per Doctrinam (25 gennaio 2013).
  • XVI Ministrorum institutio (25 gennaio 2013).
  • XVII Normas nonnullas (22 febbraio 2013).

Papa Francesco (dal 2013)modifica | modifica wikitesto

  • I Sulla giurisdizione degli organi giudiziari dello Stato della Città del Vaticano in materia penale (11 luglio 2013).
  • II Per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio, del finanziamento del terrorismo e della proliferazione di armi di distruzione di massa (8 agosto 2013).
  • III Approvazione del nuovo Statuto dell'Autorità di Informazione Finanziaria (15 novembre 2013).
  • IV Fidelis dispensator et prudens (24 febbraio 2014).
  • V Sanctuarium in Ecclesia (11 febbraio 2017).
  • VI Maiorem hac dilectionem (11 luglio 2017).

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo