Lucio Salvio Otone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri nobili romani suoi discendenti, vedi Otone (disambigua).
Ritratto di Lucio Salvio Otone. Promptuarii Iconum Insigniorum, Guillaume Rouillé.

Lucio Salvio Otone (in latino: Lucius Salvius Otho; ... – ...) è stato un politico e militare romano, padre dell'imperatore Otone.

Origini familiarimodifica | modifica wikitesto

Nacque in una nobile ed antica famiglia etrusca della città di Ferento da Marco Salvio Otone, il quale fu allevato presso la casa di Livia Augusta e che grazie a lei diventò pretore.[1] La madre era una donna romana imparentata con le famiglie dell'alta nobiltà.[2] Il nonno paterno era un cavaliere romano mentre la nonna era una donna dalla libertà incerta.[1]

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Nel 33 diventò console suffetto da luglio a dicembre insieme a Gaio Ottavio Lenate.[3][4][5] Durante la sua carriera fu molto legato all'imperatore Claudio e diventò Proconsole in Africa.[2] Nel 44 fu inviato come governatore nell'Illyricum per sedare una rivolta[1][2] e decise di far giustiziare soldati che si erano ribellati ai loro comandanti.[2] Per questo atto uscì dalle grazie dell'imperatore, ma vi rientrò quando denunciò una cospirazione contro di lui.[2]

Matrimonio e discendenzamodifica | modifica wikitesto

Si sposò con una nobildonna etrusca, Albia Terenzia,[1] dalla quale ebbe due figli e una figlia:

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b c d e Svetonio, Vite dei CesariOtone, I
  2. ^ a b c d e Smith, 1849, vol. III, Otho, Salvius 1.
  3. ^ Svetonio, Vite dei CesariGalba, VI
  4. ^ Anthony R. Birley, The Roman government of Britain (2005), pag. 43
  5. ^ John Donahue, Otho, Enciclopedia Online De Imperatoribus Romanis, 1999, Otho
  6. ^ Tacito, Historiae, II, 50

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Fonti antiche
Fonti moderne

Altri progettimodifica | modifica wikitesto