Lucio Vitellio il Giovane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Vitellio il Giovane
L vitellius cens.jpg
Moneta raffigurante l'imperatore Aulo Vitellio e il proconsole Lucio Vitellio
Nome originale Lucius Vitellius Junior
Nascita 16
Nuceria Alfaterna
Morte 22 dicembre 69
Roma
Coniuge Giunia Calvina
Triaria

Lucio Vitellio, il Giovane (Nuceria Alfaterna, 16Roma, 69), è stato un politico romano.

Vitamodifica | modifica wikitesto

Lucio Vitellio il Giovane è un personaggio romano vissuto nel I secolo d.C.

Originario probabilmente della città di Nuceria Alfaterna, era il secondo figlio di Lucio Vitellio il Vecchio e Sextilia e fratello minore dell'imperatore Aulo Vitellio Germanico.

Fu per sei mesi console nel 48. La sua prima moglie, sposata nel 46 o nel 47, era una nobile romana Giunia Calvina discendente dell'imperatore Augusto, dalla quale divorziò prima del 49. La sua seconda moglie era una donna romana chiamata Triaria.

Lucio diventò vice-governatore e proconsole dell'Africa sotto il regno del fratello, tra il 61 e il 62[1]. Dopo il breve regno di suo fratello, fu costretto a rinunciare al suo esercito poiché egli aveva governato a Terracina, dopo averla conquistata con le sue coorti verso la fine del regno di suo fratello. Fu impiccato insieme a suo fratello e a suo nipote per ordine di Vespasiano il 22 dicembre del 69[2].

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Svetonio, Vite dei Cesari, "Vitellio" 5.
  2. ^ Svetonio, Vita di Vitellio, 17.

Fontimodifica | modifica wikitesto

  • Svetonio, Vite dei Cesari
  • Tacito, Annali

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Steven H. Rutledge, Imperial inquisitions. Prosecutors and informants from Tiberius to Domitian, Londra, 2001.

Altri progettimodifica | modifica wikitesto