Luigi Gherzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Edoardo Alfredo Gherzi
Lu-lapide a Luigi Edoardo Gherzi.jpg
Lapide ricordo del generale Luigi Gherzi posta nel suo paese natale
27 settembre 1889 – 22 settembre 1943
Nato a Lu Monferrato
Morto a Cefalonia
Cause della morte fucilazione
Luogo di sepoltura Famedio di Novara
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Flag of Italy (1860).svg Regio Esercito
Arma Fanteria
Grado Generale di brigata
Guerre Guerra italo-turca
Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Battaglie Eccidio di Cefalonia
Comandante di fanteria della 33ª Divisione "Acqui"
Decorazioni vedi qui
dati tratti da Il gen. Gherzi di Lu, trucidato dai tedeschi a Cefalonia – Medaglia d'oro alla memoria.[1]
voci di militari presenti su Wikipedia

Luigi Edoardo Alfredo Gherzi (Lu Monferrato, 27 settembre 1889Cefalonia, 22 settembre 1943) è stato un militare italiano.

Comandante della fanteria della Divisione "Acqui" di stanza a Cefalonia, fu catturato presso il suo comando tattico in località Kokkolata e subito dopo ucciso dai tedeschi insieme agli ufficiali del comando. Decorato con Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Nacque a Lu Monferrato (provincia di Alessandria) il 27 settembre 1889, figlio di Alberto, di professione agricoltore,[2] e di Savina Borghino. Dopo aver conseguito il diploma di ragioniere si arruolò nel Regio Esercito prendendo parte alla guerra italo-turca e poi alla prima guerra mondiale.[1]

Assunto il comando del 68º Reggimento fanteria "Palermo" di stanza a Novara[3] con il grado di colonnello, nel 1939 il reggimento assunse la denominazione di 68º Reggimento fanteria "Legnano",[4] in forza alla 58ª Divisione fanteria "Legnano", venendo trasferito a Legnano. Alla testa del suo reggimento dopo una breve permanenza sul fronte occidentale in posizione di riserva, nel marzo 1941 partì per il fronte greco, dove prese parte alle operazioni belliche fino al maggio dello stesso anno. Nel corso del 1941 assunse l'incarico di Capo di stato maggiore della 26ª Divisione fanteria "Assietta", passando l'anno successivo al XIV° Comando della Difesa Territoriale.[5] Promosso Generale di brigata il 1 luglio 1942, assunse poi il comando della fanteria della 154ª Divisione fanteria "Murge",[6] una unità con compiti di presidio militare nei territori jugoslavi, passando nel corso del 1943 al comando[7] della fanteria divisionale[8] della Divisione "Acqui" con Quartier generale sull'isola di Cefalonia.[9]

All'atto della firma dell'armistizio dell'8 settembre 1943,[10] si trovava presso il suo comando ad Argostoli, dove si trovava anche il comando della divisione.[10] Con il peggiorare dei rapporti con i tedeschi per motivi di sicurezza il generale Antonio Gandin decisi di separare i due comandi, trasferendoli in due località ben distinte. Gandin si spostò a Razata, mentre Gherzi si trasferì in località Kokkolata, vicino Keramies, trovando alloggio presso la "Casa del Dottore". Deciso sostenitore della resistenza contro i tedeschi, s’impegnò ad oltranza nella sua organizzazione. Durante i combattimenti tra le truppe italiane e quelle tedesche, il 22 settembre 1943 il suo comando fu attaccato a colpi di mortaio e circondato dai soldati tedeschi che irruppero all'interno.[11] Sulla porta dell'edificio cadde colpito a morte il tenente colonnello Sebastiano Sebastiani,[7] che aveva tentato di impugnare la pistola d'ordinanze. All’interno furono catturati il generale Gherzi, il suo ufficiale d’ordinanza, tenente Guido Dal Monte,[7] e quattro altri ufficiali.[7][12] Fatti uscire dall'edificio gli ufficiali vennero fucilati alle spalle sul bordo del fossato[13] anticarro assieme ai sottotenenti Alberto Drago e Alfredo Porcelli. Testimoni oculari riferiscono che Gherzi si sia girato ed abbia scoperto il petto gridando “Viva l'Italia. Viva il Re”.[11] Per onorarne la memoria fu decretata la concessione della Medaglia d'oro al valor militare.[14] Le sue spoglie mortali vennero esumate a Cefalonia nel 1965, e successivamente inumate nel Famedio di Novara.[1] In quella stessa città gli fu intitolata una via, e posta una lapide ricordo inaugurata alla presenza dell'allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Anche una via di Roma porta il suo nome, così come una piazza del suo paese natale.[1]

Onorificenzemodifica | modifica wikitesto

Medaglia d'Oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro al valor militare
«Comandante la fanteria di una divisione disloccata oltremare, nella difficile situazione politico-militare conseguente all'armistizio, affiancava con fermezza il suo comandante nell'attuare la decisione di non cedere le armi pur conscio di tutte le conseguenze che tale decisione comportava. Iniziatasi la lotta fu sempre sulla linea di combattimento in mezzo ai suoi fanti, che forti del suo alto prestigio, incitava con azione energica alla resistenza ad oltranza, costante esempio di cosciente valore. Catturato dai tedeschi al suo posto di comando tattico, fu sopresso tra i primi, perché ritenuto responsabile dell'atteggiamento ostile delle nostre truppe. Affrontò la fine con grande serenità e fierezza e con espressioni di diprezzo per i suoi esecutori, concludendo in modo mirabile la lunga vita di dedizioni al dovere e alla Patria ed assurgendo, per quelli che nel tragico epilogo della vicenda lo seguirono nel sacrificio, per i superstiti e per le generazioni future, ad eroico simbolo dell'onore militare.»
— Cefalonia, 9-22 settembre 1943.
— Decreto Presidenziale 10 febbraio 1953[15]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b c d Luigi Angelino, Roggero Dionigi, Il gen. Gherzi di Lu, Trucidato dai tedeschi a Cefalonia – Medaglia d'oro alla memoria in Il Monferrato, Casale Monferrato, 5 aprile 2012.
  2. ^ La famiglia risiedeva alla cascina Orto dei Bobba, appartenente ad una delle più influenti del paese, di Quargnento.
  3. ^ A Novara la famiglia del colonnello Gherzi abitava in casa Tosi, sita in via Magnani Ricotti, situata vicino alla caserma della fanteria.
  4. ^ Pettibone 2010, p.121
  5. ^ Pettibone 2010, p.38
  6. ^ Pettibone 2010, p.125
  7. ^ a b c d Colacchi 2013, p. 44
  8. ^ Composta dal 17º e 317º Reggimento fanteria.
  9. ^ Pettibone 2010, p.126
  10. ^ a b Meyer 2008, p.304
  11. ^ a b Formato 1968, p. 75-79
  12. ^ Secondo alcune testimonianze si trattava dei tenenti Ermete Ferrara, Gracco Mosci, Silvio Dattola e del sottotenente Giovanni Gangemi.
  13. ^ Si trattava dello stesso luogo dove si erano svolti i primi combattimenti.
  14. ^ Per decisione di uno dei due figli del generale Gherzi, l'ingegnere Mario, la Medaglia d’oro al valor militare è andata ad arricchire il patrimonio di cimeli presenti nel “Museo Storico della Fanteria” di Roma, dove si trova tuttora esposta.
  15. ^ Registrato alla Corte dei Conti il 14 marzo 1953, Esercito registro 10, foglio 232.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Questo testo proviene in parte, o integralmente, dalla relativa voce del progetto Donne e Uomini della Resistenza, opera dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, pubblicata sotto licenza Creative Commons CC-BY-3.0 IT
  • Alfio Caruso, Italiani dovete morire, Milano, Longanesi & C., 2000.
  • Alfio Colacchi, Cefalonia 1943: la strage degli italiani, Raleigh, Lulu.com, 2013, ISBN 1-291-00492-0.
  • Nicola Spagnolli, Cefalonia, settembre 1943. Dinamica di un crimine di guerra, Bolzano, ANPI, 2007.
  • Romualdo Formato, L’eccidio di Cefalonia, Milano, Ugo Mursia editore, 1975.
  • (EN) Charles D. Pettibone, The Organization and Order of Battle of Militaries in World War II Volume VI Italy and France Including the Neutral Countries of San Marino, Vatican City (Holy See), Andorra, and Monaco, Trafford Publishing, 2010, ISBN 1-4269-4633-3.
  • Mario Torsiello, Le Operazioni delle Unità Italiane nel settembre-ottobre 1943, Roma, Ufficio Storico Stato Maggiore dell'Esercito, 1975.

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto