Motu proprio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Motu proprio è una locuzione latina (tradotta letteralmente significa "di propria iniziativa") che indica un documento, una nomina o in generale una decisione presa di "propria iniziativa" da chi ne ha il potere o la facoltà.

Contenutomodifica | modifica wikitesto

Per antonomasia si intende un documento (decisione) del papa che non è stato proposto da alcun organismo della Curia Romana.

Secondo il Codice di diritto canonico infatti, il pontefice è dotato di tutti i poteri per esercitare sovranità immediata su tutta la Chiesa universale, su ciascuna chiesa particolare (ad esempio le diocesi) e in materia di dottrina. In base alle decisioni del Concilio Vaticano I, inoltre, il magistero del papa gode dell'infallibilità in materia di fede e di morale quando viene espresso ex cathedra, cioè quando definisce il dogma di fede o un articolo di morale, oppure quando procede a una canonizzazione[1].

Storiamodifica | modifica wikitesto

Ai tempi dello Stato pontificio lo strumento del motu proprio era spesso usato per regolare materie di carattere economico[2]. Anche alcuni monarchi facevano uso del motu proprio. Ad esempio il granduca di Toscana, Pietro Leopoldo I, con motu proprio del 21 marzo 1785, trasformò alcuni monasteri in conservatori, ovvero educandati femminili.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ ex cathedra, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ Vedi il moto proprio pontificio che soppresse l'Annona romana

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità GND: (DE4479145-8