Neocreazionismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il neocreazionismo è un movimento il cui scopo è quello di riaffermare il creazionismo in termini che abbiano maggiore probabilità di essere ben accolti dal pubblico, dai responsabili della politica e dalla comunità scientifica. Esso mira a reinquadrare il dibattito sulla origini della vita in termini non religiosi e senza richiami alla scrittura. Si tratta di una risposta alla sentenza del 1987 della Corte Suprema degli Stati Uniti d'America in Edwards v. Aguillard che il creazionismo è un concetto intrinsecamente religioso e che perorarlo come corretto o accurato nei corsi scolastici viola la Clausola di stabilimento del Primo Emendamento.[1][2][3]

Una delle sue principali asserzioni è che la scienza ortodossa apparentemente oggettiva, con una base nel naturalismo, è in effetti una religione dogmaticamente ateista.[4] I suoi proponenti sostengono che il metodo scientifico esclude certe spiegazioni dei fenomeni, particolarmente quando puntano verso elementi soprannaturali, impedendo in realtà al punto di vista religioso di contribuire alla comprensione dell'universo. Ciò conduce a un'aperta e spesso ostile opposizione a ciò che essi chiamano "darwinismo", che generalmente si intende riferito all'evoluzione, ma può essere esteso per includere concetti quali l'abiogenesi, l'evoluzione stellare e la teoria del Big Bang.

Importanti organizzazioni neocreazioniste sono Discovery Institute e il suo Center for Science and Culture. I neocreazionisti devono ancora stabilire una linea riconosciuta di legittima ricerca scientifica e perciò mancano decisamente di legittimazione scientifica e accademica, anche tra molti accademici dei college cristiani evangelici.[5] Il neocreazionismo è considerato da Eugenie C. Scott e altri critici come la forma più riuscita di irrazionalismo.[3] La principale forma di neocreazionismo è il disegno intelligente (DI).[6] Una seconda forma, la teoria dell'apparizione improvvisa,[3] che asserisce che le prime forme di vita e l'universo apparvero improvvisamente e che anche le piante e gli animali apparvero improvvisamente in forma complessa, è stata occasionalmente ipotizzata.[7]

Motivazionimodifica | modifica wikitesto

Il movimento neocreazionista è motivato dal timore che la religione sia sotto attacco da parte dello studio dell'evoluzione.[8][9][10] Un argomento comune alle giustificazioni neocreazioniste è che la società ha sofferto "conseguenze culturali devastanti"[11][12][13] per aver adottato il materialismo e che la scienza è la causa di questo scadimento nel materialismo poiché cerca solo spiegazioni naturali. Essi credono che la teoria dell'evoluzione implichi che gli esseri umani non hanno nessuna natura spirituale, nessun fine morale e nessun significato, e perciò che l'accettazione dell'evoluzione la vita umana[14] portando direttamente alle atrocità commesse dal regime nazista di Hitler, ad esempio.[15][16] I proponenti del movimento cercano di "sconfiggere [la] visione del mondo materialistica" rappresentata dalla teoria dell'evoluzione in favore di "una scienza consonante con le convinzioni cristiane e teistiche".[13] Phillip E. Johnson, "padre" del movimento del disegno intelligente, afferma che lo scopo del movimento è di "affermare la realtà di Dio".[17]

Tatticamodifica | modifica wikitesto

Gran parte dello sforzo dei neocreazionisti in risposta alla scienza consiste in polemiche che evidenziano lacune nella comprensione o incoerenze di minore importanza nella letteratura della biologia, facendo poi affermazioni su ciò che può e che non può avvenire nei sistemi biologici.[18][19][20] I critici del neocreazionismo sottolineano che la scienza neocreazionista consiste nello scavare tra le citazioni della letteratura biologica (compresa la letteratura sorpassata) in cerca di errori minori, incoerenze o esempi di discussioni interne tra scienziati promettenti dal punto di vista della polemica. Questi disaccordi interni, fondamentali per il lavoro di tutte le scienze naturali, sono poi presentati in termini drammatici ai profani come prova della fraudolenza e dell'imminente crollo del "darwinismo".[21] I critici asseriscono inoltre che il neocreazionismo impiega abitualmente questo metodo per sfruttare a suo vantaggio i problemi tecnici all'interno della biologia e della teoria evolutiva, facendo affidamento su un pubblico che non è sufficientemente erudito dal punto di vista scientifico per seguire dettagli complessi e spesso difficili. Robert T. Pennock sostiene che i proponenti del disegno intelligente stanno "fabbricando il dissenso" al fine di spiegare l'assenza di dibattito scientifico intorno alle loro asserzioni: "Le asserzioni 'scientifiche' di neocreazionisti come Johnson, Denton e Behe fanno affidamento, in parte, sulla nozione che questi problemi [che circondano l'evoluzione] siano l'argomento di un dibattito soppresso tra i biologi... Secondo i neocreazionisti, l'apparente assenza di questa discussione e il quasi universale rifiuto delle asserzioni neocreazioniste devono essere dovuti alla cospirazione tra i biologi professionisti invece che a una mancanza di merito scientifico."[22]

Eugenie Scott descrive il neocreazionismo come "un bagaglio misto di strategie antievoluzionistiche determinate dalle decisioni legali contro le leggi per l'uguaglianza dei tempi" [da dedicare all'insegnamento della scienza della creazione e dell'evoluzione].[23] Quelle decisioni legali, McLean v. Arkansas ed Edwards v. Aguillard, hanno condannato l'insegnamento della scienza della creazione come un'alternativa all'evoluzione nelle lezioni di scienze delle scuole pubbliche. Scott considera il disegno intelligente e le varie strategie dei proponenti del disegno quali Teach the Controversy e Critical Analysis of Evolution, come esempi primari di neocreazionismo.

I neocreazionisti generalmente rifiutano il termine "neocreazione", sostenendo che sia un termine peggiorativo.[24] Qualunque collegamento delle loro opinioni con il creazionismo minerebbe il loro obiettivo di essere visti quali propugnatori di una nuova forma di scienza. Invece, essi si presentano al loro pubblico non scientifico come se stessero seguendo una scienza valida, a volte ridefinendo la scienza stessa per adattarla ai loro bisogni.[25] Questo approccio è rifiutato dalla vasta maggioranza dei veri praticanti di scienze.[26][27][28][29] Nondimeno, i neocreazionisti affermano di presentare e seguire una scienza valida che è uguale, o superiore, alla teoria dell'evoluzione,[30] ma devono ancora produrre ricerche scientifiche e verifiche riconosciute che sostengano le loro rivendicazioni.[31] Invece, la preponderanza delle opere neocreazioniste sono pubblicazioni rivolte al grande pubblico e ai legislatori e ai responsabili della politica. Gran parte di quei lavori pubblicati sono di natura polemica, discutono e contestano ciò che vedono come un'"ortodossia scientifica" che difende e protegge il "Darwinismo" mentre attacca e ridicolizza presunte alternative come il disegno intelligente.[15][32][33] Esempi delle polemiche neocreazioniste comprendono il Wedge Document ("Documento del cuneo") del Discovery Institute,[34] il libro Darwin on Trial ("Darwin a processo") di Phillip E. Johnson e il libro From Darwin to Hitler ("Da Darwin a Hitler") di Richard Weikart.[35] Le ricerche per il libro di Weikart furono sovvenzionate dal Discovery Institute e anche il libro è promosso attraverso l'istituto.[36] Sia Johnson che Weikart sono affiliati al Discovery Institute; Johnson è consulente per i programmi e Weikart è un membro.

Critichemodifica | modifica wikitesto

Tutti i personaggi seguenti rendono espliciti i collegamenti fra il creazionismo tradizionale, il neocreazionismo e il disegno intelligente. Non tutti i critici sono sul lato evoluzione del dibattito. Henry M. Morris, un importante creazionista della Terra giovane, accettava il termine,[1] ma si opponeva alla logica del neocreazionismo proprio per la ragione che esso non abbraccia la Bibbia.[37] Il Centro Battista per l'Etica esorta "i Battisti a riaffidarsi alla separazione tra Chiesa e Stato, che terrà le scuole pubbliche libere dalla pressione coercitiva per promuovere una fede settaria, come le preghiere a scuola scritte dallo Stato e l'insegnamento del neocreazionismo..."[38][39]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b Henry M. Morris, Neocreationism, su icr.org, Institute for Creation Research. URL consultato il 29 settembre 2014.
  2. ^ William Safire, On Language: Neo-Creo, in The New York Times, 21 agosto 2005. URL consultato il 29 settembre 2014.
  3. ^ a b c Scott, Eugenie C., Creationism, ideology, and science, The Flight from Science and Reason. Annals of the New York Academy of Sciences, vol. 775, 1996, pp. 505–22, DOI:10.1111/j.1749-6632.1996.tb23167.x. URL consultato il 12 novembre 2009.
  4. ^ Phillip E. Johnson, Darwinism is Materialist Mythology, Not Science (PDF), su DarwinReconsidered.org, ottobre 2004. URL consultato il 29 settembre 2014.
  5. ^ Goodstein Laurie, Intelligent Design Might Be Meeting Its Maker, in New York Times, 4 dicembre 2005, p. Sezione 4, Pagina 1, Colonna 1. URL consultato il 29 settembre 2014.
  6. ^ Massimo Pigliucci, Design Yes, Intelligent No, Skeptical Inquirer, settembre 2001. URL consultato il 4 aprile 2009.
  7. ^ Wendell R. Bird, The Origin of Species Revisited: The Theories of Evolution and of Abrupt Appearance, Thomas Nelson, dicembre 1992, p. 13, ISBN 0-8407-6848-6.
  8. ^ Charles Colson e Nancy Pearcey, How Now Shall We Live?, Tyndale House Publishers, 20 settembre 1999, ISBN 0-8423-3607-9, LCCN 2001265761, OCLC 42999968, OL 8238567M.
  9. ^ Kitzmiller v. Dover Area School District, p. 136.
    «Both defendants and many of the leading proponents of ID make a bedrock assumption which is utterly false. Their presupposition is that evolutionary theory is antithetical to a belief in the existence of a supreme being and to religion in general. Repeatedly in this trial, Plaintiffs’ scientific experts testified that the theory of evolution represents good science, is overwhelmingly accepted by the scientific community, and that it in no way conflicts with, nor does it deny, the existence of a divine creator.». [Testo in wikisource
  10. ^ Kitzmiller v. Dover Area School District, p. 30.
    «Johnson has concluded that science must be redefined to include the supernatural if religious challenges to evolution are to get a hearing. (11:8–15 (Forrest); P-429). Additionally, Dembski agrees that science is ruled by methodological naturalism and argues that this rule must be overturned if ID is to prosper. (Trial Tr. vol. 5, Pennock Test., 32–34, Sept. 28, 2005).». [Testo in wikisource
  11. ^ Allie Martin e Jenni Parker, TV Producer Defends Documentary Exposing Darwin-Hitler Link, su agapepress.org, 25 agosto 2006. (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2009).
  12. ^ Paul Handley, Scientists battle over anti-Darwin ‘Intelligent design’ theory, su timesofoman.com, Times of Oman, 7 marzo 2005. URL consultato il 10 marzo 2005.
  13. ^ a b Discovery Institute, The Wedge Document, su http://ncse.com, 1998. URL consultato il 29 settembre 2014.
  14. ^ Richard Weikart, Does Darwinism Devalue Human Life?, su discovery.org, The Human Life Review, 1º marzo 2004. URL consultato il 29 settembre 2014.
  15. ^ a b Jay W. Richards, Intelligent Design Theory, su discovery.org, IntellectualCapital.com, 25 luglio 1999. URL consultato il 29 settembre 2014.
  16. ^ James Kennedy, Darwin's Deadly Legacy (Television documentary), su truthinaction.org, Coral Ridge Ministries, 26-27 agosto 2006.
  17. ^ Phillip E. Johnson, Defeating Darwinism by Opening Minds, Downers Grove, IL, InterVarsity Press, 1997, pp. 91-92, ISBN 0-8308-1360-8, LCCN 97012916, OCLC 36621960.
  18. ^ H. Allen Orr, Devolution—Why intelligent design isn't, in The New Yorker, Annals of Science, 30 maggio 2005, 23 maggio 2005. (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2005).
  19. ^ American Society for Clinical Investigation, Defending science education against intelligent design: a call to action, in Journal of Clinical Investigation, vol. 116, nº 5, 2006, pp. 1134-1138.
  20. ^ Gary Hurd, Back to the Quote Mines, su pandasthumb.org, 4 maggio 2005. URL consultato il 29 settembre 2014.
  21. ^ Barbara Forrest e Paul R. Gross, Creationism's Trojan Horse, Oxford University Press, 8 gennaio 2004, ISBN 0-19-515742-7, OCLC 50913078.
  22. ^ Robert T. (cur.) Pennock, Intelligent Design Creationism and Its Critics: Philosophical, Theological, and Scientific Perspectives, Cambridge, Mass., MIT Press, 1º dicembre 2001, p. 322, ISBN 978-0-262-66124-9, LCCN 2001031276, OCLC 539676227, OL 9452268M, librarything 827088. goodreads 567279. URL consultato il 30 settembre 2014.
  23. ^ Eugenie C. Scott, Antievolutionism and Creationism in the United States, su http://ncse.com, National Center for Science Education, 13 febbraio 2001. URL consultato il 30 settembre 2014.
  24. ^ Wilston Nkangoh, FAQs IDEA Club, University of Texas, Dallas, su utdallas.edu, IDEA Club, 19 maggio 2005. (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2012).
  25. ^ Michael J. Behe, Whether Intelligent Design is Science, su discovery.org, Seattle, WA, Discovery Institute, 2006, p. 2. URL consultato il 30 settembre 2014.
  26. ^ Kitzmiller v. Dover Area School District, p. 83. [Testo in wikisource
  27. ^ AAAS Board of Directors, AAAS Board Resolution on Intelligent Design Theory, su aaas.org, American Asociation for the Advancement of Science, 18 ottobre 2002. (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2002). [La AAAS, la più grande associazione di scienziati degli Stati Uniti, ha 120.000 membri, e rifiuta fermamente il DI].
  28. ^ UNSW, Intelligent design is not science - Scientists and teachers speak out, su unsw.edu.au, Sydney, Australia, The University of New South Wales, 20 ottobre 2005. (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2011).
    «A coalition representing more than 70,000 Australian scientists and science teachers has called on all schools not to teach Intelligent Design (ID) as science, because it fails to qualify on every count as a scientific theory.».
  29. ^ NCSE, Voices for evolution. List of statements from scientific professional organizations on the status intelligent design and other forms of creationism, su http://ncse.com, National Center for Science Education. URL consultato il 30 settembre 2014.
  30. ^ Stephen C. Meyer, The Scientific Status of Intelligent Design: The Methodological Equivalence of Naturalistic and Non-Naturalistic Origins Theories, su discovery.org, Ignatius Press, 1º settembre 2002. URL consultato il 30 settembre 2014.
  31. ^ Kitzmiller v. Dover Area School District, p. 88. [Testo in wikisource
  32. ^ David Applegate, Creationists Open a New Front, su agiweb.org/geotimes, American Geological Institute, luglio 2000. URL consultato il 30 settembre 2014.
  33. ^ John McCarthy, Intelligent Design Advocates Seem Unserious And Insincere, su stanford.edu, Department of Computer Science, Stanford University, 5 novembre 2005. (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2005).
  34. ^ Discovery Institute, The Wedge Strategy (PDF), 1998. URL consultato il 30 settembre 2014.
  35. ^ Discovery Institute, From Darwin to Hitler, darwintohitler.com.
  36. ^ Discovery Institute, Nota Bene July, discovery.org, 27 luglio 2004. (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2007).
  37. ^ Henry M. Morris, Design Is Not Enough!, Institute for Creation Research. URL consultato il 30 settembre 2014.
  38. ^ Brian D. Ray, Some Baptists Supporting Government-Run Schools, National Home Education Research Institute, 25 aprile 2006. (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2012).
  39. ^ Baptist Center for Ethics, A Baptist Pastoral Letter Supporting Public Education, ethicsdaily.com, 21 aprile 2006. (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2006).
  40. ^ Massimo Pigliucci, Design Yes, Intelligent No: A Critique of Intelligent Design Theory and Neocreationism, su csicop.org, Skeptical Inquirer, settembre 2001. URL consultato il 30 settembre 2014.
  41. ^ Eugenie C. Scott, Creationists and the Pope's Statement, in Quarterly Review of Biology, vol. 72, nº 4, dicembre 1997, pp. 403, DOI:10.1086/419952. URL consultato il 14 ottobre 2007.
    «Phrases like "intelligent design theory," "abrupt appearance theory," "evidence against evolution," and the like, have sprung up, although the content of many of the arguments is familiar. This view can be called "neocreationism." ... Neocreationists are by no means identical to their predecessors, however.... Neither biblical creationists nor theistic evolutionists.... Most of them are "progressive creationists."».

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto