Parioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Q. II Parioli
Stemma ufficiale
Auditorium Parco della Musica a Parioli.JPG
Vista dei Parioli da Monte Mario
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia Roma Roma
Città Roma-Stemma.png Roma Capitale
Circoscrizione Municipio Roma II
Data istituzione 20 agosto 1921[1]
Codice 202
Superficie 4,7506 km²
Abitanti 13 543 ab.[2] (2015)
Densità 2 850,8 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°55′20.53″N 12°29′32.53″E / 41.92237°N 12.49237°E41.92237; 12.49237

Parioli
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia Roma Roma
Città Roma-Stemma.png Roma Capitale
Circoscrizione Municipio Roma II
Data istituzione 29-30 luglio 1977[3]
Codice 2B
Superficie 2,08 km²
Abitanti 22 009 ab.[4] (2015)
Densità 10 581,25 ab./km²

Parioli è il secondo quartiere di Roma, indicato con Q. II.

Il toponimo indica anche la zona urbanistica 2B del Municipio Roma II di Roma Capitale.

Il nome deriva dalla denominazione di "Monti Parioli", data a un gruppo di colline tufacee prima dell'urbanizzazione dell'area, avvenuta agli inizi del Novecento. Alcuni affermano che il nome derivi da peraioli, per le coltivazioni di peri che vi si trovavano.

Geografia fisicamodifica | modifica wikitesto

Territoriomodifica | modifica wikitesto

Si trova nell'area nord della città, a ridosso della sponda sinistra del fiume Tevere.

Il quartiere confina:

La zona urbanistica confina:

Storiamodifica | modifica wikitesto

Il quartiere Parioli è fra i primi quindici sorti a Roma nel 1911 ed ufficialmente istituiti nel 1921. Il quartiere fu completato durante gli anni cinquanta. Sorto come quartiere della borghesia medio-alta, era destinato ai gerarchi del regime fascista.

Questa caratteristica conferisce ai giovani abitanti lo stereotipo di uno stile di vita medio-alto, caratterizzato da un abbigliamento alla moda (prevalentemente sportivo) ed un uso di prodotti costosi, al punto che il nomignolo "pariolino" tende ad indicare a Roma anche i giovani con quello stile ma non residenti nel quartiere dei Parioli.

Il termine è usato il più delle volte con una connotazione spregiativa, per indicare un tono esclusivo alto borghese.[11]

Un riferimento filmografico del giovane "pariolino" è nel personaggio dello studente benestante Roberto nel film Il sorpasso di Dino Risi, interpretato da Jean-Louis Trintignant.

Un altro riferimento in accezione negativa ma ironica, è presente nella nona traccia dell'album Il sorprendente album d'esordio de I Cani, dal titolo "I pariolini di diciott'anni".

In tono assai più drammatico e negativo si può includere la figura di Dickie Greenleaf, coprotagonista de Il talento di Mr. Ripley. Rampollo di una famiglia di armatori americani, ozioso, cinico ed arido, frequentatore della Dolce Vita italiana di fine anni cinquanta.

Stemmamodifica | modifica wikitesto

Di rosso a due spade d'argento all'elsa d'oro incrociate in decusse e una foglia di palma verde posta in palo.[12]

Monumenti e luoghi d'interessemodifica | modifica wikitesto

Architetture civilimodifica | modifica wikitesto

Architetture religiosemodifica | modifica wikitesto

Architetture militarimodifica | modifica wikitesto

Siti archeologicimodifica | modifica wikitesto

Rinvenuta nel 1995, durante gli scavi per la costruzione dell'auditorium Parco della Musica.[13]

Catacombemodifica | modifica wikitesto

Ville e parchimodifica | modifica wikitesto

Culturamodifica | modifica wikitesto

Museimodifica | modifica wikitesto

Teatromodifica | modifica wikitesto

Geografia antropicamodifica | modifica wikitesto

Urbanisticamodifica | modifica wikitesto

Nel territorio di Parioli si estendono, oltre il settore nord-est dell'omonima zona urbanistica 2B[14], le zone urbanistiche 2A Villaggio Olimpico, 2X Villa Ada e il settore nord della zona 2D Salario.

Odonimiamodifica | modifica wikitesto

Piazze e vie
  • viale dei Parioli, un largo viale alberato che dalla piazza Ungheria scende a villa Glori e all'Acqua Acetosa
  • piazza delle Muse, ampio slargo di forma rettangolare posto sul crinale di un colle il cui pendio scende verso la zona dell'Acqua Acetosa; dalla piazza si può godere di un'ampia panoramica sull'area periferica a nord di Roma.
  • viale Maresciallo Pilsudski.
  • via di San Valentino, dove ha abitato per un certo periodo di tempo Audrey Hepburn,
  • viale della Moschea, ove sorge la Moschea di Roma.
Le nazioni
Città europee
Città sudamericane
Scrittori
Sportivi olimpionici
Attori del Novecento

Infrastrutture e trasportimodifica | modifica wikitesto

Ferroviemodifica | modifica wikitesto

Ferrovia Roma-Viterbo.svg
 È raggiungibile dalle stazioni: Piazza EuclideAcqua Acetosa (Roma)Campi Sportivi e Monte Antenne.

Sportmodifica | modifica wikitesto

Nel quartiere, lungo la riva sinistra del Tevere, sono presenti anche gli impianti sportivi della zona dell'Acqua Acetosa con il campo di polo, lo Stadio delle Aquile (ora Stadio Paolo Rosi), il Circolo Canottieri Aniene e il Centro sportivo Giulio Onesti.

Inoltre, fra il parco di Villa Glori e via Flaminia si sviluppa il Villaggio Olimpico.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Delibera di Giunta n. 20 del 20 agosto 1921.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2015 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Delibera consiliare n. 2983 del 29-30 luglio 1977.
  4. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2015 per zone urbanistiche.
  5. ^ Separato dal fiume Tevere, da Ponte Milvio fino all'immissione del fiume Aniene
  6. ^ Separata dal fiume Aniene, dall'immissione nel fiume Tevere fino a Ponte Salario
  7. ^ Separato da via Salaria, da Ponte Salario a viale Liegi
  8. ^ Separato dall'intero viale Liegi
  9. ^ Separato dall'intero viale dei Parioli e dall'intero viale Maresciallo Pilsudski fino a via Flaminia
  10. ^ Separato da via Flaminia, da viale Maresciallo Pilsudski a piazzale Cardinal Consalvi (Ponte Milvio)
  11. ^ Dizionario Enciclopedico Treccani
  12. ^ Carlo Pietrangeli, p. 192.
  13. ^ Sovrintendenza Capitolina, Villa romana.
  14. ^ Gran parte di questa insiste sul quartiere Pinciano.
  15. ^ Nome latino di Parigi.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Giorgio Carpaneto e altri, I quartieri di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 1997, ISBN 978-88-8183-639-0.
  • Maria Rosaria Grifone e Claudio Rendina, QUARTIERE II. PARIOLI, in I Rioni e i Quartieri di Roma, vol. 6, Roma, Newton Compton Editori, 1991.
  • Carlo Pietrangeli, Insegne e stemmi dei rioni di Roma, in Capitolium. Rassegna di attività municipali, anno XXVIII, nº 6, Roma, Tumminelli - Istituto Romano di Arti Grafiche, 1953.
  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • Claudio Rendina, I quartieri di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2006, ISBN 978-88-541-0594-2.

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma