Paula Jones

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paula Corbin Jones (Lonoke, 14 ottobre 1966) è una giornalista statunitense.

Paula diventò celebre per la causa civile per danni intentata contro l'ex-presidente degli Stati Uniti d'America Bill Clinton. La causa fu per le presunte molestie sessuali subite l'8 maggio 1991, quando l'allora Bill Clinton era governatore dell'Arkansas. Il tribunale stabilì che i comportamenti del governatore non costituirono violenza sessuale[1].

Il processo determinò pesanti conseguenze sulla vita privata di Paula Jones, che divorziò dal marito ed ebbe gravi problemi economici. Dopo il processo la Jones posò nuda per la rivista Penthouse per poter pagare le tasse e garantire l'educazione ai suoi due figli.

Durante la sua deposizione nel caso Paula Jones, il 17 gennaio 1998[2], Bill Clinton negò di avere avuto rapporti sessuali con un'altra dipendente pubblica, Monica Lewinsky. La sua dichiarazione venne utilizzata dal Procuratore Kenneth Starr come capo d'accusa nei confronti del Presidente degli Stati Uniti, accusato di aver mentito sotto giuramento[3].

Notemodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN163114927 · LCCN: (ENn97121746 · GND: (DE121114058
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie