Portale:Automobili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rolls Royce Phantom III 1936 transparent.png

Il portale dell'automobile

" L’Automobile è femminile. Questa ha la grazia, la snellezza, la velocità di una seduttrice; ha inoltre una virtù ignota alle donne: la perfetta obbedienza. Ma, per contro, della donna ha la disinvolta levità nel superare ogni scabrezza"

Collabora a Wikiquote   Gabriele D'Annunzio, nel 1926, in risposta a Giovanni Agnelli che lo aveva interpellato riguardo al genere da atribuire al termine "automobile"

PortaleProgettoLa catena di montaggioCategorieImmagini

 
 
Lamborghini Murcielago modificaL'automobile
Il Carro di Cugnot nella versione del 1771
L'autovettura o automobile, comunemente chiamata con la forma contratta auto o popolarmente macchina, è un autoveicolo progettato e costruito per il trasporto privato di persone. Una parte rilevante della sua struttura o carrozzeria, di conseguenza, è occupata dall’abitacolo, all’interno del quale sono installati dei sedili.

Dopo i progetti rinascimentali e il prototipo settecentesco di Cugnot basato sul vapore, l'automobile, come mezzo di trasporto valido e alternativo alla trazione animale, si affermò nell'Ottocento. Per la sua propulsione furono utilizzati numerosi e diversi motori con vari sistemi di alimentazione finché, dopo la prima guerra mondiale, il motore endotermico e la benzina si imposero dovunque su tutti gli altri. Anche esteticamente l'automobile si sviluppò dai primi carri e carrozze direttamente derivati dai veicoli trainati dai cavalli, verso forme sempre più autonome, tendenti da un lato a sfruttare le caratteristiche aerodinamiche del mezzo e dall'altro a fornire sempre maggior comfort ai passeggeri. Nel corso del Novecento, i continui miglioramenti tecnici della componente motoristica e le altre innovazioni (gli pneumatici in particolare) non hanno comunque impedito l'elaborazione di progetti innovativi per i motori e per i sistemi d'alimentazione.

…continua a leggere
 
 
Lamborghini Murcielago modificaIl portale

Il Portale Automobili ha lo scopo di fornire uno strumento per la navigazione delle voci riguardanti questo argomento che sono presenti su Wikipedia in italiano.

Wikipedia, grazie ai collegamenti ipertestuali ed alla classificazione delle voci presenti tramite categorie specifiche, consente un'esplorazione efficace dell’argomento scelto, partendo sia da una voce specifica, che da una categoria di interesse.

Il settore automobilistico può essere esplorato, per quanto riguarda gli aspetti produttivi, conoscendo le case automobilistiche, sia attive che del passato, oppure utilizzando il metodo per nazionalità. I vari modelli di automobile sono facilmente disponibili grazie alla ricerca attraverso il raggruppamento per marca, oppure tramite quello per nazionalità.

Il portale è organizzato in finestre che sono collegate ad un dato argomento, il quale è associato ad una o più categorie. All'interno dei box sono presenti dei riassunti di voci presenti su Wikipedia che si alternano.

Invece per discussioni generali, richieste o proposte sulle voci di Wikipedia riguardanti le automobili, vieni a parlarne al bar del progetto automobili.

 
 
Chequered flag.png Cerchi le gare ?
Se sei interessato alle competizioni automobilistiche, vai al portale specifico
 
 
Ferrari steering wheel icon.png Cerchi le Ferrari ?
Se sei interessato alla casa automobilistica di Maranello, vai al portale dedicato
 
 
Lamborghini Murcielago modificaL'immagine in evidenza
 
 
Lamborghini Murcielago modificaLa voce in evidenza
Ford Mustang 1967 blue vl.jpg
La Ford Mustang è un'autovettura sportiva statunitense prodotta dalla Ford Motor Company dal 1964.

Si tratta di uno dei prodotti più di successo dell'industria automobilistica mondiale, imitata da molti costruttori. La sua struttura originaria derivava dalla Ford Falcon e la sua presentazione ufficiale è datata 17 aprile 1964 a New York. Fortemente voluta dal manager della società dell'epoca Lee Iacocca, poteva essere considerata una piccola muscle car equipaggiata di un motore da 2,8 L di cilindrata, erogante una potenza di 105 CV (78 kW). La presentazione della Mustang coincise perfettamente con la prima ondata della generazione dei cosiddetti Baby Boomers, cioè di quei giovani nati subito dopo la fine della seconda guerra mondiale. A questa generazione nessun costruttore di automobili aveva pensato e pertanto non esistevano modelli di auto indirizzati specificatamente a loro.

Leggi la voce
 
 
Lamborghini Murcielago modificaI modelli d'automobile contemporanei
1965TriumphSpitfire.jpg
La Spitfire è una spyder prodotta dalla Triumph Motor Company tra il 1962 ed il 1980. All'inizio degli anni sessanta alla Triumph avevano in mente di produrre un nuovo modello in grado di arginare il crescente successo delle Austin-Healey Sprite e della MG Midget. Non ci furono dubbi sulla motorizzazione e il telaio (rigorosamente separato dalla carrozzeria), entrambi derivati da quelli della piccola Herald, ma la linea stava creando parecchi grattacapi. Il centro stile della Casa Inglese non riusciva a definire un'autovettura stilisticamente accettabile. Dopo il successo della Herald disegnata quasi per caso e in un batter d'occhio da Giovanni Michelotti, alla Triumph decisero di rivolgersi ancora allo stilista torinese per definire la nuova spider.
Leggi la voce
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sui modelli di automobile, raggruppate per marca
 
 
Lamborghini Murcielago modificaLe case automobilistiche attive
BMW tower seen from Olympic tower on a sunny November afternoon.jpg
BMW (acronimo di Bayerische Motoren Werke, in italiano Fabbrica Bavarese di Motori) è un'azienda tedesca produttrice di autoveicoli e motoveicoli, con sede a Monaco di Baviera. Durante la prima guerra mondiale, l'industria meccanica tedesca era impegnata a migliorare la potenza e l'affidabilità delle nuove "macchine volanti" che, per la prima volta, rivestivano un importante ruolo bellico. Anche la Daimler aveva messo a punto un motore aeronautico, realizzato dalla consociata austriaca Austro-Daimler e sviluppato da Max Friz, uno dei brillanti ingegneri del reparto corse Daimler, la cui attività era sospesa a causa della guerra. Commissionata dal governo austriaco, per ragioni di celerità produttiva la costruzione dei motori Austro-Daimler venne affidata alla licenziataria bavarese Rapp Motorenwerke, ditta nella quale anche Friz si trasferì con la speranza di veder realizzato il suo progetto per un motore d'aereo con sei cilindri in linea e albero a camme in testa, in grado di funzionare a quote molto elevate, ben oltre i 5.000 metri. Alla Rapp, in veste di supervisore tecnico dell'aviazione militare austro-ungarica, era presente l'ingegnere Josef Popp, al quale Friz mostrò i disegni del suo nuovo motore. Popp capì immediatamente che si trattava di un propulsore tecnologicamente molto avanzato e ne caldeggiò l'adozione a Julius Auspitzer, cofondatore e unico azionista della Rapp Motorenwerke. Il prototipo del nuovo motore venne ben presto realizzato, mostrando doti di potenza e leggerezza ben superiori alla produzione dell'epoca. La novità destò subito l'interesse del governo prussiano che, al fine di riconquistare la supremazia nei cieli persa dopo l'entrata in servizio dei Sopwith Camel britannici, ne commissionò la costruzione in 600 esemplari. Congiuntamente all'importante ordinativo prussiano, Auspitzer comunicò tuttavia la sua intenzione di vendere la ditta per gravi motivi di salute.
Leggi la voce
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sulle case automobilistiche
 
 
Lamborghini Murcielago modificaI designer automobilistici

Alec Issigonis (18 novembre 19062 ottobre 2011) è stato un designer e ingegnere britannico di origine greca conosciuto come il "padre" della Mini. Alec Issigonis nacque a Smirne allora parte dell'Impero Ottomano. Il nonno paterno, Demosthenis Issigonis, era originario dell'isola di Paro ed aveva acquistato la cittadinanza britannica lavorando alla costruzioni di ferrovie in Turchia per conto di società britanniche. Anche il padre Constantine era cittadino britannico ed aveva studiato in Inghilterra, la madre, Hulda Prokopp era invece di origine tedesca. In seguito alla sconfitta greca nella guerra con la Turchia nel settembre 1922 i greci vennero espulsi dalla Turchia e la famiglia Issigonis riparò a Malta; nel 1923, alla morte del padre Alec si trasferì con la madre a Londra e seguì corsi di ingegneria al Politecnico di Battersea. La sua attività lavorativa iniziò nel 1928, partecipando alla progettazione di una trasmissione semi automatica per una piccola azienda meccanica, passando poi alla Humber di Coventry e, nel 1936, alle dipendenza della casa automobilistica MG. È per conto di quest'azienda che Issigonis iniziò i suoi primi progetti importanti, come quello di un'auto da competizione sovralimentata e quello di una autovettura di piccola cilindrata, i cui primi studi risalgono al 1944.

Leggi la voce
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sui designer automobilistici
 
 
Lamborghini Murcielago modificaI componenti
Clutch-c.jpg
La frizione è un organo meccanico che ha la funzione di connettere a comando due alberi per permettere o meno ed eventualmente modulare la trasmissione del moto rotatorio. In parole più semplici, la frizione è un meccanismo che, avvalendosi dell'attrito, consente di unire gradualmente il moto di due alberi che ruotano a velocità diversa. Questa sua caratteristica è parecchio utilizzata nell'ambito dei sistemi di trasmissione. Per esempio, per far partire gradualmente un'automobile con motore a combustione senza spegnere il motore, è necessario che la trazione sia applicata in modo progressivo; qui interviene la frizione che rende possibile ciò. Il suo funzionamento rimanda a quello dei freni di un'auto, ma opera inversamente: i freni sono fermi, e la ruota non viene bloccata istantaneamente, ma gradualmente grazie all'attrito; similmente la frizione muove gradualmente un albero fermo o in rotazione a velocità diversa (da quella dell'albero di trasmissione).
Leggi la voce
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sulle parti di veicoli
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sui componenti meccanici
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sulle parti dei motori
 
 
Lamborghini Murcielago modificaI tipi di automobile
Maserati GranTurismo front 20071104.jpg
Con il termine Gran Turismo, Granturismo o anche solamente con l'acronimo GT, si indica un'automobile con prestazioni elevate, ma anche adatta alle lunghe percorrenze. Le Gran Turismo si differenziano dalle "Sports cars" in quanto queste ultime sono concepite alla ricerca delle massime prestazioni, seppur obbligatoriamente equipaggiate di tutti i dispositivi necessari alla circolazione stradale, anche se a partire dal 1972 tali equipaggiamenti fossero ancora permessi ma non obbligatori. Pertanto la definizione di Gran Turismo è generalista e non corrisponde a delle caratteristiche specifiche o di forma estetica della carrozzeria come invece è nei casi delle berlinette, coupé, spyder, barchetta, roadster ecc. L'acronimo GT viene spesso utilizzato dalle case automobilistiche nelle denominazioni ufficiali dei propri modelli e dalla FIA per definire delle specifiche classi delle competizioni automobilistiche (Campionato FIA GT).
Leggi la voce
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sui tipi di automobile
 
 
Lamborghini Murcielago modificaLe categorie di riferimento
 
 
Lamborghini Murcielago modificaLo sapevi che…
2june 2007 611.jpg
La Flaminia fu un'ammiraglia prodotta dalla Lancia dal 1957 al 1970. Nacque per sostituire la Aurelia. Fu la grande auto di rappresentanza italiana degli anni sessanta. Dalla famiglia delle Flaminia, grazie alla sua immagine "altolocata" (fu infatti l'auto di molti "VIP" dell'epoca), sono comunque derivate anche altre versioni, tra le quali sicuramente spiccano le cosiddette "335", realizzate per il Presidente della Repubblica Italiana ed ancora oggi utilizzate nelle grandi parate di Stato. Questa vettura fu progettata da Pinin Farina nel 1960 su richiesta del presidente della Repubblica Giovanni Gronchi e realizzata dai suoi migliori carrozzieri in quattro esemplari, chiamati rispettivamente Belsito, Belmonte, Belvedere e Belfiore; almeno due di essi sono tuttora usati come auto ufficiali dal Presidente della Repubblica, un terzo esemplare è stato donato al museo dell'automobile di Torino. La prima uscita ufficiale risale al 1961, in occasione della visita della Regina Elisabetta del Regno Unito.
Leggi la voce
 
 
Lamborghini Murcielago modificaLa biografia in evidenza

Walter Chrysler (Wamego, 2 aprile 1875 – Kings Point, 18 agosto 1940) è stato un imprenditore statunitense, fondatore della Chrysler e del Chrysler Group. Terzo figlio di Anna Maria Breymann ed Henry Chrysler, crebbe a Ellis, in Kansas, dove il padre lavorava nelle officine di riparazione della Union Pacific Railroad. La famiglia era di origini tedesche. In opposizione ai desideri paterni, iniziò egli stesso a lavorare come macchinista ferroviario, quindi come meccanico ferroviario, dimostrando una notevole attitudine alla meccanica. Ambizioso e di indole irrequieta, si spostò più volte, operando per diverse compagnie ferroviarie e costruendosi una reputazione di buon meccanico, esperto nella regolazione delle valvole dei motori a vapore. Il 7 giugno 1901 sposò Della Forker, che gli diede il primo figlio, Thelma Irene, nel febbraio 1902. Intanto la sua carriera procedeva e si ritrovò presto investito di ruoli di responsabilità.

Leggi la voce
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sulle personalità legate al mondo dei trasporti
 
 
Lamborghini Murcielago modificaI modelli d'automobile d'epoca
TricycleSerpollet.jpg
Peugeot Type 1 è il nome non ufficiale con cui si indica una vettura sperimentale a vapore su tre ruote, realizzata da Leon Serpollet nel 1889, in collaborazione con Armand Peugeot, e considerata perciò come la prima Peugeot della storia. La genesi di questo prototipo di vettura affonda le sue radici nei tentativi del francese Léon Serpollet di proporre una vettura in grado di muoversi senza bisogno di propulsione muscolare, come invece accadeva nel caso delle carrozze o delle biciclette. Si tratta in effetti di uno dei primi progetti di autovettura: in Francia stava diffondendosi il motore a vapore, mentre in Germania era in fase di studio il motore a combustione interna. La nascita di questa vettura vede inoltre i tentativi di Armand Peugeot di inserirsi in ogni settore della meccanica e della lavorazione dell'acciaio. La sua azienda, frutto di un'evoluzione secolare da parte dei suoi avi, stava andando a gonfie vele, grazie alla capacità imprenditoriale di Armand stesso e a suo tempo dei suoi genitori e nonni. Dopo aver cominciato con successo la produzione di biciclette, Armand cominciò ad interessarsi alla costruzione di un'autovettura, per vagliare eventuali possibilità di uno sbocco produttivo: all'epoca l'automobile era ancora solo nelle menti di pochi progettisti dalla mente più che brillante, per cui si andava a tentativi.
Leggi la voce
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sui modelli di automobile, raggruppate per nazionalità
 
 
Lamborghini Murcielago modificaLe case automobilistiche del passato
Delahaye.jpg
La Delahaye è stata una casa automobilistica francese attiva dal 1894 al 1954. La nascita della Delahaye si deve ad Emile Delahaye, che fondò la casa nella città francese di Tours. Le primissime vetture della casa francese, ancora rassomiglianti alle carrozze a cavallo, montavano motori monocilindrici o bicilindrici ed avevano un particolare cambio a cinghia e pulegge collegate tramite un albero al motore, una di queste era libera e si otteneva la posizione di folle e spostando la cinghia sulla seconda o terza puleggia si ottenevano i due rapporti di marcia mentre la trasmissione finale era a catena. Non si trattava di vetture rivoluzionarie, ma si fecero notare per la loro qualità costruttiva, partecipando tra l'altro alla, allora durissima, corsa Parigi-Marsiglia-Parigi del 1896. Per questi motivi l'azienda crebbe e nel 1898 venne trasferita a Parigi. Alla fine dell'Ottocento, però, per motivi mai chiariti, Emile Delahaye lasciò la conduzione dell'azienda, che passò così nella mani del Charles Weiffenbach, fino a quel momento ingegnere capo della casa. Quanto ad Emile Delahaye, si ritirò in una villa in Costa Azzurra, dove morì nel 1905. Nel 1935, la Delahaye acquistò il marchio Delage, che si trovava in crisi a causa della grande depressione di fine anni venti: in questo modo poté attingere dalle valide soluzioni tecniche della casa di Levallois che in passato le avevano fatto conquistare un'enorme fama in campo sportivo, e così anche la Delahaye poté togliersi alcune soddisfazioni in tal senso, per esempio al rally di Montecarlo del 1937 ed alla 24 Ore di Le Mans nel 1938. Artefice di tali successi fu soprattutto la Delahaye Type 135, proposta sia come vettura di lusso in svariate configurazioni, sia come vettura da competizione.
Leggi la voce
Gtk-go-forward-ltr.svg vedi altre voci sulle case automobilistiche del passato
 
 
Lamborghini Murcielago modificaI portali di Wikipedia collegati
 
 
Lamborghini Murcielago modificaIl progetto automobili
È attivo il progetto automobili, dove potete trovare tutte le informazioni sulle iniziative in corso, sulle ultime voci inserite e sulle indicazioni utili per la compilazione delle voci relative alle automobili.