Portale:Bangladesh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
National emblem of Bangladesh.svg Benvenuti
Portale del
Bangladesh
Panthera tigris tigris.jpgBD Dance.jpg


Portale Bangladesh
Flag of Bangladesh.svg
Il Bangladesh, ufficialmente Repubblica Popolare del Bangladesh, è uno stato dell'Asia. Spartisce i suoi confini terrestri su tutti i lati con l'India ad eccezione di un piccolo tratto con la Birmania nell’estremo sud-est. A sud è bagnato dal Golfo del Bengala. Assieme con lo stato indiano del Bengala Occidentale costituisce la regione etnico-linguistica del Bengala. Il nome Bangladesh significa "Paese del Bengala" in lingua ufficiale bengalese. Il Paese si estende su 147.570 km², e possiede una popolazione di 161 milioni di abitanti.
Geografia del Bangladesh

Geografia fisica

Immagine satellitare della regione geografica dove è localizzato il Bangladesh, con il delta del Gange e il Sundarbans.

Il Bangladesh si trova nella bassa terminale del sistema fluviale Gange-Brahmaputra, e più precisamente nella regione del delta del Gange. Questo delta è formato dalla confluenza dei fiumi Gange (nome locale Padma o Podda), Brahmaputra (Jamuna o Jomuna), e Meghna e dai rispettivi affluenti. Il Gange si unisce alla juana (canale principale del Brahmaputra) e più tardi si unisce con il Meghna prima di sfociare nel Golfo del Bengala. Il terreno alluvionale depositato da questi fiumi ha creato alcune delle più fertili pianure in tutto il mondo. Il Bangladesh ha 58 fiumi transfrontalieri (nella maggior parte dei casi con l’India), rendendo l'acqua una questione politicamente complicata da risolvere. La maggior parte del territorio del Bangladesh si trova a meno di 12 metri sopra il livello del mare, e si calcola che circa il 50% dei terreni verrebbero inondati se il livello del mare salisse di un metro.


Il punto più alto in Bangladesh viene toccato sulla catena dei Mowdok a 1.052 metri nei Chittagong Hill Tracts nel sud-est del paese. Una parte importante del litorale comprende una giungla paludosa, il Sundarbans, la più grande foresta di mangrovie del mondo e la patria di diverse specie di vita animale e vegetale, ivi compresa la tigre del Bengala. Nel 1997, questa regione è stata dichiarata a rischio.

Lingue e cultura

Lingue ufficiali: bengalese

  • Altre lingue: inglese · Chakma · assamese · Tippera · Hajong · A'Tong · Rakhine · Mizo · Marma

Religioni: La principale religione praticata in Bangladesh è l'Islam (89,7%), e una considerevole minoranza aderisce all’induismo (9,2%), il 3% sono sciiti e il restante ahmadiyya. Fra gli altri gruppi religiosi vi sono i buddisti (0,7%, per la maggior parte Theravada), cristiani (0,3%, per la maggior parte cattolici), e animisti (0,1%).

  • Il Bangladesh è il secondo paese al mondo per numero di fedeli musulmani (130 milioni), dopo l'Indonesia.
Sapevi che...

Il bengalese (nome nativo: bangla [বাংলা], in inglese: bengali) è una lingua indoeuropea della famiglia indoiraniana appartenente al gruppo indoario dell'Asia meridionale che si è evoluta come discendente dal sanscrito, dal pāli e dalle lingue pracrite. In bengalese la lingua stessa è chiamata Bāṇlā (pronuncia: 'baŋla), un termine che oggi è di ampia diffusione in inglese.

Il bengalese è originario della regione ....

Leggi l'articolo

In evidenza
Storica città-moschea di Bagerhat
La Città-moschea di Bagerhat è uno dei tre siti dichiarati Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO che si trovino in Bangladesh. Questa storica città è situata nel distretto di Bagerhat, nel sudest della nazione. Essa venne fondata dal generale turco Khan Jahan Ali agli inizi del XV secolo.

Originariamente Bagerhat era conosciuta col nome di Khalifatabad. Questa città è conosciuta nel mondo per l'alta concentrazione di monumenti islamici in generale e di moschee in particolare.

Nella citazione dell'UNESCO in occasione dell'inclusione di Bagerhat fra i Patrimoni dell'umanità, nel 1983, compaiono più di 50 monumenti, fra i quali Shat Gambuj Masjid, il Mausoleo di Kahn Jahan, le moschee di Singar, Bibi Begni, Reza Khoda e Zindavir.

Città principali

Testo in grassetto[[Chit amministrativa è situata presso la foce del fiume Karnafuli nel Golfo del Bengala. Seconda città del paese è ben collegata per strada, ferrovia e via fluviale alla capitale e grazie alla navigabilità del fiume è anche il maggior porto del Bangladesh (esportazioni di tè e iuta, importazioni di cereali e macchinari in genere). Chittagong conta numerose industrie favorite dall'energia prodotta da un'importante centrale idroelettrica sul fiume Karnafuli. Tra le più importanti ricordiamo quelle tessili (cotone e iuta), siderurgiche, chimiche (fertilizzanti), petrolchimiche, meccaniche, elettrotecniche, del cemento, della carta, alimentari e del tabacco.

La città era nota fin dai primi secoli dell'era cristiana ed ebbe un'importanza marinara considerevole. Grosso centro commerciale era frequentato da arabi, arakanesi e, in seguito, dai portoghesi. Passò sotto varie dominazioni finché nel 1760 il Nawab del Bengala la cedette alla Compagnia Inglese delle Indie Orientali.

Khulna (811.500 abitanti; 1.500.000 ab. l'agglomerato urbano) si trova su un ramo del delta del Gange a circa 130 km dalla capitale Dacca. È capoluogo dell'omonima Divisione amministrativa. È il più grande mercato agricolo della nazione per la produzione, lavorazione e commercio del riso ed inoltre per la canna da zucchero, lo iuta ed i semi oleosi.

Rajshahi (403.000 abitanti) è il capoluogo dell'omonima Divisione amministrativa ed è situata sulla riva sinistra del Gange vicino al confine con l'India. È un attivo mercato agricolo con industrie alimentari, meccaniche e del legno.

Sylhet (oltre 200.000 abitanti) sul fiume Surma a circa 185 km dalla capitale Dacca. Capoluogo dell'omonima Divisione amministrativa. Importante centro di raccolta e lavorazione del tè e del cotone conta anche alcune industrie alimentari e del legno.

Lista delle divisioni

Suddivisione amministrativa

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni del Bangladesh.
Le divisioni del Bangladesh

Il Bangladesh è diviso in 7 divisioni:

  • Barisal (বরিশাল Borishal)
  • Chittagong (চট্টগ্রাম Chôţţogram)
  • Dacca (ঢাকা Đhaka)
  • Khulna (খুকলনা Khulna)
  • Rajshahi (রাজশাহী Rajshahi)
  • Sylhet (সিলেট Sileţ)
  • Rangpur (রংপুর Rongpur)

Le divisioni sono a loro volta formate da distretti (zila) ulteriormente suddivisi in sottodistretti (upazila).

Storia del Bangladesh
Mappa della provincia del Bengala, 1893.
Ad essere rigorosi non si potrebbe parlare della storia del Bangladesh se non a partire dal 1971, data di nascita di questo stato per secessione dal Pakistan. D'altra parte non avrebbe senso analizzare la storia di questa repubblica se non a partire dalla comune storia di tutto il subcontinente indiano. Non si potrebbe capire il Bangladesh senza analizzare complessivamente la storia della (o forse sarebbe meglio dire delle) civiltà indiana.
Immagine in evidenza
Cox's Bazar,Bangladesh
Biografia in evidenza
Grameen Yunus Dec 04.jpg
Muhammad Yunus মুহাম্মদ ইউনূস (Chittagong, 28 giugno 1940) è un economista e banchiere bengalese. È ideatore e realizzatore del microcredito moderno, ovvero di un sistema di piccoli prestiti destinati ad imprenditori troppo poveri per ottenere credito dai circuiti bancari tradizionali. Per i suoi sforzi in questo campo ha vinto il premio Nobel per la pace 2006. Yunus è anche il fondatore della Grameen Bank, di cui è stato direttore dal 1983 al 2011.
Categorie di riferimento
Portali collegati
Portali dei paesi dell'Asia
Afghanistan · Armenia · Azerbaigian · Bangladesh · Birmania · Bhutan · Cambogia · Cina · Cipro · Corea · Corea del Nord · Corea del Sud · Filippine · Georgia · Giappone · India · Iran · Israele · Kazakistan · Kirghizistan · Libano · Maldive · Mongolia · Pakistan · Russia · Tagikistan · Turchia · Turkmenistan · Uzbekistan · Vietnam
Altri continenti
AfricaAntartideArtideEuropaOceania