Portale:Charles Dickens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Dickens 1868.jpg

"Dickens narra con tale precisione, con tale minuziosità, da costringerci a seguire il suo sguardo
ipnotizzante. Non aveva lo sguardo magico di Balzac [...], ma uno sguardo tutto terreno, uno
sguardo da marinaio, da cacciatore, uno sguardo di falco per le piccole cose umane. – Ma sono le piccole cose – disse egli una volta – che formano il senso della vita."
Stefan Zweig
Benvenuto
Planisphæri cœleste.jpg
Benvenuti nel Portale Charles Dickens, dedicato a questo famosissimo autore inglese, che si propone di illustrare come in una mappa, in modo esauriente ma al contempo interessante le informazioni di Wikipedia riguardanti la sua vita, le sue opere e i loro principali illustratori, la relativa critica e i film tratti da esse. Le sezioni della colonna destra, che cambiano giornalmente, contengono immagini, citazioni, curiosità e voci sui suoi principali romanzi.
Buona esplorazione e buon divertimento!

Charles Dickens
Charles Dickens - Project Gutenberg eText 13103.jpg

Charles Dickens fu uno scrittore inglese nato a Landport nel 1812 e morto nel 1870 a Gad's Hill, nel Kent. Considerato uno dei maggiori autori inglesi del suo secolo, egli è ritenuto dalla critica il "fondatore" del romanzo sociale, ovvero che tratteggia la vita dei ceti sociali economicamente svantaggiati e denuncia situazioni di sopruso e pregiudizio, per la creazione del quale "unì" due correnti narrative dell'Ottocento, ovvero quella picaresca, utilizzata da scrittori come Henry Fielding e Daniel Defoe, e quella più romakkncdcnowrconrntica e sentimentale, cui aderì, per esempio, Laurence Sterne. Per ciò che riguarda la biografia, è ritenuta determinante nelle sue opere la permanenza della sua famiglia nel carcere per debitori della Marshalsea: infatti suo padre, un impiegato con abitudini superiori ai suoi guadagni, vi fu rinchiuso nel 1824 e solo il piccolo Dickens non lo seguì, essendo stato costretto ad interrompere gli studi per lavorare in una fabbrica di lucido da scarpe; questa combinazione di avvenimenti impresse su di lui un profondo segno, che si ritrova in alcuni suoi romanzi: ad esempio, in La piccola Dorrit, i famigliari della protagonista vivono fra le sbarre da talmente tanto tempo che il suo genitore è chiamato Padre della Marshalsea, mentre in David Copperfield, romanzo parzialmente autobiografico, David lavora per un certo periodo in un'industria, costretto dal malvagio patrigno Murdstone ad appiccicare etichette sulle bottiglie prodotte dalla sua ditta.

Opere
Personaggi
Gli illustratori
Edifici e musei
Avvenimenti

L'incidente ferroviario di Staplehurst è stato un incidente ferroviario accaduto a Staplehurst, nella regione inglese del Kent, che ebbe luogo il 9 giugno 1865 e nel quale persero la vita dieci passeggeri e quaranta restarono feriti. Viene principalmente ricordato poiché coinvolse anche Charles Dickens (che fortunosamente scampò al disastro), il quale viaggiava in un vagone di prima classe di ritorno da un viaggio in Francia, assieme alla sua compagna Ellen Ternan e alla madre di lei.

Nel cinema e nella televisione

Su Il Circolo Pickwick: Il Circolo Pickwick, sceneggiato televisivo in 6 puntate.


Su Nicholas Nickleby: Nicholas Nickleby (film del 2002).


Su Oliver Twist: Le avventure di Oliver Twist (film del 1948) · Oliver & Company, film d'animazione Disney del 1988 · Scodinzola la vita e abbaia l'avventura con Oliver (serie televisiva animata del 1997-1998) · Oliver Twist, film del 2005 diretto da Roman Polanski.


Su La bottega dell'antiquario: La piccola Nell (manga del 1979).


Su Grandi speranze : Grandi speranze, film del 1946 · Grandi speranze, film del 2012


Su David Copperfield: Davide Copperfield (film del 1935).


Su Canto di Natale: Canto di Natale di Topolino, cortometraggio del 1983. A Christmas Carol, (film d'animazione 3D Disney del 2009), diretto da Robert Zemeckis

Charles Dickens sulla Rete
Altre immagini

Caricature, immagini di famiglia, di abitazioni, di illustratori, festival e altro.


Stamp in The Centenary Edition of The Works of Charles Dickens in 36 Volumes. 36 vols. Chapman & Hall, Ltd.- London (and Charles Scribner’s Son- New York), 1910-1912 rotated.jpg
Francobollo per il centenario della nascita (1912).

Svuota le chace di questa pagina per vedere correttamente le sezioni sottostanti

Immagine del giorno

Dolly Varden by William Powell Frith.jpg
Dipinto ad olio di William Powell Frith (1842)
ispirato ad un persoanggio di Barnaby Rudge.
Voce del giorno
  • Martin Chuzzlewit è un romanzo di Charles Dickens pubblicato fra il 1843 e il 1844. Il romanzo, diviso in 54 capitoli, fu stampato presso l'editore Chapman & Hall, di Londra, con illustrazioni di Phiz, uno dei più importanti disegnatori delle opere di Dickens; come quasi tutte le opere di Dickens, esso fu pubblicato in 19 rate mensili costanti ognuna uno scellino e composte di 32 pagine di testo (salvo l'ultima parte, di doppia lunghezza).
    Il romanzo contiene numerosi attacchi nei confronti degli Stati Uniti, il viaggio nel quale Stato deluse notevolmente Dickens: gli Americani sono visti come truffatori, ipocriti, venali e superbi. La stampa è vista come bugiarda e piena di "errori" dovuti alle pessime intenzioni di redattori e giornalisti e a Mark Tapley e Martin Chuzzlewit junior viene rifilato un terreno di nome "Eden", che in realtà è infestato dalla malaria. La Repubblica è descritta come "mutilata e zoppa, piena di piaghe e ulcere, falsa illusione per ciò che riguarda gli occhi e quasi senza speranza per il senso, al punto che i suoi che i suoi migliori "amici" girano la testa da questa ripugnante creatura con disgusto". L'autore attacca anche l'istituzione della schiavitù in America, con le seguenti parole: "così le stelle ammiccano alle sanguinose strisce e la Libertà si cala il suo berretto sugli occhi".
Di Charles Dickens hanno detto...

Dell'autore:

« Dickens era un puro innovatore - un progressista per eccellenza - e non aveva alcun rimpianto delle epoche passate, ad eccezione forse di una sorta di sentimentalismo per le torri delle cattedrali. Era all'oscuro del terribile potere della superstizione - era essenzialmente un direttore di scena, la metteva in scena per provocare reazioni nel pubblico. Il suo Natale significava vischio e pudding - non la resurrezione dai morti, né la nascita di nuove stelle, né l'insegnamento di saggi o di pastori. »
(John Ruskin)

Delle opere:

« Barnaby Rudge è un romanzo storico impeccabile. »
(Algernon Swinburne)
« Non si può non apprezzare nel romanzo Barnaby Rudge una indubbia drammaticità, [...] una certa satira di alcune associazioni più o meno segrete e più o meno totalitarie e dei loro convegni e un lodevolissimo sforzo di rendere il colore dell'epoca. »
(Fernanda Pivano, prefazione all'edizione Einaudi)
... e Charles Dickens ha detto...
  • Barnaby Rudge
Curiosità del giorno

Lo sapevi che...

Negli altri progetti
Non sai cosa fare?

Pagine da creare:
PERSONAGGI = Mr. Brownlow (da "Oliver Twist"); Sam Weller (da "Il Circolo Pickwick")
OPERE = .
Pagine da ampliare:
OPERE = Racconto di due città - Casa desolata - Nicholas Nickleby - Le campane - Il patto col fantasma.
BIOGRAFIE= Charles Dickens
ALTRO = Marshalsea.
N.B. Per la stesura della presente sezione è stata usata come rifermento la Categoria su Charles Dickens della Wikipedia inglese, che può comunque presentare varie mancanze: chi trovasse altre voci importanti da creare e/o ampliare non esiti a inserirle.