Portale:Stato Pontificio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Portale Stato Pontificio
Karte kirchenstaat.jpg

Lo Stato Pontificio (o Stato della Chiesa o Stati della Chiesa o Stati Pontifici) è il nome di un'entità statuale storica assunta dai territori sottoposti al potere temporale dei papi. Iniziò a conformarsi fin da epoca bizantina (attorno al VII secolo), allorquando, colla costituzione del ducato romano, la figura del papa venne prima ad affiancarsi, poi a sostituirsi, a quella del dux di nomina imperiale nella guida di tale entità territoriale. La Donazione di Sutri (728), la Promissio carisiaca (754) e la Constitutio romana (824) furono altrettante pietre miliari nella genesi dello Stato Pontificio che da semplice proprietà privata di carattere fondiario della Chiesa si trasformò in uno degli organismi politici più influenti e prestigiosi d'Europa. La proiezione internazionale di tale Stato in epoca medievale e nei primi due secoli dell'età moderna andò ben oltre gli angusti limiti territoriali che il destino gli aveva assegnato. Il Regno d'Inghilterra, il Regno del Portogallo, la Corona d'Aragona, il Regno di Napoli e il Regno d'Ungheria furono suoi vassalli e re e imperatori dovettero prostrarsi talvolta al cospetto del suo sovrano carismatico, il Papa. Dopo oltre mille anni di esistenza lo Stato Pontificio si dissolse nel 1870, a seguito dell'annessione dei suoi ultimi lembi di territorio, Roma e il Lazio, al nascente Regno d'Italia.


Vetrina
Chiesa Santa Maria della Rotonda.JPG

Il Santuario di Maria Santissima della Rotonda (anticamente noto come Santa Maria Maggiore, Παναγιοτ[ητης] Θεοτοκου Ρουτ[ουνδης] in greco antico, 'a Ritonna in dialetto albanense) è un importante santuario mariano del Lazio, situato nella città di Albano Laziale, in provincia di Roma, nell'area dei Castelli Romani.

Il santuario occupa un antico edificio rotondo di costruzione romana risalente al I secolo, ricollegabile alla villa di Domiziano a Castel Gandolfo, che fu anticamente un ninfeo o secondo altre ipotesi, un tempio. L'edificio venne convertito ad uso cristiano all'epoca di Costantino il Grande o nel periodo tra il IX e l'XI secolo.

Probabilmente gestito nei primi secoli della sua esistenza da religiosi di rito greco, fu retto da suore agostiniane dal Trecento fino al 1444, e venne in seguito assegnato ai religiosi girolamini della basilica dei Santi Bonifacio ed Alessio all'Aventino in Roma, che lo tennero fino al 1663, anno in cui il santuario fu acquistato dalla diocesi suburbicaria di Albano allo scopo di installarvi il seminario vescovile. Tra il 1708 ed il 1799 la direzione del seminario e del santuario passò ai padri Scolopi. Da allora, il santuario è di proprietà diocesana ed è aggregato alla parrocchia della basilica cattedrale di San Pancrazio. Oggi è schedato tra i monumenti architettonici tutelati del Lazio.


Immagine in evidenza
I fratelli de charette de la contrie detti i moschettieri del papa.jpg
Credit: commons:User:Matteo mondelli
I fratelli de Charette (volontari pontifici).


Sapevi che...
Lotario I

La Constitutio romana, nota anche come Constitutio Lotharii, è uno statuto, emanato il giorno 11 novembre dell'824 da Lotario I, sovrano del Regnum Italiae e coimperatore per volontà di suo padre Ludovico il Pio, mediante il quale venivano regolate le relazioni fra l'Impero carolingio, il papato, e i sudditi di Roma e degli altri territori appartenenti al nascente Stato Pontificio. La Constitutio romana fu ratificata da Papa Eugenio II nell'anno 826, in occasione di un sinodo lateranense.


Storia


Organizzazione


Economia
Portali collegati


Progetti

Il Progetto:Storia/Stato Pontificio è il punto di ritrovo per tutti coloro che collaborano alle voci riguardanti lo Stato Pontificio. Per effettuare segnalazioni, richieste, suggerimenti e quant'altro, si può lasciare un messaggio presso La Taverna dei Papi.

Fra gli altri principali progetti collegati segnaliamo:


Novità


Biografia in evidenza
Il cardinale Giulio Alberoni

Giulio Alberoni (Piacenza, 21 maggio 1664Piacenza, 26 giugno 1752) è stato un cardinale e politico italiano al servizio di Filippo V di Spagna. Tornato in Italia ricoprì importanti incarichi nell'amministrazione pontificia, fra cui quello di legato in Romagna. In questa veste prese parte attiva all'occupazione militare di San Marino, evento che da lui prese il nome (Occupazione alberoniana)

Di umili origini, lavorò come bracciante o giardiniere fino all'età di quindici anni. Ebbe i primi contatti con la Chiesa nell'umile posizione di incaricato alla cura degli interni della cattedrale di Piacenza, tra l'altro si occupava anche delle campane della cattedrale. Svolgendo questo incarico, si guadagnò il favore del vescovo Barni che gli permise di prendere i voti sacerdotali e lo associò, come canonico al capitolo della cattedrale (1698).

Durante la guerra di successione spagnola, grazie ai servigi che rese a Luigi-Giuseppe di Vendôme comandante delle forze francesi in Italia, l'Alberoni gettò le fondamenta del suo successo politico. Quando questi, nel 1706, venne richiamato a Parigi, volle che il prelato lo seguisse. Qui venne favorevolmente ricevuto da Luigi XIV ed il duca si avvalse spesso dei suoi talenti negli affari più importanti.

Nel 1711 seguì il Vendôme in Spagna come suo segretario, e lo aiutò a riportare sul trono spagnolo Filippo V. Dopo la morte del duca, avvenuta nel 1712, la sua reputazione gli valse la nomina ad agente consolare del Ducato di Parma alla corte di Spagna, dove, presto, divenne uno dei favoriti del re.


Citazioni
  • "Io non sono profeta, né figlio di profeta, ma in realtà vi dico che non entrerete in Roma, e se entrerete non vi resterete". -- Pio IX, 11 settembre 1870


In evidenza


Categorie di riferimento