Prosopis pallida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Prosopis pallida
Prosopis pallida presso le Hawaii
Prosopis pallida sull'isola Kahoolawe, nelle Hawaii.
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fabales
Famiglia Mimosaceae
Tribù Mimoseae
Genere Prosopis
L.
Specie P. pallida
Classificazione APG
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Mimosoideae
Tribù Mimoseae
Nomenclatura binomiale
Prosopis pallida
(Humb. & Bonpl. ex Willd.) Kunth[1], 1823
Sinonimi

Acacia pallida[1] Humb. & Bonpl. ex Willd., 1806
Mimosa pallida[2] Poir., 1810
Prosopis limensis[2] Benth., 1841

Nomi comuni

algarrobo pallido, huarango, kiawe

La Prosopis pallida è una specie arborea appartenente al genere Prosopis, originaria dell'America meridionale. In particolare, occupa un habitat desertico in prossimità della costa pacifica del Perù, dell'Equador e della Colombia.

È nota con il nome comune in spagnolo di algarrobo pallido.[3] Sono inoltre diffusi i nomi locali di huarango o guarango in Perù[4] e kiawe nelle Hawaii.[5]

Descrizionemodifica | modifica wikitesto

Portamentomodifica | modifica wikitesto

L'algarrobo ha portamento arboreo, raggiungendo un'altezza compresa tra 8 e 20 m. Nelle zone aride, tuttavia, può presentare anche portamento arbustivo.

Cortecciamodifica | modifica wikitesto

La corteccia può presentare spine, la cui lunghezza non supera i 4 cm.

Fogliemodifica | modifica wikitesto

Spine e foglie.

Ha foglie bipennate. Di colore grigio-verde quando essiccate, hanno originato l'aggettivo pallido che contraddistingue la specie all'interno del suo genere.[3]

Fiorimodifica | modifica wikitesto

Fiori.

Presenta un'infiorescenza a racemo, di colore giallo-verde.

Fruttimodifica | modifica wikitesto

Baccelli.

Il frutto è un legume, contenente numerosi semi bruni, ricoperti da un tegumento di colore giallo quando maturo.

Distribuzione e habitatmodifica | modifica wikitesto

L'habitat originario della specie è rappresentato dalle praterie aride e semi-aride della costa pacifica del Perù, dell'Equador e della Colombia.[3]

Sebbene siano stati attivati progetti di conservazione dello huarango, volti a contrastare la distruzione delle foreste nella regione di Ica del Perù e della nicchia ecologica che esse costituiscono,[4] la specie non è a rischio.

In seguito all'introduzione da parte dell'uomo, l'algarrobo si è naturalizzato a Porto Rico, nelle Hawaii (1828 o 1838) e in Australia (circa 1900). Nell'arcipelago statunitense e nelle regioni settentrionali del continente oceanico, in particolare, è divenuto invasivo. Per questa ragione, è considerato nocivo nei due paesi.[3]

Usimodifica | modifica wikitesto

L'algarrobo contrasta efficacemente l'erosione e per questa ragione fu introdotto in Australia.[3] Nel suo habitat naturale svolge un importante ruolo ecologico, raccogliendo umidità e portandola in superficie, permettendo, in tal modo, ad altre specie animali di sopravvivere in zone altrimenti desertiche. È inoltre sfruttato dalla popolazione locale come legname da ardere.[4]

I semi sono commestibili e sono utilizzati in Perù nella preparazione dell'algarrobina.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b (EN) Mimosaceae Prosopis pallida, IPNI. URL consultato il 6 novembre 2016.
  2. ^ a b (EN) Prosopis pallida, The Plant List, 2013. URL consultato il 6 novembre 2016.
  3. ^ a b c d e [CABI, Invasive Species Compendium CABI, Invasive Species Compendium] . URL consultato il CABI. , 2012.
  4. ^ a b c (EN) Conservation and sustainable use of Huarango forests in Peru - environment and background, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 6 novembre 2016.
  5. ^ (ES) Lorenzo Basurto Rodriguez, Algarrobo, taninos.tripod.com. URL consultato il 6 novembre 2016.

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

  • (EN) Prosopis pallida (mesquite), in Invasive Species Compendium, CABI, 7 settembre 2012 (ultimo aggiornamento). URL consultato il 7 novembre 2016.
Piante Portale Piante: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di piante