Referendum costituzionale del 2017 in Turchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Referendum costituzionale del 2017 in Turchia
Stato Turchia Turchia
Data 16 aprile 2017
Tipo costituzionale
Esito
  
51,41%
No
  
48,59%
Yes check.svg quorum raggiunto
(affluenza: 85,32%)
Risultati per province
Turkish constitutional referendum 2017.png

Il referendum costituzionale del 2017 in Turchia è una consultazione popolare tenutosi il 16 aprile 2017 che riguarda l'approvazione di una serie di 18 emendamenti alla costituzione turca proposti dal partito islamico-conservatore al governo AKP (Partito per la Giustizia e lo Sviluppo) in accordo con il partito di estrema destra all'opposizione MHP (Partito del Movimento Nazionalista).[1]

Se il referendum fosse approvato, l'ufficio di Primo Ministro sarebbe abolito e il sistema parlamentare di governo sarebbe sostituito da un sistema di tipo presidenziale.[2] Il numero dei seggi del parlamento — chiamato Grande Assemblea — sarebbe aumentato da 550 a 600 mentre al presidente sarebbero garantiti maggiori poteri, in particolare sulla Corte costituzionale, sul parlamento e sul Supremo Consiglio dei Giudici e dei Procuratori (HSYK), l'organo di autogoverno della magistratura turca.[3][4] Di fatto il nuovo presidente può nominare ministri e alti funzionari, sciogliere il parlamento, dichiarare lo stato d’emergenza, emanare decreti e nominare 12 giudici su 15 della Corte costituzionale.[5]

I sostenitori del «sì» (in turco evet) sostengono che le riforme sono necessarie per garantire stabilità politica alla Turchia, argomentando che solo con un sistema presidenziale si possa porre fine agli instabili governi di coalizione che hanno caratterizzato il Paese dagli anni sessanta sino al 2002. I sostenitori del «no» (in turco hayir) sostengono — al contrario — che con tali modifiche costituzionali il potere sia troppo concentrato nelle mani del futuro presidente, portando l'ordinamento turco ad una deriva autoritaria.[5][6] Le formazioni presenti in Parlamento contrarie ai cambiamenti introdotti dal referendum sono il partito laico e di centro-sinistra CHP (Partito popolare repubblicano) e il partito di sinistra e filo-curdo HDP (Partito democratico dei popoli).[7]

Il referendum si è tenuto durante un periodo di stato di emergenza, dichiarato dal presidente Erdoğan subito dopo il fallito colpo di Stato del luglio 2016.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Contesto precedentemodifica | modifica wikitesto

Il simbolo dell'MHP, la formazione di estrema destra all'opposizione che sostiene — assieme ad Erdoğan — la necessità di un sistema di tipo presidenziale.[8]

L'introduzione di un sistema presidenziale fu proposta — per la prima volta — dall'allora ministro della Giustizia Cemil Çiçek (AKP) e sostenuta dall'allora primo ministro Erdoğan nel 2005.[9]

Da allora, il sistema presidenziale è stato apertamente sostenuto più volte dai leader dell'AKP, insieme all'idea di scrivere una «nuova costituzione». In particolare, dopo le elezioni del novembre 2015, un alto dirigente del partito affermò:[10]

« Cambieremo la Costituzione: vogliamo una Carta più civile e democratica. [...] sicuramente faremo una riforma che potrà dare più poteri al Presidente. Un sistema presidenziale che chiameremo ‘modello turco’. Non prenderemo spunti da altri sistemi presidenziali, in altri Paesi. Ma faremo, come dei sarti, un sistema presidenziale su misura per la nostra amata Turchia. »

Nel 2016 fece scalpore la dichiarazione del presidente Erdoğan secondo cui non esiste un modello unico di sistema presidenziale ma:[11][12][13]

« [...] ci sono esempi diversi in tutto il mondo. Ci sono anche esempi del passato. Quando guardate alla Germania di Hitler - ha aggiunto - lo vedete. E ci sono altri esempi in altri Paesi. »

In seguito la presidenza turca scrisse una nota per scusarsi ufficialmente della precedente dichiarazione.[11][13]

Poco tempo dopo il leader del partito di estrema destra MHP sollecitò Erdoğan ad approvare una riforma costituzionale che trasformasse il sistema parlamentare in sistema presidenziale, principalmente al fine di garantire stabilità politica alla Turchia.[14] Il sostegno di questo partito è fondamentale per l'AKP di Erdoğan che — da solo — non raggiunge la soglia minima di voti in Parlamento (330) per sottoporre le eventuali modifiche costituzionali a referendum.[8]

Le 21 modifiche costituzionalimodifica | modifica wikitesto

Il 10 dicembre 2016, l'AKP e il MHP elaborano un documento contenente ventuno proposte di emendamenti alla Costituzione e cominciano a raccogliere le firme necessarie per fa iniziare la procedura prevista per le riforme della Costituzione. Le proposte iniziali erano le seguenti:[15][16]

PROPOSTA DI RIFORMA COSTITUZIONALE
# Articolo Descrizione analitica delle modifiche
1 Articolo 9 La magistratura è tenuta ad agire in condizioni di imparzialità.
2 Articolo 75 Il numero di seggi nel parlamento aumenta da 550 a 600.
3 Articolo 76 L'età minima per candidarsi ad un elezione scende da 25 anni a 18 anni. È abolito l'obbligo di aver completato il servizio militare obbligatorio per i candidati. Gli individui con rapporti militari sono ineleggibili e non possono partecipare alle elezioni.
4 Articolo 78 La legislatura parlamentare è estesa da 4 a 5 anni. Le elezioni parlamentari e presidenziali si tengono nello stesso giorno ogni 5 anni. Per le presidenziali è previsto un ballottaggio se nessun candidato ha ottenuto la maggioranza assoluta al primo turno.
5 Articolo 79 Vengono istituite le regole per i cd. «parlamentari di riserva», che vanno a sostituire i posti dei deputati rimasti vacanti.
6 Articolo 87 Le funzioni del Parlamento sono: a) approvare, cambiare e abrogare le leggi; b) ratificare le convenzioni internazionali; c) discutere, approvare o respingere il bilancio dello Stato; d) nominare 7 membri del Supremo Consiglio dei Giudici e dei Pubblici Ministeri; e) usare tutti gli altri poteri previsti dalla Costituzione.
7 Articolo 98 Il parlamento monitora il governo e il vicepresidente con ricerche parlamentari, indagini parlamentari, discussioni generali e domande scritte. L'istituto dell'interpellanza è abolito e sostituita con le indagini parlamentari. Il vicepresidente deve rispondere alle domande scritte entro 15 giorni.
8 Articolo 101 Per candidarsi alla presidenza, un individuo deve ottenere l'approvazione di uno o più soggetti che hanno ottenuto il 5% o più nelle elezioni parlamentari precedenti e di 100.000 elettori. Il presidente eletto non è obbligato a interrompere la sua appartenenza a un partito politico.
9 Articolo 104 Il presidente diventa sia il capo dello Stato che capo del governo, con il potere di nominare e rimuovere dall'incarico i ministri e il vicepresidente. Il presidente può emettere «decreti esecutivi». Se l'organo legislativo fa una legge sullo stesso argomento di un decreto esecutivo, quest'ultimo diventerà invalido, mentre la legge parlamentare entrerà in vigore.
10 Articolo 105 Il Parlamento può proporre un'indagine parlamentare nei confronti del Presidente con la maggioranza assoluta (301). La proposta va discussa per 1 mese, per poi essere aperta con l'approvazione di 3/5 (360) dei deputati (votazione segreta). Concluse le indagini, il parlamento può mettere in stato di accusa il presidente con l'approvazione dei 2/3 (400) dei parlamentari (votazione segreta).
11 Articolo 106 Il Presidente può nominare uno o più Vicepresidenti. Se la Presidenza si rende vacante, le elezioni presidenziali devono svolgersi entro 45 giorni. Se le future elezioni parlamentari si dovessero svolgere entro un anno, anch’esse si svolgono lo stesso giorno delle elezioni presidenziali anticipate. Se la legislatura parlamentare termina dopo più di un anno, allora il neo-eletto presidente serve fino alla fine della legislatura, al termine della quale si svolgono sia le elezioni presidenziali che parlamentari. Questo mandato non deve essere contato per il limite massimo di due mandati del presidente. Le indagini parlamentari su possibili crimini commessi dai Vice Presidenti e ministri possono iniziare in Parlamento con il voto a favore di 3/5 deputati. A seguito del completamento delle indagini, il Parlamento può votare per incriminare il Vice Presidente o i ministri, con il voto a favore di 2/3 a favore. Se riconosciuto colpevole, il Vice Presidente o un ministro in questione viene rimosso dall'incarico solo qualora il suo crimine è uno che li escluderebbe dalla corsa per l'elezione. Se un deputato viene nominato un ministro o vice presidente, il suo mandato parlamentare termina immediatamente.
12 Articolo 116 Il Presidente o 3/5 del Parlamento possono decidere di rinnovare le elezioni politiche. In tal caso, il Presidente decade dalla carica e può essere nuovamente candidato. Le nuove elezioni saranno sia presidenziali che parlamentari.
13 Articolo 119 La possibilità del presidente di dichiarare lo stato di emergenza è ora oggetto di approvazione parlamentare per avere effetto. Il Parlamento può estendere la durata, accorciarla o rimuoverla. Gli stati di emergenza possono essere estesi fino a quattro mesi tranne che durante la guerra, dove non ci saranno limitazioni di prolungamento. Ogni decreto presidenziale emesso durante uno stato di emergenza necessita dell'approvazione del Parlamento.
14 Articolo 123 Il presidente ha il diritto di stabilire le regole e le procedure in materia di nomina dei funzionari dipendenti pubblici.
15 Articolo 126 Il Presidente ha il diritto di nominare alcuni alti funzionari amministrativi.
16 Articolo 142 Il numero dei giudici nella Corte costituzionale scende da 17 a 15. Quelli nominati dal presidente scendono da 14 a 12, mentre il Parlamento continua a nominarne 3. I tribunali militari sono aboliti a meno che non vengono istituiti per indagare sulle azioni dei soldati compiute in guerra.
17 Articolo 159 Il Supremo Consiglio dei Giudici e dei Pubblici Ministeri viene rinominato in "Consiglio dei Giudici e dei Pubblici Ministeri". I membri sono ridotti da 22 a 13, e i dipartimenti giudiziari scendono da 3 a 2: quattro membri sono nominati dal Presidente, sette dal parlamento, gli altri 2 membri sono il ministro della giustizia e il sottosegretario del Ministero della giustizia. Ogni membro nominato dal parlamento viene eletto in due turni: nel primo necessita dell'approvazione dei 2/3 dei parlamentari, al secondo dei 3/5.
18 Articolo 161 ll presidente propone il bilancio dello Stato al Grande Assemblea 75 giorni prima di ogni nuova sessione annuale di bilancio. I membri della Commissione parlamentare del Bilancio possono apportare modifiche al bilancio, ma i parlamentari non possono fare proposte per cambiare la spesa pubblica. Se il bilancio non viene approvato, verrà proposto un bilancio provvisorio. Se nemmeno il bilancio provvisorio non approvato, il bilancio dell'anno precedente sarà stato utilizzato con il rapporto incrementale dell'anno precedente.[17]
19 Diversi articoli Adattamento di diversi articoli per il passaggio dei poteri esecutivi dal governo al presidente.
20 Temporaneo articolo 21 Le prossime elezioni presidenziali e parlamentari si terranno il 3 novembre 2019. L'elezione del Supremo Consiglio dei Giudici e dei Pubblici Ministeri avverrà entro 30 giorni dall'approvazione della presente legge. I tribunali militari sono aboliti con l'entrata in vigore della legge.
21 Diversi articoli Gli emendamenti 2, 4 e 7 entreranno in vigore dopo nuove elezioni, gli altri emendamenti (tranne quelli temporanei) entreranno in vigore con il giuramento del nuovo presidente.

Il passaggio alla Commissione costituzionale parlamentaremodifica | modifica wikitesto

Il partito AKP presenta il testo di riforma costituzionale al Presidente del parlamento, nel dicembre 2016.

Dopo aver raccolto le firme dei 316 deputati dell'AKP,[18] le ventuno proposte di modifica della Costituzione furono sottoposte al Presidente del parlamento (Speaker) e furono consegnate alla Commissione costituzionale parlamentare.[19][20]

La commissione — presieduta dal deputato dell'AKP Mustafa Şentop — cominciò ad analizzare le proposte nel dicembre 2016 (anticipando il proprio lavoro rispetto alla già decisa data di gennaio 2017). Tale commissione era formata da 15 deputati dell'AKP, 5 deputati del CHP, 3 deputati dell'HDP e 2 deputati del MHP, rispecchiando "in piccolo" le proporzioni tra le forze politiche del parlamento. Secondo alcuni media turchi, la composizione dell'organismo — pesantemente a favore dell'AKP — avrebbe messo in sicurezza l'approvazione di tutti gli articoli della riforma.[21] Il dibattito in commissione è stato comunque molto acceso, con forti scontri occasionali tra i parlamentari.[22]

La Commissione costituzionale parlamentare in riunione per esaminare le 21 proposte di riforma della Costituzione.

La commissione ha il potere di approvare, modificare o respingere le proposte di riforma costituzionale prima di sottoporle al voto del parlamento, svolgendo de facto una funzione di "filtro".[23] Durante la discussione vennero respinte totalmente la proposta numero 5 (i cd. «parlamentari di riserva»), la numero 14 (poteri del presidente in materia di nomina di funzionari pubblici) e la numero 15 (potere del presidente in materia di nomina di alti funzionari amministrativi).[24][25][26][27]

Il 30 dicembre 2016 la commissione ha approvato definitivamente il testo di 18 punti da sottoporre al voto parlamentare.[28]

Risultato della discussione in Commissione costituzionale parlamentare
Proposta 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21
Risultato ✔ ✔ ✔ ✔ ✘ ✔ ✔ ✔ ✔ ✔ ✔ ✔ ✔ ✘ ✘ ✔ ✔ ✔ ✔ ✔ ✔

Voto parlamentaremodifica | modifica wikitesto

I deputati del parlamento turco durante le votazioni sugli articoli della riforma costituzionale.

Dopo l'approvazione da parte della Commissione costituzionale parlamentare, le 18 proposte di riforma costituzione furono presentate al parlamento per la loro ratificazione. Secondo la costituzione le regole delle votazioni sono le seguenti:[29]

  • le proposte votate con una maggioranza dei 3/5 (e quindi 330 deputati) sono sottoposte a referendum popolare confermativo;
  • le proposte votate con una maggioranza dei 2/3 dei voti (e quindi 367 deputati) entrano immediatamente in vigore.

Il partito AKP dichiarò ufficialmente che le proposte sarebbero state sottoposte comunque a referendum (anche se la maggioranza dei 2/3 dei voti fosse stata raggiunta).[30]

Secondo la costituzione la procedura da seguire è la seguente:[29]

  1. Viene prevista una prima votazione, con cui si votano singolarmente gli articoli della riforma costituzionale, con la possibilità — per tutti i partiti del parlamento — di proporre emendamenti;
  2. Con una seconda votazione i partiti non possono più proporre emendamenti. Si votano gli articoli della riforma che hanno ottenuto la maggioranza al primo voto. Le proposte devono ottenere almeno 330 voti (per poter essere sottoposte a referendum) oppure almeno 367 (per l'immediata entrata in vigore);
  3. Viene prevista una votazione finale che verte sull'intera riforma costituzionale. Le maggioranze sono le stesse della seconda votazione. L'intero processo si arresta se durante la votazione finale le proposte non vengono approvate almeno da 330 deputati.

Dei 550 deputati del parlamento, i deputati dichiarati «non abilitati al voto» furono:

  • 11 parlamentari dell'HDP — tra cui i due co-leader Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ — che vennero arrestati un mese prima delle votazioni con l'accusa di terrorismo, e quindi non poterono partecipare più all'attività parlamentare. I restanti 48 deputati del partito scelsero di boicottare il voto in solidarietà con i colleghi, dopo che una loro mozione per farli partecipare comunque al voto fu respinta;[31][32][33]
  • il Presidente del Parlamento (in turco Türkiye Büyük Millet Meclisi) İsmail Kahraman, membro dell'AKP, che — in virtù del suo ruolo — non prende mai parte alle votazioni, nè ad altre iniziative politiche, e quindi non viene mai conteggiato per tali scopi. Durante le votazioni venne ricoverato in ospedale e non poté presiedere la seduta.
  • Il vicepresidente del parlamento Ahmet Aydın (AKP) che sostituì il presidente nella gestione delle sedute, e quindi non poté partecipare alle votazioni.

Dei 537 deputati dichiarati «abilitati al voto» vi erano:

  • 315 deputati dell'AKP (schierati per il «sì»)
  • 133 deputati del CHP (schierati per il «no»);
  • 48 deputati del HDP(decisi a boicottare il voto);
  • 39 deputati del MHP (di cui 33 schierati per il «sì» e 6 schierati per il «no»);
  • 2 deputati indipendenti (schierati per il «no»).
Distribuzione teorica dei voti in base alle dichiarazioni dei partiti
Partito Leader Posizione Totale

deputati

Abilitati al voto Votanti SI Votanti NO Rappresentazione grafica
AKP Partito per la Giustizia e lo Sviluppo Binali Yıldırım ✔ SI 317 315 315 0 senza cornice
CHP Partito Popolare Repubblicano Kemal Kılıçdaroğlu ✘ NO 133 133 0 133
MHP Partito del Movimento Nazionalista Devlet Bahçeli ✔ SI 39 39 33 6
HDP Partito Democratico dei Popoli Selahattin Demirtaş / Figen Yüksekdağ ✘ NO 59 48 Boicottaggio
Indipendenti ✘ NO 2 2 0 2 I parlamentari in nero sono quelli dichiarati «non abilitati al voto»
Totale 550 537 348 141 ✔ Referendum

La prima votazionemodifica | modifica wikitesto

Il voto in parlamento cominciò il 9 gennaio; la prima votazione si concluse il 15 gennaio.[34] Gli esponenti dell'opposizione criticarono pesantemente il modo di gestire le votazioni, in particolare l'approvazione di 4-5 articoli della riforma al giorno, senza possibilità di rinvii o sospensioni delle sedute.[35] Il voto è stato caratterizzato da numerose irregolarità: alcuni parlamentari del CHP filmarono alcuni colleghi dell'AKP che avevano dichiarato apertamente il loro voto[36][37] o che avevano intimidito i parlamentari ancora indecisi per votare «sì».[38][39] Fece scalpore il caso del ministro della sanità Recep Akdağ che dichiarò il suo voto e ammise — subito dopo — di aver commesso un crimine.[40]

In generale, la votazione fu contraddistinta da episodi di scontri (anche fisici)[41] tra parlamentari favorevoli e contrari alla riforma.[42] La parlamentare di opposizione Fatma Kaplan Hürriyet (CHP) accusò di essere stata strangolata dal capogruppo dell'AKP Mustafa Elitaş dopo averlo filmato con il Primo Ministro Binali Yıldırım mentre entrambi dichiaravano apertamente il loro voto.[43] Diversi parlamentari sono stati ricoverati in ospedale; inoltre, durante una rissa, il podio da cui essi solitamente parlano venne spostato e uno dei microfoni — dal valore complessivo di 15.000 — venne rubato.[44]

La seconda votazionemodifica | modifica wikitesto

La seconda votazione si concluse il 20 gennaio: tutti gli emendamenti alla costituzione vennero approvati con più di 330 voti (necessari per sottoporre le modifiche a referendum popolare confermativo).[41]

La votazione finalemodifica | modifica wikitesto

La votazione finale si svolse lo stesso giorno, superando — anche in questa occasione — la soglia dei 330 voti necessari.[41] Anche questa volta, vi furono numerosi episodi di dichiarazione del voto da parte dei deputati dell'AKP.[36]

Proposta n. Descrizione della proposta PRIMA VOTAZIONE SECONDA VOTAZIONE RISULTATO
Votanti No Altri Votanti No Altri
Mozione per l'inizio della procedura 480 338 134 3
1 Imparzialità dell'ordine giudiziario 484 347 132 5 486 345 140 1 ✔ approvato
2 Aumento del numero dei parlamentari (da 550 a 600) 480 343 133 3 485 342 139 4 ✔ approvato
3 Norme sull'elettorato passivo 485 341 139 5 486 342 137 6 ✔ approvato
4 Elezioni contemporanee del Parlamento e del Presidente 486 343 139 4 486 342 138 6 ✔ approvato
5 Poteri e responsabilità del Parlamento 354 343 7 4 486 342 140 4 ✔ approvato
6 Poteri di controllo del Parlamento 483 343 137 3 485 342 138 5 ✔ approvato
7 Elezioni del presidente 482 340 136 6 484 340 136 8 ✔ approvato
8 Obblighi del presidente 481 340 135 6 483 339 138 6 ✔ approvato
9 Responsabilità penale del Presidente 485 343 137 5 483 341 137 5 ✔ approvato
10 Vicepresidente e Ministri 483 343 135 5 481 340 136 5 ✔ approvato
11 Rinnovo delle elezioni 483 341 134 8 481 342 135 4 ✔ approvato
12 Norme sullo stato di emergenza 482 344 133 5 484 342 138 4 ✔ approvato
13 Abolizione dei Tribunali militari 482 343 133 6 484 343 136 5 ✔ approvato
14 Norme sul Consiglio dei Giudici e dei Pubblici Ministeri 483 341 133 9 487 342 139 6 ✔ approvato
15 Norme sul bilancio dello Stato 483 341 134 8 486 342 141 3 ✔ approvato
16 Adattamento degli altri articoli 482 341 134 7 486 342 141 3 ✔ approvato
17 Articoli temporanei per la transizione 484 342 135 7 485 341 139 5 ✔ approvato
18 Possibilità del Presidente di essere membro di un partito
e entrata in vigore degli emendamenti
481 344 131 6 488 343 142 3 ✔ approvato
Mozione finale (330 per il referendum, 367 per l'immediata entrata in vigore) 488 339 142 7 ✔ approvato

Reazioni alla riformamodifica | modifica wikitesto

Gli emendamenti sono stati accolti con pesanti critiche dei partiti di opposizione e delle organizzazioni non governative, mettendo in primo piano l'erosione della separazione dei poteri e l'abolizione della responsabilità parlamentare. Alcuni esperti costituzionalisti turchi quali Kemal Gözler e İbrahim Kaboglu hanno affermato che i cambiamenti si sarebbero tradotti de facto in un Parlamento impotente, mentre il presidente avrebbe avuto un ampio controllo sul potere legislativo, esecutivo e giudiziario.[45][46] Il 4 dicembre 2016 alcuni sindacati e associazioni tennero una riunione ad Ankara — nonostante il governatore della regione avesse revocato precedentemente i permessi per manifestare — per chiedere il rifiuto del sistema presidenziale per il fatto che minacciava l'indipendenza della magistratura e dei valori democratici laici.[47]

La posizione del CHPmodifica | modifica wikitesto

Il capogruppo in parlamento del CHP Özgür Özel che annuncia la posizione contraria del suo partito alla riforma costituzionale.

Gli emendamenti sono stati inizialmente accolti con risposte contrastanti da parte dal partito socialdemocratico e laico CHP (all'opposizione), partito che è stato a lungo critico dei piani costituzionali dell'AKP. Poco dopo che le proposte furono rese pubbliche e presentate al Parlamento il 10 dicembre, il Primo Ministro Binali Yıldırım riferì che il CHP era d'accordo con cinque delle diciotto modifiche proposte.[48] Tuttavia, l'opinione ufficiale del CHP è stata negativa: infatti il vicesegretario Selin Sayek Böke affermò che le proposte essenzialmente avrebbero creato un «sultanato».[49] Il deputato Levent Gök (CHP) — uno dei primi a commentare le proposte di riforma costituzionale — ha sostenuto che i cambiamenti avrebbero fatto tornare indietro di 140 anni la democrazia parlamentare turca, invitando tutti i partiti a respingere le proposte.[50] Il capogruppo del CHP Özgür Özel — in un'intervista al quotidiano Cumhuriyet — ha definito le proposte un «cambiamento di regime», sottolineando la futura impotenza del parlamento, in particolare per il mancato controllo sulla nomina dei ministri e sulle loro dimissioni.[51] Prima delle votazioni Özel ha affermato che l'AKP non sarebbe riuscito ad ottenere i 330 voti necessari per sottoporre le modifiche a referendum, affermando che sarebbe stato sorpreso se il numero di parlamentari che avrebbero votato a favore avesse raggiunto la quota di 275.[52] La deputata del CHP Selina Doğan ha affermato che la natura autoritaria delle proposte potrebbe effettivamente far terminare i negoziati di adesione all'UE della Turchia, citando la mancanza di qualsiasi rilevanza dei valori europei nelle proposte di modifica della costituzione.[53] Un altro esponente del CHP, il deputato Oktan Yüksel, ha affermato che le proposte somigliavano la costituzione della Siria di Assad, affermando che la Turchia non avrebbe avuto una nuova costituzione nazionale, ma una «costituzione siriana tradotta».[54]

Tre deputati del MHP che dichiarano il loro «no» alle proposte di modifica della costituzione.

La posizione del MHPmodifica | modifica wikitesto

Come è noto, il partito di estrema destra MHP ha firmato e votato — insieme all'AKP — tutte le modifiche costituzionali.[8][14][34][41] Ciononostante fu segnalato che i membri della "base" del partito erano critici sul contenuto delle proposte e il coinvolgimento del loro partito nella loro stesura.[55] Il leader del partito Devlet Bahçeli — che ha storicamente prestato sostegno al AKP in situazioni controverse — è stato oggetto di critiche da tutti i principali partiti per la sua decisione di sostenere gli emendamenti costituzionali, venendo definito il «giardino sul retro» o la «ruota di scorta» dell'AKP.[56][57][58] Il 24 ottobre 2016, cinque dei quaranta parlamentari del partito hanno dichiarato che avrebbero votato «no» alle proposte costituzionali, contro la linea ufficiale del MHP.[59] Il deputato Ümit Özdağ — che aveva precedentemente sfidato Bahçeli alle primarie del partito — venne espulso dal gruppo parlamentare del MHP a novembre, in quanto contrario alle modifiche costituzionali.[60] Un sondaggio pubblicato dall'istituto Gezici nel mese di dicembre ha mostrato che quasi i due terzi dei sostenitori MHP erano contro le modifiche proposte, anche se questi sono stati anche i più indecisi tra i membri di altri partiti.[61]

I due co-leader dell'HDP Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ durante una conferenza stampa. Entrambi sono attualmente in carcere con accuse di terrorismo.[62][63]

La posizione del HDPmodifica | modifica wikitesto

Parlando poco dopo la presentazione della riforma, il portavoce del partito filo-curdo e di sinistra HDP Ayhan Bilgen ha criticato le modifiche proposte in quanto «antidemocratiche» e contrarie al principio di indipendenza della magistratura. Citando la proposta di creare «decreti esecutivi» — che possono essere emessi dal Presidente a volontà, senza controllo parlamentare — Bilgen aveva criticato la natura delle modifiche definendole «scritte male», un «tentativo di coprire le violazioni costituzionali che avevano avuto luogo già sotto l'attuale costituzione».[64] Il partito ha sempre ritenuto la riforma come l'anticipo di regime con un «uomo solo al comando» (in questo caso il futuro presidente)[65] e ha annunciato di voler elaborare un nuovo testo costituzionale per la Turchia che sia caratterizzato dalla tutela dei diritti delle minoranze e le libertà democratiche (come la libertà di associazione, di riunione e di stampa).[66] I due co-leader del HDP Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ — ed altri 10 deputati del partito — vennero arrestati nel novembre 2016: formalmente con accuse legate al terrorismo e al PKK[67] ma de facto a causa delle loro posizioni nettamente contrarie alle politiche di Erdogan e all'introduzione di un sistema di tipo presidenziale.[68][69][70]

Il 21 dicembre 2016 CHP e HDP elaborarono una mozione parlamentare che dichiarare le proposte «incostituzionali», ma tale mozione venne respinta dai parlamentari.[71]

Altre critichemodifica | modifica wikitesto

Il Consiglio d'Europa — di cui la Turchia fa parte sin dal 1949 — è un'organizzazione internazionale il cui scopo è promuovere la democrazia, i diritti umani, l'identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali in Europa. I suoi principi sono raccolti nella Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Le proposte di modifica della costituzione turca sono state pesantemente criticate anche fuori dalla Turchia.[34]

Secondo un commentatore politico del quotidiano ingleseThe Guardian:[72]

« [...] se la maggioranza [dei Turchi] vota sì, questo sarà la fine della democrazia parlamentare in Turchia. »

L'organizzazione non governativa Human Rights Watch aveva precedentemente dichiarato che le modifiche sono una «grande minaccia per i diritti umani, lo stato di diritto, e il futuro democratico del paese».[73]

Il Consiglio d'Europa — dopo una visita di quattro giorni nel paese — affermò che le misure prese dal governo di Erdogan (come l'arresto dei due co-leader del HDP Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ dopo aver eliminato dall'ordinamento giuridico turco l'istituto dell'immunità parlamentare) nel periodo precedente al referendum «non combaciano con i principi adottati dall'organizzazione stessa (di cui la Turchia fa parte)».[34] Sul contenuto della riforma, il Consiglio d'Europa — che incaricò la Commissione di Venezia di stilare un rapporto sulla situazione — dichiarò che:[34]

« Mentre è diritto dei cittadini turchi scegliere il proprio sistema politico, è dovere della Turchia garantire che ogni revisione della costituzione sia aderente ai principi fondanti del Consiglio e, in quest’ottica, nutriamo forti perplessità. »

Sul settimanale inglese The Economist un editoriale sostenne che «un voto per il si farebbe governare [in Turchia] un dittatore eletto».[74]

Nel marzo 2017, la Commissione di Venezia — nel suo rapporto richiesto dal Consiglio d'Europa — ha descritto le modifiche costituzionali come «una minaccia per la democrazia» e ha sottolineato i «pericoli di degenerazione del sistema proposto [che potrebbe dar luogo a] un autoritario regime personale».[75]

Il segretario generale del Consiglio d'Europa Thorbjørn Jagland ha dichiarato di essere «particolarmente preoccupato» per la parte della riforma riguardante la magistratura «perché una magistratura indipendente è un elemento fondamentale di qualsiasi società democratica e fondata sullo stato di diritto».[76]

Sondaggimodifica | modifica wikitesto

Opinion pollar.png
Data Istituto di sondaggi / Committente Campione  % dei voti considerando gli indecisi  % dei voti sì / no
Si No Indecisi Si No
11–13 Apr 2017 ORC 3.980 59.4 40.6 59.4 40.6
11–13 Apr 2017 Qriously  ? 44.1 30.6 25.3 59.0 41.0
8–13 Apr 2017 A&G 6,048 52.9 34.1 13.0 60.8 39.2
8–12 Apr 2017 THEMİS 46.1 53.9 46.1 53.9
7–10 Apr 2017 KONDA 3,462 46.9 44.1 9.0 51.5 48.5
5–10 Apr 2017 AKAM 8,160 39.3 45.7 15.0 46.2 53.8
5–10 Apr 2017 MAK 5,500 54.6 41.4 4.0 56.5 43.5
5–10 Apr 2017 ANAR 4,189 52.0 48.0 52.0 48.0
8–9 Apr 2017 Gezici 1,399 46.6 43.5 9.9 51.3 48.7
9 Apr 2017 Scade il termine per votare per i cittadini turchi residenti all'estero
2–8 Apr 2017 Konsensus 2,000 49.0 46.7 4.3 51.2 48.8
1–8 Apr 2017 THEMİS 600 41.7 47.3 11.0 46.9 53.1
4–6 Apr 2017 Qriously 2,593 43.5 31.1 25.4 58.3 41.7
1–4 Apr 2017 NET 2,700 45.9 47.3 6.8 49.2 50.8
1–2 Apr 2017 Gezici 53.3 46.7 53.3 46.7
15 Mar–2 Apr 2017 CHP 4,681 33.2 43.0 22.7 43.6 56.4
28–30 Mar 2017 Qriously 3,418 43.6 27.4 29.0 61.4 38.6
24–27 Mar 2017 ORC 2,740 55.4 44.6 55.4 44.6
27 Mar 2017 Konsensus 1,555 43.1 45.2 11.8 48.8 51.2
27 Mar 2017 I turchi residenti all'estero cominciano a votare
10–24 Mar 2017 Sonar 5,000 43.34 43.30 13.36 48.8 51.2
18–22 Mar 2017 AKAM 2,032 37.0 46.2 16.8 44.5 55.5
17 Mar 2017 Gezici 43.5 45.5 11.0 48.9 51.1
17 Mar 2017 CHP 42.0 46.0 12.0 47.7 52.3
8–15 Mar 2017 Times 2,000 42.3 51.7 6.0 44.3 55.7
10–15 Mar 2017 CHP 5,000 40.2 54.8 5.0 42.3 57.7
6–13 Mar 2017 Politic's 2,753 46.2 36.9 16.9 55.7 44.3
12 Mar 2017 Scoppia la crisi diplomatica tra Turchia e Paesi Bassi
3–9 Mar 2017 AKAM 8,120 35.6 48.2 16.2 42.4 57.6
1–7 Mar 2017 ORC 3,140 51.6 38.7 9.7 57.2 42.8
25 Feb – 2 Mar 2017 MAK 5,400 53.0 37.0 10.0 58.9 41.1
1 Mar 2017 Il presidente Recep Tayyip Erdoğan chiede agli istituti di sondaggi vicini al governo di non effettuare ricerche demoscopiche per tutto il mese di Marzo [77]
16–21 Feb 2017 AKAM 4,060 34.9 45.2 19.9 43.6 56.4
16–19 Feb 2017 NET 3,535 43.8 45.8 10.4 48.9 51.1
10–18 Feb 2017 THEMİS 1,985 36.2 49.3 14.5 42.4 57.6
10 Feb 2017 Il presidente Recep Tayyip Erdoğan indice il referendum per il 16 aprile 2017
9 Feb 2017 Sonar 43.0 40.0 17.0 51.8 48.2
8 Feb 2017 CHP 41.0 48.0 11.0 46.1 53.9
4–5 Feb 2017 Gezici 2,860 43.7 45.7 10.6 48.9 51.1
26 Gen – 1 Feb 2017 MAK 5,400 52.0 35.0 13.0 59.8 40.2
30 Gen 2017 GENAR 55.0 45.0 55.0 45.0
24–29 Gen 2017 Konsensus 1,499 44.2 41.1 14.7 51.8 48.2
26 Gen 2017 Gezici 41.8 58.2 41.8 58.2
21 Gen 2017 Il parlamento vota le 18 proposte di modifica costituzionale con la soglia necessaria per sottoporle a referendum
6–19 Gen 2017 MetroPoll 2,000 42.4 44.0 13.6 49.1 50.9
11–17 Gen 2017 AKAM 2,240 42.4 57.6 42.4 57.6
1–11 Gen 2017 ORC 2,340 62.0 38.0 62.0 38.0
3–10 Gen 2017 Optimar 2,043 46.3 40.0 13.7 53.6 46.4
1–25 Dic 2016 Sonar 5,000 42.3 44.6 13.1 48.7 51.3
7–16 Dic 2016 KHAS 1,000 36.9 42.2 20.9 46.6 53.4
15 Dic 2016 ORC 2,450 61.0 39.0 61.0 39.0
1–8 Dic 2016 I partiti AKP e MHP approvano una riforma costituzionale di 21 punti e la propongono al parlamento[78][79]
21 Nov – 6 Dec 2016 İVEM 3,650 50.0 39.0 11.0 56.2 43.8
25 Nov – 3 Dec 2016 Gezici 42.0 58.0 42.0 58.0
30 Nov 2016 MetroPoll 49.0 51.0 - 43.3 56.7
26–27 Nov 2016 A&G 3,010 45.7 41.6 12.7 52.4 47.6
15–17 Nov 2016 Andy-AR 1,516 47.1 41.3 8.5 53.3 46.7
31 Ott 2016 Cominciano i negoziati tra AKP e MHP per un accordo sulla riforma costituzionale[80]
10–16 Oct 2016 ORC 21,980 55.9 36.2 7.9 60.7 39.3
11–12 Ott 2016 Il primo ministro Binali Yıldırım accetta la richiesta del MHP di accordarsi sulla futura riforma costituzionale[81]
15–16 Lug 2016 Tentato colpo di Stato in Turchia del luglio 2016
5–12 Giu 2016 ORC 2,240 58.9 41.1 58.9 41.1
1 Giu 2016 MetroPoll 1,200 41.9 47.5 10.5 46.9 53.1
30 Mag 2016 Optimar 1,508 49.3 41.6 9.1 54.2 45.8
5–6 Mag 2016 ORC 1,265 58.4 41.6 58.4 41.6
25–29 Apr 2016 MAK 5,500 57.0 33.0 10.0 63.3 36.7
25 Apr 2016 AKAM 1,214 35.0 45.7 19.3 43.4 56.6
19 Apr 2016 Gezici 55.2 35.5 9.3 60.9 39.1
2–6 Mar 2016 ORC 4,176 57.0 43.0 57.0 43.0
12 Feb 2016 İVEM 60.0 31.0 9.0 65.9 34.1
27 Gen – 3 Feb 2016 ORC 8,329 56.1 43.9 56.1 43.9
1 Gen 2016 GENAR 4,900 55.0 40.8 4.2 57.4 42.6
18 Mag 2015 Gezici 4,860 23.8 76.2 23.8 76.2
23 Feb 2015 Gezici 3,840 23.2 76.8 23.2 76.8
3 Feb 2015 MetroPoll 34.3 42.2 23.5 44.8 55.2

Risultatimodifica | modifica wikitesto

Scrutiniomodifica | modifica wikitesto

totale percentuale (%)
Elettori registrati 58.366.647  
Votanti 49.799.163 85.32% (su n. elettori registrati)
Schede bianche e nulle 865.047 1.74% (su n. votanti)
Voti validi 48.934.116 98.26% (su n. votanti)

I voti diffusi subito dopo la chiusura dei seggi sono dati parziali, in quanto i dati ufficiali saranno diffusi all'inizio del mese di maggio.[82]

Voti  %
A favore della riforma costituzionale Si  25.157.025 51,41
Contro la riforma costituzionale X mark.svg No 23.777.091 48,59
Totale voti validi 48.934.116 100%

Conseguenze del votomodifica | modifica wikitesto

Subito dopo la comunicazione dei risultati, il presidente Erdoğan ha dichiarato che «la Turchia ha preso una decisione storica di cambiamento e trasformazione», proponendo di tenere — in tempi brevi — anche un referendum sulla pena di morte.[83]

Le opposizioni — rappresentante dal CHP e dal HDP — hanno invece chiesto ufficialmente il riconteggio delle schede, denunciando numerosi brogli elettorali. La deputata del MHP Merak Aksener ha in seguito sostenuto che i dati diffusi dall'agenzia di stato Anadolu siano dati falsati e non corrispondenti alla realtà: i no avrebbero vinto con il 52% dei voti.[83][84]

Di fronte all'edificio che ospita il Supremo Consiglio elettorale (YSK) la polizia venne inviata in tenuta antisommossa, per gestire i centinaia di manifestanti che hanno protestato sin dal giorno successivo alla proclamazione dei risultati. Nella giornata di martedì 18 aprile più di 200 mila cittadini — secondo il quotidiano Cumhuriyet — protestarono nelle città di Ankara e Istanbul.[85]

Le opinioni degli osservatori internazionalimodifica | modifica wikitesto

Il risultato del voto è stato criticato sin da subito dai vari osservatori internazionali presenti alle votazioni.[86]

Il logo dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Essa è un'organizzazione regionale per la promozione della pace, del dialogo politico, della giustizia e della cooperazione in Europa che conta — attualmente — 57 paesi membri ed è — pertanto — la più vasta organizzazione regionale per la sicurezza. 

L'OSCEmodifica | modifica wikitesto

Secondo il capo delegazione dell'OSCE in Turchia, Tana de Zulueta:[87]

« La consultazione si è svolta in un clima politico in cui le essenziali libertà fondamentali per un processo sinceramente democratico sono state ridotte dallo stato d’emergenza e le due parti non hanno avuto le stesse opportunità di presentare le loro ragioni agli elettori. »

Venne inoltre scritto — nel rapporto preliminare sul referendum — che la consultazione non ha rispettato gli «standard internazionali», in vari ambiti:

  • lo Stato non ha garantito un equo e imparziale accesso alle informazioni e si è invece personalmente speso in favore del Sì attraverso i suoi più alti rappresentanti;[88]
  • pesanti restrizioni e censure sono state imposte ai partiti d’opposizione, compreso il respingimento di oltre 170 candidature per il ruolo di osservatore ai seggi;[88]
  • è stata fortemente impedita la partecipazione attiva alla campagna da parte della società civile;[88]
  • i media sono stati manipolati in modo da impedire al pubblico l’accesso a un’informazione neutrale e completa.[88]
  • lo stato di emergenza ha impattato negativamente sulla libertà d’espressione, oltre ad aver reso impossibile l’appello contro i provvedimenti arbitrariamente decisi dall'esecutivo;[88]
  • a causa delle operazioni militari in alcune parti del paese e del caos conseguente, è stato negato il diritto di voto ad alcuni di coloro che sono dovuti fuggire dalle proprie residenze, con lo Stato che non ha provveduto a riorganizzare registrazioni al voto e circoscrizioni in modo adeguato;[88]
  • la decisione dello Supremo Consiglio elettorale (YSK) sulla convalida di un milione e mezzo di voti — privi dei requisiti di legalità delineati dalla legge turca stessa — è stato definito «un grave danno alle garanzie di legittimità del voto e una pratica illegale».[88]

Secondo Erdoğan gli osservatori internazionali non sarebbero stati né precisi né imparziali nello stilare il loro rapporto sullo svolgimento del referendum: egli sostenne che alcuni dei membri della delegazione OSCE sarebbero stati vicini ai movimenti curdi (come il PKK) e dunque le loro conclusioni sarebbero inattendibili.[89][90]

Il Consiglio d'Europamodifica | modifica wikitesto

La sala plenaria del Consiglio d'Europa, nel 2014.

Secondo Alev Korun — membro austriaco della missione di osservatori del Consiglio d'Europa — la competizione è stata «impari»: in un'intervista alla radiotelevisione nazionale austriaca ORF Korun ha confermato la cifra di 2.5 milioni di schede «non timbrate» che avrebbero potuto essere «manipolat[e]», nonché l'esistenza di filmati a sostegno di tali tesi.[91][92] Inoltre, sono state segnalate agli osservatori numerose violazioni delle regole del voto nelle regioni curde della Turchia.[92]

In sintesi, gli osservatori hanno notato che il voto non ha minimamente rispettato gli «standard del Consiglio d'Europa».[93]

A seguito di tali avvenimenti, il 25 aprile 2017 l'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa ha deciso di aprire la procedura di «pieno monitoraggio» sullo stato della democrazia in Turchia. Il paese era passato sotto la procedura più leggera di «post monitoraggio» nel 2004.[94][95][96]

Nel rapporto preliminare per chiedere la procedura di «pieno monitoraggio» sono contenuti i dati relativi alla situazione della democrazia e dei diritti umani in Turchia a partire dal tentato colpo di stato del 2016:[94]

L'agenzia di stampa Reuters riportò che:[97]

« L'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (PACE) ha messo la Turchia sotto osservazione, esprimendo preoccupazione per quella che viene definita la repressione del dissenso e la violazione dei diritti umani sotto la presidenza di Tayyip Erdogan, che sta concentrando sempre più il potere. »

Secondo il rappresentante turco all'Assemblea Parlamentare, nel report sono contenuti «errori, affermazioni non provate e punti di vista soggettivi».[93] Non appena fu diffusa la notizia, ci furono numerose proteste da parte di membri del governo turco, che bollarono come «motivata politicamente» la decisione del Consiglio d'Europa.[96][98]

La questione delle schede «non timbrate»modifica | modifica wikitesto

Una scheda elettorale per il referendum: in Turchia si vota apponendo un timbro sull'alternativa prescelta, e poi la scheda viene inserita in una busta e poi nell'urna. Su ogni busta è riprodotto il logo ufficiale del Supremo Consiglio elettorale: è su tale simbolo che si è verificata la questione relativa alle schede non timbrate.

Il contestomodifica | modifica wikitesto

Le opposizioni criticarono duramente la decisione del Supremo Consiglio elettorale turco (in turco Yüksek Seçim Kurulu, abbreviato come YSK) di ritenere valide anche le schede senza il proprio il timbro ufficiale stampato.[99] Tale decisione — in particolare — venne contestata perché presa durante lo svolgimento delle operazioni di voto, andando a cambiare una norma dopo che gli elettori avevano già cominciato a votare.[100][101]

I ricorsi al Supremo Consiglio elettorale per annullare il referendummodifica | modifica wikitesto

Il CHP dichiarò di essere pronto a impugnare il risultato di circa il 60% dei seggi per «migliaia di schede non sigillate e non timbrate che quindi non sarebbero valide».[83] Secondo il partito HDP le schede da annullare (perché non timbrate col simbolo ufficiale) sarebbero state circa 2.5 milioni.[102]

Il ricorso del CHP venne presentato il 18 aprile avanti il Supremo Consiglio elettorale (YSK): con esso si chiedeva l'annullamento del referendum per aver considerato «valide» anche le schede non timbrate.[103] Analogo ricorso venne esperito lo stesso giorno dall'HDP, il cui portavoce dichiarò:[104]

« Se la Commissione [ossia il Supremo Consiglio elettorale non cancella almeno 2.5 milioni di schede non timbrate, come fecero per molto meno nel 2014, avrà agito come un partito, non come un arbitro. »

Il riferimento era alle elezioni amministrative del 2014 nella provincia di Bitlis, quando le elezioni furono ripetute proprio perché l'AKP di Erdoğan obiettò sulla presenza di schede non timbrate.[104]

In aggiunta a tali ricorsi vennero presentati dall'HDP anche denunce penali contro i membri del Supremo Consiglio elettorale (YSK) accusati di «abuso d'ufficio».[105][106] Secondo il deputato Nadal Yildirim (HDP):[107]

« I risultati del referendum non sono legittimi, anzi sono assolutamente illegali. Il governo ha manipolato i risultati con ogni mezzo, senza considerare le condizioni in cui il voto è stato tenuto: la Costituzione non dovrebbe essere cambiata in un contesto simile [...] Secondo i nostri dati, il No ha raggiunto almeno il 53-54%. »

Nel suo rapporto preliminare sul referendum anche l'OSCE ha affermato che le schede non timbrate (2.5 milioni) sono da considerarsi «sospette».[108] Sempre secondo l'OSCE, la decisione del Supremo Consiglio elettorale (YSK) di ammettere anche le schede non timbrate ha rimosso «un'importante salvaguadia» e «ha minato le garanzie contro le frodi».[87][109]

Il logo del Supremo Consiglio elettorale, la massima autorità turca in materia di contenzioso elettorale.

L'infondatezza dei ricorsimodifica | modifica wikitesto

Il 19 aprile il Supremo Consiglio elettorale (YSK) ha respinto le due richieste di annullamento del referendum presentata dalle opposizioni con 10 voti contro 1.[85][108] Subito dopo, il partito CHP ha annunciato di voler ricorrere alla Corte costituzionale turca mentre l'HDP ha dichiarato di essere disposto ad interpellare anche la Corte europea dei diritti dell'uomo.[108][110][111]

Il CHP ha inoltre anche minacciato di abbandonare il Parlamento per protesta contro i presunti brogli nel referendum.[112] Per contro, il primo ministro Binali Yıldırım ha dichiarato che il risultato non si discute, invitando le opposizioni a comportarsi in maniera responsabile:[112]

« Il ricorso è previsto dalla legge e sarà preso in considerazione. Questo rientra nella normalità. Quello che è inaccettabile è chiamare la gente a unirsi per le strade tramite diversi mezzi di comunicazione e non riconoscere il voto. »

Reazioni alla decisionemodifica | modifica wikitesto

Il giorno seguente il ministro della Giustizia Bekir Bozdag ha dichiarato che la decisione del Supremo Consiglio elettorale (YSK) è inappellabile, e nè la Corte costituzionale turca nè la Corte europea dei diritti dell'uomo potranno mai avere competenza a decidere su un eventuale ricorso.[113]

La sede del Danıştay, il Consiglio di Stato della Turchia.[114]

Sempre lo stesso giorno 20 aprile il quotidiano filo-governativo Daily Sabah riportò che — in occasione delle elezioni parlamentari del 2015 — il CHP aveva fatto ricorso all'YSK per accettare alcune schede non timbrate, definendo quindi come «strumentali» i recenti ricorsi.[115]

Il presidente Erdoğan intervenne il giorno dopo, confermando le posizioni precedentemente espresse dai membri del governo, affermando che «la questione è chiusa» e che la decisione del Supremo Consiglio elettorale (YSK) è in ogni caso inappellabile.[89] Infatti egli escluse la giurisdizione sia della Corte costituzionale turca sia della Corte europea dei diritti dell'uomo.[116]

Il ricorso al Consiglio di Statomodifica | modifica wikitesto

Il 21 aprile 2017 il CHP ha presentato ricorso contro la decisione del Supremo Consiglio elettorale (YSK) al Consiglio di Stato (in turco Danıştay), la più alta corte amministrativa della Turchia.[116][117]

Tale ricorso è stato definito «inutile» dal primo ministro Binali Yıldırım.[117] Anche il ministro della Giustizia Bekir Bozdag — esprimendo la sua posizione in merito su Twitter — ha affermato il Consiglio di Stato non avrebbe altra scelta se non quella di respingere il ricorso, aggiungendo:[118]

(EN)

« No court can undo/change the decisions of the nation. »

(IT)

« Nessuna corte può annullare/cambiare le decisioni della nazione. »

Sia il CHP che l'HDP hanno comunque ribadito la loro volontà di ricorrere alla Corte costituzionale turca e — in ultima istanza — alla Corte europea dei diritti dell'uomo del Consiglio d'Europa se i loro ricorsi in Turchia venissero tutti respinti.[116][118]

L'infondatezza del ricorsomodifica | modifica wikitesto

Il 25 aprile 2017 il Consiglio di Stato — con una decisione presa a maggioranza (4 voti a 1) — ha respinto il ricorso del CHP, motivando la propria decisione con la mancanza di giurisdizione sul caso.[119][120][121]

L'emittente televisiva Al Jazeera ha precisato i motivi dell'infondatezza del ricorso:[122]

(EN)

« The court rejected the opposition Republican People's Party's (CHP) petition by majority vote, saying it could not rule on the decision by the High Electoral Board (YSK) to accept ballots without official stamps because it was "not an administrative procedure". »

(IT)

« La corte ha respinto il ricorso del Partito Popolare Repubblicano (CHP) di opposizione con un voto preso a maggioranza, affermando che [essa] non può giudicare sulla decisione presa dal Supremo Consiglio elettorale (YSK) sull'ammissione di schede non timbrate in quanto [tale decisione] "non è un provvedimento amministrativo". »

Reazionimodifica | modifica wikitesto

Reazioni di altri paesimodifica | modifica wikitesto

Reazioni di organizzazioni internazionalimodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ (EN) AKP, MHP signal joint campaign for referendum, in Hürriyet Daily News, 17 febbraio 2017. URL consultato l'11 aprile 2017 (archiviato l'11 aprile 2017).
  2. ^ Paolo Gallori, Turchia, commissione elettorale conferma: referendum costituzionale il 16 aprile, in la Repubblica, 11 febbraio 2017. URL consultato l'11 aprile 2017 (archiviato l'11 aprile 2017).
  3. ^ (EN) Susan Fraser, Turkish committee clears draft expanding Erdogan's powers, in Yahoo! News, 30 dicembre 2016. URL consultato l'11 aprile 2017 (archiviato l'11 aprile 2017).
  4. ^ (EN) Selcan Hacaoglu, Firat Kozok, Turkey Parliament Triggers Referendum on Presidential System, in Bloomberg, 21 gennaio 2017. URL consultato l'11 aprile 2017 (archiviato l'11 aprile 2017).
  5. ^ a b Turchia, la riforma costituzionale in controluce: le ragioni del «sì» e del «no», in euronews, 13 aprile 2017. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  6. ^ Cecilia Cacciotto, La Turchia al voto per cambiare la Costituzione, in euronews, 13 aprile 2017. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  7. ^ Enrico Cicchetti, Erdogan accresce a dismisura il suo potere grazie al controgolpe, in Il Foglio, 24 gennaio 2017. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  8. ^ a b c Chiara Bastreghi, Turchia: la destra nazionalista sosterrà il referendum per il presidenzialismo, in East Journal, 7 novembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  9. ^ (TR) Nilgün Balkaç e Gökhan Gerçek, Gündem başkanlık tartışması, in NTV, 3 gennaio 2005. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  10. ^ Giovanna Loccatelli, Elezioni Turchia 2015, Akp trionfa e promette: «Ora cambieremo la Costituzione. Più poteri al presidente», in Il Fatto Quotidiano, 1° novembre 2015. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  11. ^ a b Erdogan: «Hitler esempio di presidenzialismo». E scoppia il caso, in la Repubblica, 2 gennaio 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  12. ^ Turchia, Erdogan comincia bene il 2016: cita la Germania di Hitler come buon sistema presidenziale, in L'Huffington Post, 1° gennaio 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  13. ^ a b Francesco Battistini, Perché a Erdogan piace la Germania di Hitler, in Corriere della Sera, 2 gennaio 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  14. ^ a b Turchia sempre più verso regime presidenziale, in askanews, 14 ottobre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  15. ^ (TR) TÜRKİYE BÜYÜK MİLLET MECLİSİ (PDF), 28 febbraio 2017. URL consultato l'11 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2017).
  16. ^ (TR) Anayasa Değişikliği Teklifi'nin Karşılaştırmalı ve Açıklamalı Metni, in Associazione Turca degli Avvocati, 2017. URL consultato l'11 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2017).
  17. ^ Questo rapporto viene definito dal Ministro dell’Economia e determina cambiamenti sul valore assoluto delle imposte e delle multe.
  18. ^ I deputati eletti nelle file dell'AKP con le elezioni del novembre 2015 sono in realtà 317. Il Presidente del Parlamento (in turco Türkiye Büyük Millet Meclisi) è İsmail Kahraman, membro dello stesso partito. In Turchia, il presidente del Parlamento — in virtù del suo ruolo — non prende mai parte alle votazioni, nè ad altre iniziative politiche, e quindi non viene mai conteggiato per tali scopi.
  19. ^ In Turchia le proposte di modifica costituzionale devono seguire questo ordine: 1) elaborazione e raccolta firme dei deputati; 2) presentazione allo speaker del Parlamento; 3) analisi e voto della Commissione costituzionale parlamentare; 4) discussione e voto del parlamento; 5) indizione del referendum popolare confermativo (se almeno 330 deputati si pronunciano a favore delle riforme) o — in alternativa — diretta entrata in vigore delle modifiche (se almeno 367 deputati si pronunciano a favore delle riforme).
  20. ^ (TR) Yeni anayasa teklifi Meclis Başkanlığı'nda, in Aydınlık, 10 dicembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  21. ^ (TR) Yıldız Yazıcıoğlu, TBMM Anayasa Komisyonu’nda Gerilimli Görüşme, in amerikaninsesi, 26 dicembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  22. ^ (TR) Anayasa Komisyonu'nda tansiyon yükseldi, in Sozcu, 24 dicembre 2016. (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2017).
  23. ^ (EN) Agence France-Presse, Turkish parliament debates controversial new constitution, in The Guardian, 9 gennaio 2017. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  24. ^ (TR) Yedek milletvekilliği iptal, in NTV, 27 dicembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  25. ^ (TR) Anayasa değişikliği teklifi 18 maddeye düşürüldü, in T24, 29 dicembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  26. ^ (TR) Anayasa teklifi değişti: 21 maddeden ikisi iptal, in BirGün, 28 dicembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  27. ^ (TR) Cumhurbaşkanının kararname yetkisi anayasa teklifinden çıkarıldı, in Sputnik, 28 dicembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  28. ^ (EN) Gulsen Solaker, Plans to expand the powers of Turkey's Erdogan have passed the first hurdle, in Business Insider, 30 dicembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  29. ^ a b (TR) Anayasa değişikliği süreci nasıl işleyecek?, in Konhaber, 2 dicembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  30. ^ (EN) Suraj Sharma, Turkey's future: Will Erdogan be president until 2034?, in Middle East Eye, 30 marzo 2017. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
    «The bill needs to get 330 votes in the final round to go to a referendum. The government has said it will put the bill to a referendum even if it gets an absolute majority.».
  31. ^ (TR) Tutuklu HDP vekillerinden itiraz: Anayasa görüşmeleri iç tüzüğe aykırı, durdurun, in Diken, 7 gennaio 2017. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  32. ^ Turchia, arrestati 12 deputati del partito Hdp: protesta dei curdi, in Giornale di Sicilia, 4 novembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  33. ^ Turchia, partito filo curdo Hdp si ritira da Parlamento. Demirtas: «Arresto illegale, lotteremo», in la Repubblica, 6 novembre 2016. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 14 aprile 2017).
  34. ^ a b c d e Dimitri Bettoni, Riforma costituzionale, Erdogan vince il primo round, in il manifesto, 17 gennaio 2017. URL consultato il 18 aprile 2017 (archiviato il 18 aprile 2017).
  35. ^ (TR) Baykal'dan çok sert anayasa çıkışı, in Internet Haber, 9 gennaio 2017. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato il 15 aprile 2017).
  36. ^ a b La costituzione turca vieta esplicitamente ai parlamentari di dichiarare apertamente la loro scelta durante le votazioni per approvare le riforme costituzionali.
  37. ^ (EN) Secret ballot debate grows as charter talks proceed, in Hürriyet, 11 gennaio 2017. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato il 15 aprile 2017).
  38. ^ (TR) CHP’li Özkan’ın oylamaya müdahale isyanı, in Nediyor, 10 gennaio 2017. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato il 15 aprile 2017).
  39. ^ (TR) Yavuz Oğhan, AK Partili Deligöz: 'Ulan alın açık oy kullanıyorum, ne yapacaksınız?' dedim, in Sputnik, 10 gennaio 2017. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato il 15 aprile 2017).
  40. ^ (TR) AKP'liler açık oy kullandı ortalık karıştı... Sağlık Bakanı Akdağ: Sana mı soracağım lan!, in Cumhuriyet, 10 gennaio 2017. URL consultato il 14 aprile 2017 (archiviato il 15 aprile 2017).
  41. ^ a b c d (EN) Rod Norland, Amid Fistfights, Turkey’s Parliament Backs a New Constitution, in The New York Times, 20 gennaio 2017. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato il 15 aprile 2017).
  42. ^ (TR) Sağlık Bakanı açık oy kullandı uyarılara sert tepki gösterdi, in Sozcu, 10 gennaio 2017. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato il 15 aprile 2017).
  43. ^ (TR) Fatma Kaplan Hürriyet bu görüntüleri çektiği için darbedildi, in Evrensel, 12 gennaio 2017. (archiviato il 13 gennaio 2017).
  44. ^ (TR) Meclis kürsüsündeki 15 bin Euro’luk mikrofon kayıp, in Hürriyet, 13 gennaio 2017. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato il 15 aprile 2017).
  45. ^ (TR) Kemal Gözler, Kuvvetler Ayrılığı, Elveda Anayasa (PDF), in Anayasa, 21 dicembre 2016. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il no).
  46. ^ (TR) 'AKP'nin anayasa teklifi en büyük kırılma, padişahlık ötesi bir durum söz konusu', in Sputnik, 27 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 28 dicembre 2017).
  47. ^ (TR) Tarih Aralık, HALK BAŞKANLIK SİSTEMİNE “HAYIR” DİYEREK ANITKABİR’E YÜRÜDÜ, in Associazione del pensiero di Ataturk, 4 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  48. ^ (TR) Başbakan Yıldırım'dan Yeni Anayasa Teklifiyle İlgili İlk Açıklama: CHP'nin de Mutabık Olduğu Maddeler Var, in Marmara Gazetesi, 10 dicembre 2017. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  49. ^ (TR) CHP'li Böke: Meclis'e sunulan padişahlık teklifidir, in Sputnik, 11 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  50. ^ (TR) CHP'den anayasa teklifine ilişkin ilk açıklama, in Hürriyet, 10 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  51. ^ (TR) CHP'li Özgür Özel'den başkanlık karşıtı "kefenli hodri meydan" konuşması, in Cumhuriyet, 22 gennaio 2017. (archiviato il 16 aprile 2017).
  52. ^ (TR) CHP'li Özgür Özel: 275'in üzerine çıkamazlar, in Birgün, 10 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  53. ^ (TR) CHP'li Doğan: Anayasa teklifi yasalaşırsa AB süreci biter, in Ensonhaber, 28 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  54. ^ (TR) Hülya Karabağlı, CHP'li vekil "Bu teklif, diktatör Esad'ın Suriye anayasasının kopyası" dedi, karşılaştırmalı metin sundu, in T24, 23 dicembre 2016. URL consultato il 28 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2017).
  55. ^ (TR) Yeni Anayasa teklifi Ülkücüleri ayağa kaldırdı, in Yeniçağ gazetesi, 10 dicembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  56. ^ (TR) CHP’nin ‘Saray’ın yedek lastiği’ sözlerine MHP’den yanıt: PKK’nın don lastiği, in Diken, 14 ottobre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  57. ^ (TR) CHP'li Gök: MHP, AKP'ye can simidi olmuş, in Milliyet, 8 marzo 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  58. ^ (TR) Ülkücüler MHP'yi AKP'nin arka bahçesi yaptırmayacak, in Gazete 2023, 16 ottobre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  59. ^ (TR) MHP'li 5 milletvekili başkanlık teklifine hayır diyecek, in Turchia, 24 ottobre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  60. ^ (TR) MHP'den ihraç edilen Ümit Özdağ konuştu, in HaberTurk, 16 novembre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017 (archiviato il 16 aprile 2017).
  61. ^ (TR) Yeni Anayasa anketinden çok konuşulacak sonuçlar, in Sozcu, 28 dicembre 2016. (archiviato il 16 aprile 2017).
  62. ^ Chi è Selahattin Demirtaş, il leader curdo arrestato in Turchia, in Internazionale, 4 novembre 2016. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  63. ^ Andrea Cortellari, Turchia, la leader curda in carcere ora è fuori dal parlamento, in Il Giornale, 21 febbraio 2017. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  64. ^ (TR) HDP'den yeni anayasa teklifi açıklaması, in Haberturk, 10 dicembre 2016. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  65. ^ (EN) Hilal Köylü, Turkish constitutional reform: 5 important points, in DW, 21 gennaio 2017. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  66. ^ (EN) Gulsen Solaker, Turkey's pro-Kurdish opposition will join work on new constitution, in Reuters (Ankara), 24 gennaio 2017. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  67. ^ Monica Ricci Sargentini, Turchia, in carcere 12 membri del partito pro-curdo Hdp, in Corriere della Sera, 4 novembre 2016. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  68. ^ (EN) Kareem Shaheen, Debating in whispers: opposition fearful ahead of Turkish referendum, in The Guardian, 2 marzo 2017. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  69. ^ Turchia: Gentiloni, Italia preoccupata per arresti politici, in ANSA, 4 novembre 2017. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  70. ^ Turchia: arrestati vertici Hdp, perché filo-curdi sono nel mirino, in AGI, 4 novembre 2017. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  71. ^ (TR) CHP ve HDP'nin 'değişiklik teklifi Anayasa'ya aykırı' önergeleri kabul edilmedi, in Sputnik, 21 dicembre 2016. URL consultato il 17 aprile 2017 (archiviato il 17 aprile 2017).
  72. ^ (EN) Elif Shafak, Turkey could be about to leap from division to despotism, in The Guardian, 14 aprile 2017. URL consultato il 18 aprile 2017 (archiviato il 18 aprile 2017).
  73. ^ (ENTR) Turkey: President Bids for One-Man Rule, in Human Rights Watch, 18 gennaio 2017. URL consultato il 18 aprile 2017 (archiviato il 18 aprile 2017).
  74. ^ (EN) The vote that will determine the fate of Turkey’s democracy, in The Economist, 15 aprile 2017. URL consultato il 18 aprile 2017 (archiviato il 18 aprile 2017).
  75. ^ (EN) Opinion on the amendments to the Constitution adopted by the Grand National Assembly on 21 January 2017 and to be submitted to a National Referendum on 16 April 2017, adopted by the Venice Commission at its 110th Plenary Session (PDF), in Commissione di Venezia, 10-11 marzo 2017. URL consultato il 18 aprile 2017 (archiviato il 18 aprile 2017).
  76. ^ Turchia: Consiglio Europa, con pena morte stop a membership, in ANSA, 20 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  77. ^ http://www.cumhuriyet.com.tr/haber/siyaset/688490/Erdogan_dan_sirketlere__anket__talimati___Durdurun_.html
  78. ^ [1]
  79. ^ AKP ve MHP Anayasa metninde uzlaştı... Uzmanlar uyarıyor: 15 Temmuz anayasası - Cumhuriyet Siyaset Haberleri, cumhuriyet.com.tr, 8 dicembre 2016. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  80. ^ AKP'nin MHP'ye götüreceği başkanlık teklifi belli oldu, abcgazetesi.com, 31 ottobre 2016. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  81. ^ Başbakan: Bahçeli'nin referandum teklifini kabul ediyoruz; başkanlık için derhal adım atacağız, kararı millet verecek! - Politika, T24. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  82. ^ (EN) Ertugrul Subasi, Kadir Karakus e Baris Gundogan, Turkey: Election board rejects referendum appeals, in Anadolu, 19 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  83. ^ a b c Marta Ottaviani, Turchia spaccata: al referendum vince il sì con il 51%, l’opposizione insorge e chiede il riconteggio, in La Stampa, 16 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  84. ^ (TR) Meral Akşener oran verdi ve isyan etti: Yazıklar olsun, in Cumhuriyet, 16 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  85. ^ a b Referendum Turchia, commissione boccia ricorsi. Erdogan: «L'importante è vincere, 1-0 come 5-0», in la Repubblica, 19 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  86. ^ Monica Ricci Sargentini, Voto Turchia, gli osservatori Osce: «Violati gli standard internazionali». Erdogan: «Sconfitte nazioni crociate», in Corriere della Sera, 17 aprile 2017. URL consultato il 21 aprile 2017 (archiviato il 21 aprile 2017).
  87. ^ a b Referendum in Turchia, Osce: «Due milioni e mezzo di schede sospette», in Il Fatto Quotidiano, 18 aprile 2017. URL consultato il 21 aprile 2017 (archiviato il 21 aprile 2017).
  88. ^ a b c d e f g Erdogan piglia tutto, ma l’Osce boccia il referendum turco, in il manifesto, 18 aprile 2017. URL consultato il 21 aprile 2017 (archiviato il 21 aprile 2017).
  89. ^ a b Turchia, Erdogan: «La questione del referendum è chiusa», in TGcom24, 21 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  90. ^ (EN) «OSCE observers supporting PKK contradict organization's impartiality», in Daily Sabah, 20 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  91. ^ Referendum Turchia, per osservatori 2,5 milioni di voti potrebbero essere stati manipolati, in Reuters, 18 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  92. ^ a b (EN) Council of Europe Observer Claims 2.5Mln Votes Manipulated in Turkish Referendum, in Sputnik, 18 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  93. ^ a b (EN) Turkey referendum did not live up to Council of Europe standards, observer mission says, in Reuters, 17 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  94. ^ a b Il Consiglio d'Europa vigilerà sulla Turchia post referendum, in Il Foglio, 25 aprile 2017. URL consultato il 26 aprile 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).
  95. ^ Turchia: Consiglio d'Europa riapre monitoraggio Paese, in ANSA, 25 aprile 2017. URL consultato il 25 aprile 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).
  96. ^ a b (EN) Council of Europe assembly to reopen monitoring process against Turkey, in Daily Sabah, 25 aprile 2017. URL consultato il 25 aprile 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).
  97. ^ Consiglio d'Europa mette sotto osservazione Turchia, Ankara condanna decisione, in Reuters (Italia), 25 aprile 2017. URL consultato il 26 aprile 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).
  98. ^ (EN) PACE decision on Turkey receives criticism for being 'politically motivated', in Daily Sabah, 25 aprile 2017. URL consultato il 25 aprile 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).
  99. ^ (EN) Nilay Kar, Turkish election body to evaluate poll result concerns, in Anadolu, 19 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  100. ^ Jennifer Amur, Why Turkish opposition parties are contesting the referendum results, in The Washington Post, 17 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  101. ^ (EN) Turkey’s Supreme Election Board says unsealed ballot papers accepted in vote, in Hürriyet, 16 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  102. ^ (EN) Patrick Kingsley, Erdogan Claims Vast Powers in Turkey After Narrow Victory in Referendum, in The New York Times, 16 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  103. ^ Voto Turchia, Chp annuncia ricorso, in Rai News, 18 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  104. ^ a b Andrea Cortellari, Dopo il referendum contestato, in Turchia l'opposizione fa ricorso, in Il Giornale, 18 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  105. ^ Il reato di cui sono accusati i membri del Supremo Consiglio elettorale viene reso in inglese con malpratice, che letteralmente significa «negligenza». Rispetto alla lingua italiana, la fattispecie del reato di abuso d'ufficio è quella che più si avvicina al capo d'accusa.
  106. ^ (EN) Government snubs objections to election result, opposition takes legal action, in Hürriyet, 19 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  107. ^ Dimitri Bettoni, «Ecco come il governo turco ha fatto vincere il sì», in il manifesto, 20 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  108. ^ a b c Turchia, respinta richiesta dell'opposizione di annullare il risultato del referendum, in ANSA, 19 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  109. ^ (EN) EU urges probe into Turkey referendum fraud claims, in EURACTIV, 19 aprile 2017. URL consultato il 21 aprile 2017 (archiviato il 21 aprile 2017).
  110. ^ Ankara respinge i ricorsi, in RSI, 19 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  111. ^ (EN) Turkey's opposition loses appeals against referendum, in euronews, 19 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  112. ^ a b La commissione elettorale turca respinge il ricorso contro il referendum, in euronews, 19 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  113. ^ Voto Turchia, «non si può più ricorrere», in ANSA, 20 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  114. ^ Secondo l'art. 155 della costituzione turca:
    « Il Consiglio di Stato è l'ultima istanza di riesame delle decisioni e delle sentenze pronunciate dai tribunali amministrativi e che non sono sottoposte per legge ad altri tribunali amministrativi. Può essere anche il primo ed ultimo grado a trattare casi specifici previsti dalla legge. »
  115. ^ (EN) YSK precedents show CHP appealed to accept unstamped ballots, Justice min. says, in Daily Sabah, 20 aprile 2017. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato il 20 aprile 2017).
  116. ^ a b c (EN) Gulsen Solaker e Tuvan Gumrukcu, Turkish opposition appeals referendum on Erdogan powers, in Reuters, 21 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  117. ^ a b Turchia, opposizione ricorre a Consiglio di Stato su referendum, in askanews, 21 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  118. ^ a b (EN) Zeynep Bilginsoy, Turkey's justice minister: Time to contest vote results over, in ABC News, 22 aprile 2017. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato il 22 aprile 2017).
  119. ^ (EN) Ece Toksabay, Turkish court declines to hear referendum appeal, Anadolu reports, in Reuters, 25 aprile 2017. URL consultato il 25 aprile 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).
  120. ^ (EN) Top administrative court rejects main opposition CHP's referendum appeal, in Daliy Sabah, 25 aprile 2017. URL consultato il 25 aprile 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).
  121. ^ (EN) Turkey’s Council of State rejects main opposition’s appeal over referendum results, in Hürriyet, 25 aprile 2017. URL consultato il 25 aprile 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).
  122. ^ (EN) Turkish court declines to hear CHP referendum appeal, in Al Jazeera, 25 aprile 2017. URL consultato il 25 apriel 2017 (archiviato il 26 aprile 2017).

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto