René Lacoste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
René Lacoste
René Lacoste.jpg
René Lacoste nel 1929
Nome Jean René Lacoste
Nazionalità Francia Francia
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros V (1925, 1927, 1929)
Regno Unito Wimbledon V (1925, 1928)
Stati Uniti US Open V (1926, 1927)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (1924)
Doppio1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros V (1925, 1929)
Regno Unito Wimbledon V (1925)
Stati Uniti US Open
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici Bronzo (1924)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon
Stati Uniti US Open F (1926, 1927)
Palmarès
1927 1928 Coppa Davis Francia Francia
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Jean-René Lacoste (Parigi, 2 luglio 1904Saint-Jean-de-Luz, 12 ottobre 1996) è stato un tennista, stilista e imprenditore francese.

Pur essendo stato un grande esponente del tennis mondiale, il suo nome è oggi principalmente legato alle magliette sportive da lui ideate nel 1933 e che infatti prendono il nome Lacoste.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Vita privatamodifica | modifica wikitesto

Figlio di industriali nasce a Parigi nel 1904. Il padre era socio nella fabbrica di automobili francese della Hispano-Suiza, auto che venne regalata a René per gli esami di maturità.[1]

Si sposò nel 1930 con la golfista Simone de La Chaume con cui ebbe quattro figli.[2]

Il soprannome "Coccodrillo" iniziò ad essere associato a Lacoste nel 1927. Egli diceva: "«Il soprannome mi venne dato dai miei compagni di squadra. A Boston, dove ci trovavamo per affrontare l'Australia in una semifinale di Coppa Davis, mi accadeva ogni giorno di passare di fronte ad un negozio chic, che esponeva una borsa in pelle di coccodrillo, adatta a contenere le mie racchette. La mia ammirazione per la borsa suscitò il divertimento generale, tanto che Pierre Gillou, il nostro capitano, mi promise che, se avessi vinto i miei due singolari, me l'avrebbe regalata. L'immagine del coccodrillo divenne un simbolo fortunato, tanto che lo feci ricamare sui blazer bianchi da tennis e, in seguito, sulle camicette".[3]

La figlia Catherine intraprese a sua volta la carriera sportiva, riuscendo a ottenere buoni risultati nel golf.

Carriera sportivamodifica | modifica wikitesto

Formò insieme a Jacques Brugnon, Henri Cochet e Jean Borotra la formidabile squadra dei "quattro moschettieri", che strappò la Coppa Davis agli statunitensi nel 1927 e la vinse per sei stagioni consecutive, fino al 1932.[4] Di questi quattro, Lacoste era il più giovane ma probabilmente il più abile a rete data l'eleganza del suo gioco.

Anche nel singolo Lacoste ottenne grandi risultati: grazie alla sua brillante tattica, ai suoi colpi sopraffini da fondo campo e il suo rovescio perfetto vinse due volte il torneo di Wimbledon (nel 1925 e nel 1928), tre volte il Roland Garros (1925, 1927 e 1929) e due edizioni del US Open (1926 e 1928). Partecipò, seppur in maniera meno fondamentale, alle vittorie in Coppa Davis della Francia nel 1931 e nel 1932. L'anno successivo si ritirò dal tennis per fondare con l'amico e collega André Gillier una linea di abbigliamento sportivo che porta ancor oggi il suo nome.

Grazie ai suoi allenamenti scrupolosi e alla strategia accurata con la quale affrontava ogni avversario, Lacoste è entrato di diritto nella International Tennis Hall of Fame nel 1976.[5]

Un bel tributo al gruppo dei Moschettieri è situato a Newport (Rhode Island).

Carriera nell'abbigliamentomodifica | modifica wikitesto

Marchio della casa di abbigliamento Lacoste

Grazie alle T-shirt polo che realizzò a partire dal 1933 nella sua linea di abbigliamento, Lacoste divenne ricco e popolare: il coccodrillo, simbolo della città della Provenza Nîmes, è infatti il marchio cucito sulla sinistra di tutti i suoi capi. In breve, la Lacoste si espanse ad altri sport, anche grazie al mestiere della moglie di René, campionessa di golf.

Dal 1967 Lacoste si trasferì a Saint-Jean-de-Luz, dove diresse fino all'ultimo giorno di vita la sua azienda.

Finali nei tornei del Grande Slammodifica | modifica wikitesto

Singolaremodifica | modifica wikitesto

Vittorie (7)modifica | modifica wikitesto

Anno Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1925 Francia Internazionali di Francia, Parigi Terra battuta Francia Jean Borotra 7–5, 6–1, 6–4
1925 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Francia Jean Borotra 6–3, 6–3, 4–6, 8–6
1926 Stati Uniti U.S. National Championships, New York Erba Francia Jean Borotra 6–4, 6–0, 6–4
1927 Francia Internazionali di Francia, Parigi Terra battuta Stati Uniti Bill Tilden 6–4, 4–6, 5–7, 6–3, 11–9
1927 Stati Uniti U.S. National Championships, New York Erba Stati Uniti Bill Tilden 11–9, 6–3, 11–9
1928 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Francia Henri Cochet 6–1, 4–6, 6–4, 6–2
1929 Francia Internazionali di Francia, Parigi Terra battuta Francia Jean Borotra 6–3, 2–6, 6–0, 2–6, 8–6

Finali perse (3)modifica | modifica wikitesto

Anno Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1924 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Francia Jean Borotra 1–6, 6–3, 1–6, 6–3, 4–6
1926 Francia Internazionali di Francia, Parigi Terra battuta Francia Henri Cochet 2–6, 4–6, 3–6
1928 Francia Internazionali di Francia, Parigi Terra battuta Francia Henri Cochet 7–5, 3–6, 1–6, 3–6

Doppiomodifica | modifica wikitesto

Vittorie (3)modifica | modifica wikitesto

Anno Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1925 Francia Internazionali di Francia, Parigi Terra battuta Francia Jean Borotra Francia Jacques Brugnon
Francia Henri Cochet
7–5, 4–6, 6–3, 2–6, 6–3
1925 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Francia Jean Borotra Stati Uniti John Hennessey
Stati Uniti Raymond Casey
6–4, 11–9, 4–6, 1–6, 6–3
1929 Francia Internazionali di Francia, Parigi Terra battuta Francia Jean Borotra Francia Jacques Brugnon
Francia Henri Cochet
6–3, 3–6, 6–3, 3–6, 8–6

Finale perse (1)modifica | modifica wikitesto

Anno Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1927 Francia Internazionali di Francia, Parigi Terra battuta Francia Jean Borotra Francia Jacques Brugnon
Francia Henri Cochet
6–2, 2–6, 0–6, 6–1, 4–6

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Gianni Clerici, Divina, Fandango, 2002, p. 198.
  2. ^ La battaglia dei Lacoste Due cugine per la guida, corriere.it, 24 settembre 2012. URL consultato il 22 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  3. ^ Gianni Clerici, Lacoste, il coccodrillo dandy che inventò il tennis totale, repubblica.it, 10 agosto 2008. URL consultato il 22 novembre 2014.
  4. ^ Gianni Clerici, Non chiamateli moschettieri, corriere.it, 4 dicembre 1991. URL consultato il 22 novembre 2014.
  5. ^ Profilo nell'International Tennis Hall of Fame, tennisfame.com. URL consultato il 22 novembre 2014.

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN84577517 · LCCN: (ENn84013726 · ISNI: (EN0000 0001 1193 4835 · GND: (DE126676941 · BNF: (FRcb11944187t (data)