Riserva selezionata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La riserva selezionata è una componente dell'organizzazione delle forze armate italiane, più precisamente delle cosiddette forze di completamento costituenti la riserva militare, nella quale si annoverano anche gli ufficiali di complemento in congedo, e tra questi ultimi in particolare quelli che hanno aderito alla riserva di completamento generica.
Attualmente l'Esercito Italiano, la Marina Militare italiana e Aeronautica Militare Italiana posseggono tale componente. Dal 2015 la riserva selezionata è presente anche nell'Arma dei Carabinieri.

La disciplina normativa fondamentale è costituita dal regio decreto 16 maggio 1932 n. 819 (cosiddetta legge Marconi), integrata dal d.lgs 30 dicembre 1997 n. 490.

Reclutamentomodifica | modifica wikitesto

Per essere reclutati nella riserva selezionata, disponendo dei titoli richiesti, bisogna presentare istanza scritta presso il comando preposto che valuterà la conformità della domanda alla normativa vigente, nonché il possesso dei requisiti dichiarati dall'aspirante.

In caso di accoglimento dell'istanza, il richiedente sarà convocato presso il centro di selezione della forza armata di appartenenza, per la verifica del possesso dei requisiti psicofisici e attitudinali. Qualora risultasse idoneo, la forza armata si riserverà il diritto di convocare il richiedente presso una accademia militare per effettuare il periodo di formazione e addestramento iniziale.

Il grado viene determinato da un'apposita commissione, tenendo conto dell'età, dei titoli e dell'esperienza professionale, in base alla legislazione in vigore, per quanto riguarda i professionisti provenienti dalla vita civile.
Mentre per quanto riguarda gli ufficiali congedati, con evidente disparità di trattamento, essi conservano il grado che avevano al momento del congedo, anche a parità di titoli dei professionisti civili, fatte salve le normali procedure previste per l'avanzamento di grado.

Pertanto è possibile che soggetti non aventi alle spalle nessun servizio di leva e con "anzianità di servizio" limitata ai pochi mesi di formazione conseguano un grado più elevato sia di un ufficiale di complemento in congedo che aderisce alla riserva sia di un ufficiale in servizio permanente effettivo, magari formatosi in anni di Accademia

Composizionemodifica | modifica wikitesto

È composta da uomini e donne che hanno dichiarato la loro disponibilità a prestare servizio integrati con i militari italiani di carriera o volontari in ferma prefissata, rivestendo i gradi di Ufficiale. Possono fare domanda di appartenere alla riserva selezionata, sia Ufficiali non più in servizio, appartenenti al complemento, sia persone che non hanno alcuna esperienza militare.
Per entrambe le categorie, il requisito è il possesso di competenze particolari, generalmente lauree o alte specializzazioni specifiche unite a documentate e solide esperienze professionali.
Gli appartenenti alla riserva selezionata, sono riservisti a tutti gli effetti e vengono richiamati in servizio esclusivamente in caso di necessità dalla Forza Armata di appartenenza, ma, in tempo di pace, possono comunque prestare servizio per un periodo anche superiore ai 6 mesi l'anno. I riservisti mantengono il loro status di "civili" fino al richiamo, durante il quale sono "militari" a tutti gli effetti, con il conseguente assoggettamento alle Leggi e ai regolamenti di disciplina militare. Il richiamo non può essere coattivo, ma è sempre necessario il consenso dell'interessato.

Formazionemodifica | modifica wikitesto

La formazione degli aspiranti Ufficiali riservisti è effettuata presso gli Istituti di formazione superiori delle Forze Armate e prevede:

Le discipline studiate durante il periodi di formazione sono principalmente:

  • Norme sulla disciplina militare, regolamenti militari, diritto internazionale e di guerra
  • Addestramento Individuale al Combattimento (A.I.C.)
  • Utilizzo dell'arma individuale
  • Tecniche di primo soccorso e igiene personale
  • Metodi di orientamento e movimento sul campo di battaglia
  • Cooperazione civile-militare

Funzionimodifica | modifica wikitesto

Gli Ufficiali della Riserva selezionata sono impiegati sia sul territorio nazionale, sia in teatro operativo, principalmente per attività di cooperazione civile-militare (CIMIC) nell'ambito delle operazioni di peacekeeping e di consulenza presso gli alti comandi.

I loro principali campi di impiego sono: la pubblica informazione, la comunicazione operativa, la cooperazione civile-militare. Pur trattandosi di specialisti funzionali il loro impiego all'estero avviene anche in contesti di potenziale contatto con forze ostili.

Competenze maggiormente richiestemodifica | modifica wikitesto

Tra le competenze più ricercate dalle forze armate figurano:

  • Medicina e Chirurgia (con particolare preferenza per Anestesia e Rianimazione e Chirurgia d'urgenza)
  • Ingegneria (trasporti, telecomunicazioni, elettronica, meccanica, costruzioni navali, costruzioni aerospaziali, idraulica)
  • Giurisprudenza (principalmente esperti in diritto internazionale, diritto pubblico comparato e diritto militare)
  • Scienze politiche e scienze strategiche (principalmente esperti in relazioni internazionali)
  • Economia (esperti in industria, commercio, amministrazione pubblica, bilancio)
  • Sociologia (esperti in questioni sociali, etniche, storiche)
  • Lingue straniere (in particolare arabo, farsi e lingue orientali)
  • Architettura (principalmente per attività di progettazione e ricostruzione)
  • Giornalisti professionisti (con iscrizione all'Albo)
  • Esperti in scienze della comunicazione
  • Psicologia
  • Lettere, Archivistica e Filologia

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto