Romanzi di H. G. Wells

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Opere di H. G. Wells.

Nel corso della sua carriera letteraria, H. G. Wells e stato uno scrittore prolifico, vantando la stesura di 50 romanzi, molti dei quali, sin dalla loro pubblicazione, ritenuti opere fondamentali della fantascienza, rendendolo uno degli iniziatori di tale genere narrativo.[N 1]

Romanzimodifica | modifica wikitesto

Romanzi di H. G. Wells [N 2]
Titolo italiano Titolo inglese Anno Italia Anno UK/USA Primo editore Italia Primo editore UK/USA Annotazioni Note
La macchina del tempo

Noto anche come
Un'esplorazione del futuro
OCLC 28980246
The Time Traveller's Story 1902 1892  17 marzo
24 giugno

1894
Antonio Vallardi Editore National Observer
1ª pubblicazione a puntate de La macchina del tempo, nonostante si tratta della prima pubblicazione in assoluto è normalmente accreditata la versione di Heinemann, in questa edizione il finale è incompiuto. [N 3]
1892 gennaio
marzo

1895
The New Review
2ª pubblicazione a puntate de La macchina del tempo, edita in 5 parti, a seguito del passaggio di Hentley al New Review. Hentley interessato all'opera si rivolge nuovamente a Wells, chiedendogli di revisionare la sua idea sui viaggi nel tempo.
The Time Machine
Noto anche come
The time machine an invention
OCLC 758993228
1893 7 maggio

1895
Henry Holt and Company
1ª pubblicazione, nella copertina il nome dello scrittore è errato H. S. Wells, [N 4]
[N 5]
1894 29 maggio

1895
William Heinemann
2ª pubblicazione, nonostante questo è il primo romanzo accreditato allo scrittore [N 6]
* Nota: Dall'edizione Henry Holt and Company in poi, il capitolo XI, presente in entrambe le edizioni periodiche, viene volontariamente tagliato. Solo nel 1940 il capitolo sarà nuovamente editato sotto diversi titoli, ma non sarà mai integrato nel romanzo. Il racconto è conosciuto con i titoli di : The Gray Man, The Final Man e The Missing Pages. [22]
La visita meravigliosa
The Wonderful Visit 1905 1895| settembre
1895
Fratelli Treves MacMillan and Co.
Romamzo fantastico con elementi satirici, secondo il biografo Michael Sherbourne, il testo è un presagio dello stile umoristico di Kurt Vonnegut [N 7]
L'opera è dedicata a Walter Low, caro amico di H. G. Wells e collaboratore sul Educational Times, morto di polmonite nel febbraio 1895. [N 8]
L' 8 febbraio del 1970 al Teatro Massimo Vittorio Emanuele a Palermo ha luogo la prima de La visita meravigliosa - Opera in due atti e nove scene di Nino Rota [N 9]
L'isola del dottor Moreau
OCLC 793342153

Noto anche come

L'isola delle bestie
OCLC 30526823

e

L'isola del terrore
The Island of Dr. Moreau 1900 1895 18 gennaio 1895 Società Editrice Nazionale The Saturday Review
1ª pubblicazione dell'articolo The Limits of Individual Plasticity, nel testo Wells specula sulle teorie di plasticità degli animali, affermando che modificando la forma biologica di un essere vivente, esso continuerà a sopravvivere, cambiando la sua forma intrinseca, il testo sarà integrato nel romanzo un anno dopo. [N 10]
1896 4 aprile 1896 Pubblicazione. P. Chalmers Mitchell dopo aver elogiato Wells per il suo successo in campo letterario con opere come La macchina del tempo, solleva una forte critica verso il romanzo, per via dell'orrore, del sangue e della crudeltà descritta nel romanzo, sollevando in particolare una controversia sulla natura scientifica di fondere animali e esseri umani, e sottolineando la fantascienza dell'opera. [N 11]
1896 maggio 1896 Heinemann, Stone & Kimball Heinemann, Stone & Kimball Conosciuto anche con il titolo L'isola delle Bestie (1900) ed edito in seguito anche come L'isola del terrore (1925) [N 12]
1896 7 novembre 1896 The Saturday Review
Wells risponde all'articolo di Mitchell, lamentandosi del danno arrecato alla sua reputazione e citando in sua difesa un articolo del British Medical Journal (Ottobre 1896) circa l'innesto di pelle tra un uomo e un coniglio. [N 13]
The Wheels of Chance The Wheels of Chance The Wheels of Chance The Wheels of Chance  1896 1896  J. M. Dent & Co J. M. Dent & Co Conosciuto in Inghilterra con il titolo di The Wheels of Chance – A Holiday Adventure [N 14]
L'uomo invisibile The Invisible Man: A Grotesque Romance 1900 1896 Società Editrice Nazionale Pearson's Magazine
1ª pubblicazione a puntate de L'uomo invisibile, l'opera sarà edita il 12 luglio al 7 agosto del 1897, due mesi piu tardi, il 15 settembre uscirà il romanzo di Arthur Pearson, mentre quindici giorni più tardi il romanzo sarà nuovamente pubblicato dalla casa editrice Edward Arnold [N 15]
Arthur Pearson Arthur Pearson
Il romanzo viene scritto nel 1881.
Dal punto di vista morale, L'uomo invisibile può essere paragonato Anello di Gige di Platone.
[N 16]
La guerra dei mondi
OCLC 26900697
Noto anche come
Il terrore viene da Marte
OCLC 800880318
e
I Marziani
The War of the Worlds 1901 1897 aprile
dicembre

1897
Antonio Vallardi Editore Pearson's Magazine
1ª pubblicazione in 9 puntate de The War of the Worlds, le illustrazioni sono a cura di Warwick Goble. [N 17]
1897 aprile
dicembre
1897
The Cosmopolitan
ISSN 0740-6444 (WC · ACNP)
OCLC 145146603
1ª pubblicazione in 9 puntate de The War of the Worlds, le illustrazioni sono a cura di Warwick Goble & Cosmo Lowe. [N 18]
1898 1898 William Heinemann William Heinemann
Il romanzo è la rappresentazione di Wells della cultura vittoriana, una riflessione accurata delle sue esperienze al momento della scrittura. Richiamando nel suo scritto il terrore della fine del mondo, nella mezzanotte del 1899. [N 19]
[N 20]
Il risveglio del dormiente
Noto anche come
Quando il dormiente si sveglierà
The Sleeper Awakes
Noto anche come
When the Sleeper Wakes
1907 1907 1899 1899 Antonio Vallardi Editore Antonio Vallardi Editore Harper & Brothers Harper & Brothers
Pubblicata a puntate dal 9 gennaio a maggio 1899 viene rieditato nel 1910 sotto il titolo di When the Sleeper Wakes, edito da Thomas Nelson & Sons
[N 21]
Love and Mr. Lewisham
Noto anche come
L'amore = Love and Mr. Lewisham : storia di una coppia assai giovane
OCLC 28980219
Love and Mr. Lewisham
Noto anche come
Love and Mr. Lewisham - The Story of a Very Young Couple
1904 1904 1899 1899 Antonio Vallardi Editore Antonio Vallardi Editore Harper & Brothers Harper & Brothers Charles Masterman e Richard Arman Gregory hanno espresso pareri positivi sul romanzo, paragonandolo a Jude l'Oscuro di Thomas Hardy [N 22]
[N 23]
I primi uomini sulla Luna

Noto anche come
I primi uomini nella Luna
OCLC 635656098
The First Men in the Moon 1911 1900 novembre
1900
Antonio Vallardi Editore The Cosmopolitan
ISSN 0740-6444 (WC · ACNP)
OCLC 145146603
Pubblicato in 8 parti fino a luglio 1901, le illustrazioni sono a cura di E. Hering, molte delle quali sono a piena pagina e accreditati da didascalie. [N 24]
1900 novembre
1900
The Strand Magazine
ISSN 2044-6187 (WC · ACNP)
OCLC 630487483
Pubblicato in 10 parti, con piccoli disegni di Claude Shepperson e R.I., accreditati nell'indice della rivista. [N 25]
1901 5 ottobre
1901
Bowen-Merrill La casa editrice Bowen-Merrill Company annovera tra le sue pubblicazioni solo due volumi sebbene attiva dal 1883 fino al 1901 (preceduta da Samuel Merrill e succeduta da Bobbs-Merrill Company) [N 26]
1901 novembre
1901
George Newnes Si tratta del primo romanzo accreditato, per questo motivo la data di pubblicazione universalmente accettata è il 1901, le illustrazioni sono a cura di Claude Shepperson. [N 27]
La signora del mare
OCLC 28951747
Noto anche come
La Sirena
OCLC 28933341
The Sea Lady
Noto anche come
The Sea Lady: a Tissue of Moon shine
OCLC 639905
1908 1901 luglio
dicembre
1901
Fratelli Treves Person's Magazine 1ª pubblicazione in 6 puntate di The Sea Lady, le illustrazioni sono a cura di Lewis Baumer. [N 28]
1902 luglio
1902
Methuen Publishing L'ispirazione della protagonista del romanzo è stata May Nisbet, figlia di John Ferguson Nisbet, critico teatrale del Times, Wells intravide la ragazza in costume da bagno durante la sua permanenza a Sandgate, poco dopo la morte del padre di May (1 aprile 1899), quando Wells accetta di pagare la retta scolastica della ragazza. [N 29]
Il cibo degli dei

Noto anche come
L'alimento divino
OCLC 875922625
e
L'alimento degli dei
The Food of the Gods

Noto anche come
The Food of the Gods and How It Came to Earth
1922 1922 1904 1904 Casa Editrice Cesare Cioffi MacMillan and Co.
L'opera si divide in tre libri, raccolti all'interno del romanzo:
  • The Discovery of the Food
  • The Food in the Village
  • The Harvest of the Food.
[N 30]
Kipps

Noto anche come
Kipps : Storia di un anima semplice
OCLC 878386603
Kipps

Noto anche come
Kipps: The Story of a Simple Soul
1926 1905 gennaio
dicembre
1905
Fratelli Treves Pall Mall Magazine
1ª pubblicazione in 12 puntate di Kipps, il romanzo sarà edito come libro prima della fine dalle pubblicazioni mensili. [N 31]
1905 ottobre 1905 MacMillan and Co.
La stesura del romanzo, inizia il 5 ottobre 1899, appena terminato il romanzo Love and Mr. Lewisham, nella prefazione del romanzo, Kipps è identificato a detta dello stesso autore, come parte di un'opera molto più ampia, The Wealth of Mr.Waddy (postumo, 1969). Entro la fine dell'anno, il romanzo viene stampato in 12.000 copie [N 32]
1905|7 ottobre
1905
Charles Scribner's Sons
Dal 1924 al 1927 una serie di pubblicazioni denominata Atlantic Edition edita dalla casa editrice T. Fisher Unwin ripropone in collezione diverse opere di Wells riassunte in 28 volumi. In particolare il romanzo Kipps viene corretto in diversi vocaboli, per via del l'accento e del modo di scrivere classico del Kent [N 33]
Atlantic Edition è riproposta in contemporanea negli Stati Uniti, edita dalla Charles Scribner's Sons
Una utopia moderna A Modern Utopia 1990 1990 1905 1905 Mursia Chapman & Hall
Nei giorni della cometa In the Days of the Comet 1906 1906
La guerra nell'aria The War in the Air 1908 1908
Ann Veronica 1909 1909
Tono-Bungay 1909 1909
The History of Mr. Polly 1910 1910
The New Machiavelli 1911 1911
Marriage 1912 1912
The Passionate Friends 1913 1913
La liberazione del mondo The World Set Free 1914 1914
The Wife of Isaac Harman 1914 1914
La ricerca magnifica The Research Magnificent 1915 1915
Bealby: a Holiday 1915 1915
Boon 1915 1915
Mister Britling Sees It Trough 1916 1916
The Soul of a Bishop 1917 1917
Joan and Peter: the Story of Education 1918 1918
The Undying Fire 1919 1919
The Secret Places of the Heart 1922 1922
Uomini come dei Men Like Gods 1923 1923
The Dream 1924 1924
Cristina Alberta's Father 1925 1925
Il Mondo di Guglielmo Clissold The World of William Clissold 1926 1926
Meanwhile 1927 1927
Mr Blettsworthy on Rampole Island 1928 1928
The Autocracy of Mr. Parham 1930 1930
The Bulpington of Blup 1932 1932
The Shape of Things to Come 1933 1933
The Croquet Player: a Story 1936 1936
Brynhild 1937 1937
Gli astrigeni Star Begotten 1937 1937
The Camford Visitation 1938 1938
Apropos of Dolores 1939 1939
The Brothers 1938 1938
The Holy Terror (romanzo) 1939 1939
Babes in the Darkling Wood 1940 1940
All Aboard of Ararat 1940 1940
You Can't Be Too Careful 1941 1941

Notemodifica | modifica wikitesto

Annotazionimodifica | modifica wikitesto

  1. ^ H. G. Wells padre della fantascienza.[1][2][3][4][5][6][7][8]
  2. ^ Bibliografia sui romanzi di H. G. Wells [9]
  3. ^ Prima edizione de La macchina del tempo su National Observer[10][11]
    Edizione di The Time Machine sul periodico The New Review[12]
  4. ^ La macchina del tempo di Henry Holt, romanzo accreditato come H. S. Wells[13][14]
  5. ^ L'opera di Wells è anche edita in Italia con il titolo di Un'esplorazione nel futuro, solo l'edizione del 1902 porterà questo titolo, [15][16][17]dal 1924 sará edita come La macchina del tempo[18]
  6. ^ Edizione de La macchina del tempo dalla casa editrice William Heineman[6][5][19][20]
    Edizione originale di The Time Machine: an Invention by William Heinemann [21]
  7. ^ Elogi allo scrittore da parte di John Ruskin[23], Joseph Conrad[24] e il biografo Michael Sherbourne[25].
  8. ^ Dedica a Walter Low[26][27]
  9. ^ Rota e La visita Meravigliosa[28][29][30]
  10. ^ The Limits of Individual Plasticity[31][32]
  11. ^ Pubblicazioni sul The Saturday Review[33]
  12. ^ Tematiche ne L'isola del dott. Moreau[34][35]
    L'opera di Wells è anche edita in Italia con il titolo di L'isola delle bestie, solo l'edizione del 1900 porterà questo titolo.[36]
    L'opera di Wells è anche edita in Italia con il titolo di L'isola del terrore, solo l'edizione del 1925 porterà questo titolo.[37]
    Tutte le opere successive riporteranno il titolo di L'isola del dott. Moreau[38]
  13. ^ [33]
  14. ^ The Wheels of Chance nell'epoca vittoriana[39][40]
  15. ^ Edizione a puntate di L'uomo invisibile sul periodico Pearson's Magazine[41]
  16. ^ H. G. Wells e Platone[42][43]
  17. ^ Prima edizione di The War of the Worlds sul periodico Pearson's Magazine[44][45][46][41][47]
  18. ^ The War of the Worlds sul periodico The Cosmopolitan
    1ª puntata - luglio, pag. 615-627[48][49]
  19. ^ Wells e la cultura vittoriana[50][51] [52][53]
  20. ^ Edito in Italia con il titolo di La guerra dei mondi.[54]
    L'opera è riproposta con il titolo Il terrore viene da Marte, nel 1953[55] anno di uscita nelle sale cinematografiche di La guerra dei mondi di Byron Haskin[56]
    L'opera è riproposta con il titolo I Marziani, nel 1977[57] e nel 1992[58]
  21. ^ Tematiche di Il risveglio del dormiente[59][60][61]
  22. ^ Edizione italiana di Love and Mr. Lewisham.[62]
  23. ^ Love and Mr.Lewisham paragone[63]
  24. ^ Edizione de The First Men on the Moon[64][65][66][67]
    Edizione originale The Cosmopolitan[68][49]
  25. ^ Edizione de The First Men on the Moon sul periodico The Strand Magazine[69]
  26. ^ The First Men on the Moon edizione Bowen-Merrill[70][71][72]
  27. ^ The First Men in the Moon edizione George Newnes[73][74]
    Edizioni de I primi uomini sulla Luna
    Il romanzo è edito per la prima volta in Italia con il titolo I primi uomini nella Luna dalla prima edizione Vallardi Editore del 1910 fino al 1957, quando il titolo diventa per tutte le edizioni a seguire I primi uomini sulla Luna[75]
  28. ^ Pubblicazioni sul Person's Magazine di The Sea Lady
    1ª puntata - luglio, pag. 81-95 [76]
    2ª puntata - agosto, pag. 177-185 [77]
    3ª puntata - settembre, pag. 354-363 [78]
    4ª puntata - ottobre, pag. 433-441 [79]
    5ª puntata - novembre, pag. 579-587 [80]
    6ª puntata - dicembre, pag. 733- --- [81]
  29. ^ Ispirazione per The Lady of Sea[82][83]
  30. ^ Edizioni de Il cibo degli dei:
    L'alimento divino è stato il primo titolo con cui il romanzo è pubblicato in Italia, utilizzato solo dalla Casa Editrice Cesare Cioffi [84]
    L'alimento degli dei è il titolo utilizzato dalla casa editrice Chiantore per il n.7 della collana Ai quattro venti.[85]
  31. ^ Edizione di Kipps sul periodico Pall Mall Magazine[86]
  32. ^ Informazioni sul romanzo Kipps, edizione MacMillan and Co.[86]
    Edizioni in Italia del romanzo Kipps [87]
    L'edizione edita dalla casa editrice Fratelli Treves sarà proposta in due volumi rispettivamente da 284 pagine[88] e da 266 pagine[89]
  33. ^ Atlantic Edition, correzioni del testo [86]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Riccardo Valla, Le Origini Della Fantascienza (Prima parte), carmillaonline.com. URL consultato il 13 febbraio 2013.
  2. ^ Bernard Bergonzi, The early H. G. Wells. A study of the scientiftc romances, Manchester, Manchester University Press, 1961.
  3. ^ (EN) John Clute, David Langford e Peter Nicholls (a cura di), Jules Verne, in The Encyclopedia of Science Fiction, III edizione online, 2011-2015. Ultimo accesso 25 maggio 2012
  4. ^ Mark R. Hillegas, The Future as Nightmare. H.G. Wells and the Anti-Utopians, New York, Oxford University Press, 1967.
  5. ^ a b (EN) James Gunn, Centre for the study of science fiction-The man who invented tomorrow, sfcenter.ku.edu. URL consultato il 2 luglio 2012.
  6. ^ a b (EN) James Gunn, The Science of Science Fiction Writing, Scarecrow Press, 31 ottobre 2000, p. 256, ISBN 978-1-57886-011-1.
  7. ^ (EN) Robert M. Philmus, David Y. Hughes, H.G. Wells: Early Writings in Science and Science Fiction, Berkeley, Los Angeles, and London: University of California Press, 1975, ISBN 978-0-520-02679-7.
  8. ^ Wells, Herbert George, DeAgostini, 2012. URL consultato il 9 febbraio 2015.
    «Profondo conoscitore di fisica e biologia e sinceramente preoccupato dei possibili esiti dell'evoluzione – o della regressione – dei destini umani, Wells imperniò su tali interessi la parte più originale della sua attività di narratore, elevando a piena dignità letteraria il genere del romanzo fantascientifico di E. Bellamy e J. Verne e preparando la strada alle utopie, e alle antiutopie, di E. Zamjatin, A. Huxley e G. Orwell.».
  9. ^ F.F.F. Fondazione Franco Fossati - Museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata, lfb.it. URL consultato il 10 aprile 2017.
  10. ^ (EN) The Time Machine in Print, colemanzone.com. URL consultato il 17 marzo 2017.
    «H. G. Wells began work on what would eventually evolve into The Time Machine nearly eight years before its publication as a novel. The original story was serialised in three parts in The Science Schools Journal (which Wells founded and edited) in 1888 as The Chronic Argonauts. After two further drafts, now lost, it was published as a series of loosely connected articles as The Time Travellers Story in The National Observer then edited by William Ernest Henley. Seven installments were published beginning in March 1894 and the final installment in June. The magazine never published the conclusion, owing to Henley accepting a position as editor of The New Review. Henley arranged to have the story published again under the title The Time Machine in five installments in the New Review from January to May of 1895. H.G. Wells was paid £100 for the story by Henley.».
  11. ^ (EN) Isfdb - The Time Machine (National Observer serial version), isfdb.org. URL consultato il 12 aprile 2017.
  12. ^ (EN) Isfdb - The Time Machine (New Review serial version), isfdb.org. URL consultato il 12 aprile 2017.
  13. ^ (EN) The Time Machine in Print, colemanzone.com. URL consultato il 4 aprile 2017.
  14. ^ (EN) John R. Hammond, The first American edition, in H.G. Wells's the Time Machine: A Reference Guide, Greenwood Press, 30 ottobre 2004, p. 48, ISBN 978-0313330070. URL consultato il 17 marzo 2017.
  15. ^ Edizioni di Un'esplorazione nel futuro, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  16. ^ OPAC sbn - Catalogo del servizio bibliotecario nazionale - Un'esplorazione nel futuro, sbn.it. URL consultato il 24 marzo 2017.
  17. ^ Catalogo Vegetti - Un'esplorazione nel futuro (The Time Machine), H. G. WELLS, catalogovegetti.com. URL consultato il 24 marzo 2017.
  18. ^ Edizioni di La macchina del tempo, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  19. ^ (EN) Robert M. Philmus, David Y. Hughes, H.G. Wells: Early Writings in Science and Science Fiction, Berkeley, Los Angeles, and London: University of California Press, 1975, ISBN 978-0-520-02679-7.
  20. ^ Fabio Giovannini, Marco Minicangeli, Storia del romanzo di Fantascienza, guida per conoscere (e amare) l'altra letteratura, I ed, Castelvecchi, 1998, p. 251, ISBN 978-88-8210-062-9. URL consultato il 21 luglio 2013.
  21. ^ (EN) The Time Machine: an Invention by William Heinemann 1895, babel.hathitrust.org. URL consultato l'11 aprile 2017.
  22. ^ (EN) The Final Man by H. G. Wells (PDF), storypilot.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  23. ^ David C. Johnson, H.G. Wells: Desperately Mortal: A Biography (Yale University Press, 1986), p. 205.
  24. ^ David C. Johnson, H.G. Wells: Desperately Mortal: A Biography (Yale University Press, 1986), p. 162.
  25. ^ Michael Sherbourne, H.G. Wells: Another Kind of Life (Peter Owen, 2010), p. 108.
  26. ^ Michael Sherbourne, H.G. Wells: Another Kind of Life (Peter Owen, 2010), pp. 76–77, 101.
  27. ^ (EN) Peter Beck, Personal, Financial and Healt Concerns 1894-5, in The War of the Worlds: From H. G. Wells to Orson Welles, Jeff Wayne, Steven Spielberg and Beyond, Bloomsbury Academic, 2016, ISBN 9781474229876. URL consultato il 04 aprile 2017.
  28. ^ Francesco Lombardi, Cronologia, in Nino Rota: un timido protagonista del Novecento musicale, EDT, 2012, pp. 197 - 199, ISBN 9788866397946. URL consultato il 04 aprile 2017.
  29. ^ (FR) La visita meravigliosa (1965-1969) opéra en deux actes et neuf scènes, brahms.ircam.fr. URL consultato il 04 aprile 2017.
  30. ^ Fabrizio Dorsi, Giuseppe Rausa, Il crepuscolo del melodramma (1945-2000), in Storia dell'opera italiana, Pearson Italia S.p.a., 2000, pp. 658 - 659, ISBN 978-8842494089. URL consultato il 06 aprile 2017.
  31. ^ (EN) The Pursuit of Perfection: The Promise and Perils of Medical Enhancement, Random House Digital, Inc, 2011.
  32. ^ (EN) Billias, Nancy, Promoting and Producing Evil, Rodopi, 2010, p. 74.
  33. ^ a b (EN) The Saturday Review - H. G. Wells response, bl.uk. URL consultato il 14 aprile 2017.
  34. ^ Wells's description of The Island of Dr. Moreau as youthful blasphemy comes from his introduction to The Scientific Romances of H. G. Wells (1933; published in the United States as Seven Famous Novels by H. G. Wells, 1934). This Preface to the Scientific Romances is reprinted as a chapter of editors Patrick Parrinder and Robert M. Philmus's H. G. Wells's Literary Criticism (Sussex: The Harvester Press Limited, and New Jersey: Barnes & Noble Books, 1980), see p. 243 for the line quoted.
  35. ^ (EN) Barnes & Noble, The Island of Doctor Moreau: Original and Unabridged, barnesandnoble.com. URL consultato il 05 aprile 2017.
  36. ^ Edizioni di L'isola delle bestie, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  37. ^ Edizioni di L'isola del terrore, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  38. ^ Edizioni di L'isola del dott. Moreau, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  39. ^ (EN) The Wheels of Chance, H. G. Wells's Cycling Romanc Jacqueline Banerjee, Associate Editor, Victorian Web, victorianweb.org. URL consultato il 10 aprile 2017.
  40. ^ (EN) On The Wheels of Chance by John Forrester, notanothercyclingforum.net. URL consultato il 10 aprile 2017.
  41. ^ a b (EN) S.F.E. Science Fiction Encyclopedie - Pearson's Magazine, sf-encyclopedia.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  42. ^ (EN) Philip Holt, 57, in H.G. Wells and the Ring of Gyges, Science Fiction Studies, 19, Part 2, luglio1992, JSTOR 4240153. URL consultato il 4 aprile 2017.
  43. ^ (EN) Philip Holt- H.G. Wells and the Ring of Gyges, su depauw.edu. URL consultato il 4 aprile 2017.
  44. ^ Edizioni di La guerra dei mondi, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  45. ^ La guerra dei mondi - Vallardi - 1901, worldcat.org. URL consultato il 24 marzo 2017.
  46. ^ Stephen King, Danse Macabre. URL consultato il 24 marzo 2017.
  47. ^ (EN) Virginia Brackett, Victoria Gaydosik, Index - The war of the Worlds, in Encyclopedia of the British Novel, Infobase Learning, 2015, ISBN 9781438140681. URL consultato il 12 aprile 2017.
  48. ^ (EN) Cosmopolitan - April 1897, millionmagazines.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  49. ^ a b (EN) Spartacus Educational - Costmopolian Magazine, spartacus-educational.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  50. ^ (EN) Lackey Mercedes, War of the Worlds: fresh perspectives on the H.G. Wells classic/ edited by Glenn Yeffeth, in In Woking's Image, Glenn Yeffeth, 2005, p. 216, ISBN 1-932100-55-5.
  51. ^ (EN) Franklin H. Bruce, War Stars, University of Massachusetts Press, 2008, p. 65, ISBN 1-55849-651-3.
  52. ^ (EN) Flynn John L., War of the Worlds: From Wells to Spielberg, Galactic Books, 2005, pp. 12–19, ISBN 0-9769400-0-0.
  53. ^ (EN) Isfdb - La guerra dei mondi, isfdb.org. URL consultato il 12 aprile 2017.
  54. ^ Edizioni di La guerra dei mondi, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  55. ^ Edizioni di Il terrore viene da Marte, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  56. ^ (EN) 2011 National Film Registry More Than a Box of Chocolates, Library of Congress, 28 dicembre 2011. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  57. ^ Edizioni di Il futuro dietro l'angolo La fantascienza e la civiltà del domani, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  58. ^ Edizioni di Il futuro dietro l'angolo, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  59. ^ (EN) I romanzi che hanno predetto il futuro. URL consultato il 10 aprile 2017.
  60. ^ (EN) Quando la fantascienza anticipa il futuro, pressreader.com. URL consultato il 10 aprile 2017.
  61. ^ (EN) Isfdb - When the Sleeper Wakes - Harper & Brothers, isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2017.
  62. ^ OPAC sbn - Catalogo del servizio bibliotecario nazionale - L'amore, sbn.it. URL consultato il 24 marzo 2017.
  63. ^ (EN) Smith, David C., H.G. Wells: Desperately Mortal: A Biography., 'New Haven and London: Yale University Press, 1986.
  64. ^ (EN) H.G. Wells, The First Men on the Moon, The Cosmopolitan, 1900. URL consultato il 9 aprile 2017.
  65. ^ (EN) Keith Brooke, bibliography, in Strange Divisions and Alien Territories: The Sub-Genres of Science Fiction, Palgrave, 2012, ISBN 978-0230249677. URL consultato il 9 aprile 2017.
  66. ^ (EN) The SFFaudio Podcast #369 – READALONG: The First Men In The Moon by H.G. Wells, sffaudio.com. URL consultato il 10 aprile 2017.
  67. ^ (EN) William R. Taylor, Inventing Times Square: Commerce and Culture at the Crossroads of the World, in Inventing Times Square: Commerce and Culture at the Crossroads of the World, 1996, p. 402, ISBN 9780801853371. URL consultato il 10 aprile 2017.
  68. ^ (EN) The Cosmopolitan Archive - (November 1900 - April 1901), babel.hathitrust.org. URL consultato l'11 aprile 2017.
  69. ^ (EN) H.G. Wells, The First Men on the Moon, The Cosmopolitan, 1900. URL consultato il 9 aprile 2017.
  70. ^ (EN) L. W. Currey Inc., lwcurrey.com. URL consultato il 10 aprile 2017.
  71. ^ (EN) The first men in the Moon, catalog.lambertvillelibrary.org. URL consultato il 10 aprile 2017.
  72. ^ (EN) Isfdb - The first men in the Moon - Bowen-Merrill, isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2017.
  73. ^ (EN) The first men in the Moon - George Newes, sumnerandstillman.com. URL consultato il 10 aprile 2017.
  74. ^ (EN) Isfdb-The first men in the Moon George Newes, isfdb.org. URL consultato il 10 aprile 2017.
  75. ^ Edizioni di I primi uomini sulla Luna, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  76. ^ (EN) Pearson's Magazine - July 1901, babel.hathitrust.org. URL consultato l'11 aprile 2017.
  77. ^ (EN) Pearson's Magazine - August 1901, babel.hathitrust.org. URL consultato l'11 aprile 2017.
  78. ^ (EN) Pearson's Magazine - September 1901, babel.hathitrust.org. URL consultato l'11 aprile 2017.
  79. ^ (EN) Pearson's Magazine - October 1901, babel.hathitrust.org. URL consultato l'11 aprile 2017.
  80. ^ (EN) Pearson's Magazine - November 1901, babel.hathitrust.org. URL consultato l'11 aprile 2017.
  81. ^ (EN) Pearson's Magazine - December 1901, babel.hathitrust.org. URL consultato l'11 aprile 2017.
  82. ^ Michael Sherborne, H.G. Wells: Another Kind of Life (Peter Owen, 2010), p. 145.
  83. ^ (EN) David Lodge, Capitolo 5, in A Man of Part, Viking Pr., 2011, pp. 147 - 149, ISBN 9780670022984. URL consultato l'11 aprile 2017.
  84. ^ Edizioni di L'alimento divino, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  85. ^ Edizioni di L'alimento degli dei, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  86. ^ a b c (EN) H. G. Wells, A note on the text, in Kipps, Penguin UK, 2005 [1905], ISBN 9780141441108. URL consultato il 14 aprile 2017.
  87. ^ Edizioni di Kipps - Storia di un anima semplice, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  88. ^ Edizioni di Kipps - Storia di un anima semplice - Treves vol 1, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  89. ^ Edizioni di Kipps - Storia di un anima semplice - Treves vol 2, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Romanzimodifica | modifica wikitesto