Salama Musa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salāma Mūsā

Salāma Mūsā (in arabo: سلامه موسى‎) (Zagazig, 4 febbraio 1887Il Cairo, 4 agosto 1958) è stato un giornalista e riformatore egiziano. Nato a Zagazig da una famiglia copta, Salāma Mūsā era noto per il suo interesse riguardante la scienze e la cultura, così come per la sua ferma convinzione che l'intelletto umano fosse garanzia di progresso e prosperità.
Nel 1908 viaggiò in Europa dove studiò letteratura, filosofia, scienze sociali e naturali.

Salāma Mūsā apparteneva a un gruppo di intellettuali che riconoscevano con vigore la necessità della semplificazione della lingua araba classica e della sua grammatica, nonché del riconoscimento dell'arabo egiziano come lingua moderna egiziana: tesi tutte che infiammarono le critiche dei suoi oppositori. L'arabo letterario era rimasto inalterato per generazioni ma la maggioranza del popolo era analfabeta, spingendo così Salāma Mūsā e altri scrittori a scrivere in volgare. La semplificazione e la modernizzazione del linguaggio in Egitto rimane tuttora in discussione. I lavori di Salāma Mūsā continuano ancor oggi ad essere richiesti, anche più di prima.

Il connazionale e vincitore del Premio Nobel Naǧīb Maḥfūẓ fu profondamente influenzato dalla fede nella scienza e negli ideali del Socialismo da Salāma Mūsā, che una volta disse a proposito dei saggi di Maḥfūẓ: "Tu hai molto talento, ma i tuoi saggi non sono buoni". Dopo questo giudizio, Maḥfūẓ racconta di aver trattato i suoi temi con più attenzione.

Salāma Mūsā si ammalò gravemente e morì il 4 agosto 1958.

Pubblicazionimodifica | modifica wikitesto

  • Pensieri divini e la loro origine (1912)
  • Saggio sul socialismo (1913)
  • Le più conosciute storie d'amore nella storia (1925, rivisto e rinominato "Amore nella storia" nel 1949)
  • Questioni di lettura per le elezioni(1926)
  • Sogni di un filosofo (1926)
  • Libertà di pensiero e i suoi rappresentanti (1927)
  • Segreti della vita interiore (1927, rivisto nel 1948)
  • Oggi e domani (1928)
  • Discesa e sviluppo del genere umano (1928, rivisto 1953)
  • Storie (1939)
  • Riguardo alla vita e alla cultura (1930, rivisto e rinominato nel 1956: Cultura e vita)
  • I nostri doveri e i compiti dei paesi stranieri (1931)
  • Gandhi e la rivoluzione indiana (1934)
  • Rinascimento in Europa (1935
  • Egitto, un luogo dove iniziò la civilizzazione (1935, edizione ampliata nel 1948)
  • Il mondo in 30 anni (1936)
  • Cultura moderna inglese (1936, edizione ampliata nel 1956)
  • La nostra vita a partire da 50(1944, edizione ampliata nel 1956)
  • Libertà di pensiero in Egitto (1945, questo lavoro dimostra chiaramente quanto Salama Moussa è stato influenzato dalla cultura europea, in particolare da Voltaire)
  • Eloquenza e lingua araba (1945, edizione ampliata nel 1953)
  • Io e il tuo intelletto (1947, edizione ampliata nel 1953)
  • Il vero sentiero dei giovani (1949)
  • Tentativi psicologici (1953, rinominato "Tentativi" nel 1963)
  • Questi sono i miei mentori (1953)
  • Il libro delle rivoluzioni (1955)
  • Studi psicologici (1956)
  • La donna non è il giocattolo dell'uomo (1956)
  • Tentativi dei ragazzi (1959)
  • Scritti proibiti (1959)
  • L'umanità è l'orgoglio della creazione (1961)

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Giuseppe Contu, "Gli aspetti positivi e i limiti del laicismo in Salamah Musa (1887-1958)", su: Annali dell'Istituto Universitario Orientale di Napoli, Napoli, 1980.
  • I. I. Ibrahim, "Salama Musa: an Essay on Cultural Alienation", su: Middle Eastern Studies, 15 (1979), pp. 346–357.
Controllo di autorità VIAF: (EN81983937 · LCCN: (ENn80148728 · ISNI: (EN0000 0001 2282 3997 · GND: (DE123656591 · BNF: (FRcb11560634c (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie