Senatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Senatore (disambigua).

Antica Romamodifica | modifica wikitesto

Il termine senatore (dal latino senex, vecchio) indicava nell'antica Roma i membri del Senato, che era appunto l'assemblea dei più anziani e saggi cittadini che in età repubblicana ebbero un grande potere, che andò progressivamente sfumando in età imperiale.

Senatore di Romamodifica | modifica wikitesto

Il Senatore di Roma era il titolo che spettava, fino all'unione di Roma al Regno d'Italia (20 settembre 1870), al responsabile dell'amministrazione della città, carica che corrispondeva grosso modo all'attuale sindaco.

I senatori oggimodifica | modifica wikitesto

Al giorno d'oggi, in molte nazioni i senatori fanno parte degli organi collegiali legislativi (Parlamento), in una camera detta appunto Senato, solitamente la più alta tra le due di un sistema bicamerale, e hanno quindi poteri legislativi. In Italia tale camera ha la denominazione di Senato della Repubblica e i senatori quella di "Senatori della Repubblica" (abbreviazione Sen.).

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto