Silvio Milazzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silvio Milazzo
Silvio Milazzo.jpg

Presidente della Regione Siciliana
Durata mandato 30 ottobre 1958 –
23 febbraio 1960
Predecessore Giuseppe La Loggia
Successore Benedetto Majorana della Nicchiara

Dati generali
Partito politico Unione Siciliana Cristiano Sociale

Silvio Milazzo (Caltagirone, 4 settembre 1903Catania, 24 dicembre 1982[1]) è stato un politico italiano.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Imprenditore agricolo, era figlio di Mario Milazzo sindaco di Caltagirone e della duchessina Brigida Crescimanno d'Albafiorita appartenente a una delle famiglie più antiche dell'aristocrazia isolana. Fu direttore della Cassa San Giacomo di Caltagirone, commissario del consorzio agrario catanese e segretario provinciale della DC di Catania.

Eletto all'Assemblea Regionale Siciliana nella I (1947-1951), II (1951-1955) e III (1955-1959) legislatura con la Democrazia Cristiana.

Assessore ai Lavori Pubblici nel I e II governo regionale, all'Agricoltura nel III, IV, V e VII, alla Sanità nel VI. Nel 1955 fu eletto in aula presidente della Regione, ma rifiutò la carica, perché non era stato designato dal suo partito.

Operazione Milazzomodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Milazzismo.

Fu protagonista di un'inedita esperienza politica su scala regionale, che riverberò i suoi effetti anche sulla politica nazionale. Eletto Presidente della Regione Siciliana, guidò il IX e X governo, dal 1958 al 1959, con un'originale coalizione fra la sua Unione Siciliana Cristiano Sociale, il PSDI, il PLI, il PRI e il Movimento Sociale Italiano (Cataldo Grammatico fu assessore all'Agricoltura), con l'appoggio del PSI e del PCI (Paolo D'Antoni, Vice presidente) allora guidato in Sicilia da Emanuele Macaluso. L'operazione politica riuscì a scalzare la Democrazia Cristiana dalla guida del governo regionale siciliano con importanti conseguenze sulla politica nazionale. L'importanza della sua attività politica è tale al punto che si parla di "milazzismo" per designare alleanze politiche fra destra e sinistra per escludere dal governo il centro. Dopo le elezioni regionali del 1959 fu rieletto all'ARS con l'Unione Siciliana Cristiano Sociale, partito di cui fu fondatore e leader. Fu quindi a capo di un secondo governo, dove stavolta non vi erano più i missini, che entrò in crisi all'inizio del 1960, quando un suo esponente, Benedetto Majorana della Nicchiara, fu convinto dai maggiorenti democristiani ad accettare la carica di presidente della Regione dove fu eletto il 23 febbraio, abbandonando la maggioranza.

Milazzo nel dicembre 1962 si dimise anche dalla carica di deputato regionale[2].

Nell'aprile 1963 si candidò alla Camera con la lista "Concentrazione Unità Rurale", dove fu il più votato nella circoscrizione Sicilia II, ma non fu eletto.[3]

Notemodifica | modifica wikitesto

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Predecessore Presidente della Regione Siciliana Successore Sicilia-Stemma.png
Giuseppe La Loggia 30 ottobre 1958 - 23 febbraio 1960 Benedetto Majorana della Nicchiara
Controllo di autorità VIAF: (EN32796897 · LCCN: (ENn81085587 · ISNI: (EN0000 0000 1372 5298 · BNF: (FRcb14439238f (data)