Sociologia marxista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sociologia marxista si riferisce alla prospettiva marxista applicata alla sociologia[1]. Si può riconoscere il marxismo come filosofia politica e sociologia, in particolare nella misura in cui cerca di rimanere scientifico, sistematico e oggettivo piuttosto che puramente normativo e prescrittivo. La sociologia marxista può essere definita come "una forma di teoria del conflitto associato con [...] l'obiettivo del marxismo di sviluppare una scienza positivista della società capitalista come parte della mobilitazione di una classe operaia rivoluzionaria."[2] Il suo influsso è stato tanto importante che la Società Sociologica Americana ha una sezione dedicata ai temi della sociologia marxista; la sezione "ha lo scopo di esaminare come le intuizioni provenienti dalla metodologia e analisi marxista possono aiutare a spiegare le complesse dinamiche della società moderna"[3]. La sociologia marxista renderebbe più facile gli sviluppi della teoria critica e degli studi culturali come discipline non strettamente distinte.

Concetti e temimodifica | modifica wikitesto

I concetti chiave della sociologia marxista includono: il materialismo storico, il modo di produzione, il rapporto tra capitale e lavoro[2]. Alla sociologia marxista interessano, ma non solo, le relazioni tra società ed economia[3]. Le domande chiave poste da essa includono[1]:

  • Come fa il capitale a controllare i lavoratori?
  • Come le modalità della produzione influenzano la classe sociale?
  • Qual è il rapporto tra lavoratori, il capitale, lo stato e la nostra cultura?
  • Come i fattori economici influenzano le disuguaglianze, comprese quelle di sesso e razza?

Nel campo della teoria sociologica, la sociologia marxista, riconosciuta come uno dei maggiori paradigmi sociologici, è associata con le teorie critica e del conflitto[1].

Rispetto al marxismo, la sociologia marxista ha dimostrato di dar peso relativamente piccolo alla rivoluzione di classe[1].

In confronto con la filosofia marxista, la sociologia marxista si propone di sviluppare un obiettivo, la scienza politica economica della società invece di una filosofia critica della prassi[2].

In confronto con la sociologia economica, la sociologia marxista può essere vista come un sottoinsieme di quel campo, influenzato dal marxismo.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b c d (EN) Allan G. Johnson, The Blackwell dictionary of sociology: a user's guide to sociological language, Wiley-Blackwell, 2000, ISBN 0631216812, Google Print, p.183-184
  2. ^ a b c (EN) Marxist Sociology, Encyclopedia of Sociology, Macmillan Reference, 2006
  3. ^ a b (EN) About the Section on Marxist Sociology, www2.asanet.org. URL consultato il 17-10-2010.